Confindustria Toscana: ”Nuovo DPCM, mettiamo al primo posto la sicurezza ma riavviamo presto le produzioni”

Il sistema confindustriale toscano esprime forte preoccupazione per l’ulteriore blocco di tutte le attività produttive. Rimandare la riapertura delle aziende, indebolirà ulteriormente la tenuta del sistema economico regionale, già messa a dura prova dalla crisi e che, si stima, sta già perdendo 1,2 mld€ al mese di valore aggiunto.

Il presidente di Confindustria Toscana, all’unisono con i presidenti di Confindustria Firenze, di Confindustria Livorno Massa Carrara, di Confindustria Toscana Nord, di Confindustria Toscana Sud, dell’Unione Industriale Pisana sottolinea come la nostra sia una terra di filiere fortemente integrate, dove il blocco ha già comportato un fermo significativo delle attività industriali.

Uno stop che, in numerosi territori ha toccato punte del 90%, con un forte impatto sulla situazione delle aziende e sulla possibilità di ripresa.

Perché la recessione già in atto non si trasformi in una depressione dai costi sociali altissimi, con la perdita irreversibile di settori-chiave della nostra economia, il sistema confindustriale toscano chiede di riprogrammare in tempi rapidi la ripartenza del motore produttivo regionale, mettendo al primo posto la sicurezza dei lavoratori, ma rimodulando la stessa definizione di settore strategico.

“Per le aziende toscane lavorare in sicurezza è la priorità; la sicurezza dei nostri lavoratori viene prima di tutto: lo è sempre stata e lo sarà sempre” dice il presidente di Confindustria Toscana Alessio Marco Ranaldo.

A garanzia della massima tutela dei lavoratori che operano nelle imprese attive, sono state sottoscritte con Regione e sindacati le linee-guida regionali. E le aziende toscane si sono dimostrate all’avanguardia nella sicurezza e tutela della salute dei lavoratori.

“Se le imprese sono in grado di assicurare ai propri dipendenti di operare in sicurezza – continua Ranaldo – dobbiamo iniziare a progettare una graduale ripartenza, anche attuando interventi ulteriori di protezione. Ed è pure necessario rivalutare il criterio dell’appartenenza a settori strategici, visto che quando ci dovremo far carico dei costi ingentissimi della ripresa, tutti i settori saranno strategici”.

Il lockdown che ha messo sotto scacco la manifattura toscana sta creando situazioni di forte difficoltà per molte aziende che rischiano di perdere quelle posizioni di mercato faticosamente conquistate negli anni in contesti estremamente competitivi.

Già adesso molte imprese hanno un calo delle commesse dovuto all’impossibilità di produrre e consegnare; più questa situazione si protrarrà nel tempo, più questo si accentuerà, aumentando le difficoltà della ripartenza. Inoltre, anche le imprese che ad oggi continuano ad operare, incontrano notevoli difficoltà di approvvigionamento, dovendo agire in contesto produttivo che conta oltre il 70% delle aziende chiuse.

Occorre cominciare a lavorare alla “fase due”, perché – come ha detto anche il presidente Boccia – il motore economico si può fermare con un decreto, ma non può ripartire con un decreto. E’ necessario lavorare insieme, istituzioni e imprese, su una strategia per la ripartenza da varare con tempi industriali.

Read More

In giro per amore ma contro il decreto: sanzionato dalla Guardia di Finanza

I finanzieri del Comando Provinciale di Siena, sulla scorta delle indicazioni ministeriali ricevute, hanno intensificato i controlli in tutta la provincia allo scopo di prevenire qualsiasi comportamento che astrattamente possa rivelarsi non conforme alle misure di contenimento del contagio previste dall’ultimo Decreto Legge del 25 marzo scorso, nei confronti tanto delle attività commerciali, quanto delle persone fisiche.

Durante uno dei tanti controlli effettuati nella Valdelsa senese, una pattuglia delle Fiamme Gialle ha fermato un’autovettura condotta da un giovane che è risultato sprovvisto della prevista autodichiarazione atta a giustificare lo spostamento.

Alla domanda formulata dai militari quale fosse la necessità dell’uscita di casa, il giovane ha asserito tranquillamente che gli mancava la fidanzata, e non pensando alle restrizioni in atto, si è messo in auto per raggiungerla presso la propria abitazione.

I militari hanno così proceduto a contestare al giovane innamorato la violazione del D.L. 25 marzo 2020 n.19 che prevede il pagamento di una somma da 400 a 3.000 euro.

“L’attività, che proseguirà incessantemente su tutto il territorio della provincia – spiegano i Finanzieri di Siena -, conferma ancora una volta il costante presidio attuato dalle Fiamme Gialle senesi a tutela della collettività, coerentemente alle linee di indirizzo impartite dall’autorità di vertice del Corpo, oltre che la sempre più marcata vocazione sociale della Guardia di Finanza, sempre più polizia sociale, completamente protesa verso il cittadino onesto e l’impresa regolare che protegge, tutela e rassicura.”

Read More

Emergenza coronavirus, sempre attivi i servizi gratuiti di ascolto per gli studenti dell’Università di Siena

Le difficoltà legate all’emergenza sanitaria possono facilmente creare situazioni di disagio psicologico. Per questo all’Università di Siena sono sempre attivi i servizi di ascolto per gli studenti, quelli di counseling e di consulenza psicologica. I servizi, offerti ormai da tanti anni per promuovere un ambiente di benessere e inclusione durante tutta l’esperienza universitaria, sono gratuiti e riservati.

Si può prenotare un colloquio telefonico via Skype, raccontando come si sta vivendo questo momento, o scrivendo all’indirizzo ascoltoattivo@unisi.it.

Read More

LONTANI MA VICINI – 18 marzo 2020

Il format di Canale 3 con Franco Masoni e Cecilia Tarabochia

Lontani ma vicini – 17 marzo 2020

Il format di Canale 3 dedicato all’emergenza Coronavirus

IL COMUNICATO CONGIUNTO SINDACO, RETTORE MAGISTRATO DELLE CONTRADE E DECANO DEI CAPITANI

A seguito dell’incontro avvenuto oggi alle 12.00 nella Sala delle Lupe l’Amministrazione Comunale, il Rettore del Magistrato delle Contrade, tutti i Priori, il Decano ed il Vice Decano dei Capitani intendono comunicare a tutta la cittadinanza le decisioni prese in merito all’annata paliesca 2020.

All’unanimità, è stato stabilito lo slittamento dei due Palii del corrente anno dal 2 luglio al 22 di agosto per il Palio di Provenzano (2/7/2020), mentre il Palio dell’Assunta (16/08/2020) verrà posticipato al 26/09/2020. Read More

Palio di Siena e Coronavirus, sindaco, priori e capitani delle contrade decidono rinvio a settembre e ottobre

Sindaco, priori e capitani delle contrade hanno deciso: i Palii del 2020 non verranno annullati per l’emergenza Coronavirus ma slitteranno, a settembre ed ottobre.

L’incontro a Palazzo Comunale ha fatto propendere per questa decisione, che potrebbe essere modificata solo da una disposizione diversa a livello nazionale.

In serata Comune e Magistrato delle Contrade emetteranno un comunicato congiunto che ufficializza la decisione che sarà poi ratificata dalla giunta.

Read More

COVID-19 – Impegno congiunto delle Contrade e del Comune di Siena


Le diciassette Consorelle, con il patrocinio del Comune di Siena, intendono prestare congiuntamente il proprio supporto agli enti che sono preposti ad aiutare le persone impossibilitate a recarsi a fare la spesa o ad acquistare altri beni di prima necessità. Ogni Contrada è invitata a individuare le persone (appartenenti alla Contrada o residenti nel territorio) che possono avere necessità di usufruire del servizio. I dati devono pervenire al rispettivo Priore di Contrada entro le ore 20 di giovedì 19 marzo per essere raccolti e gestiti in maniera congiunta, in vista della prossima riunione fissata in Comune per venerdì 20 marzo ore 11.
Read More

Ricorrenza delle stimmate di Santa Caterina da Siena

La Santa Messa celebrata nella Basilica di San Domenico dall’Arcivescovo di Siena Augusto Paolo Lojudice in occasione della ricorrenza delle stimmate di Santa Caterina da Siena

START, storie di vita e d’impresa – Terrecablate Srl

Intervista all’amministratore unico di Terrecablate Marco Turillazzi

START, storie di vita e d’impresa – RCR Cristalleria Italiana

intervista all’amministratore delegato di RCR Cristalleria Italiana Roberto Pierucci

START, storie di vita e d’impresa – FAM

intervista all’amministratore FAM Paola Checcacci

Scroll to top