Condividi

news

13 Giu, 2018

Arrestato un ladro di sole e di altro

Un giovane si è introdotto illecitamente nella piscina comunale di Chianciano Terme per prendere il sole e per rubare oggetti e soldi

Da anni un ventiduenne si fa conoscere coi suoi furti a Chianciano Terme, conosciutissimo da tanti cittadini, è stato arrestato più volte dai carabinieri del luogo, che ormai lo conoscono talmente bene da riconoscerne da subito i comportamenti e il modo di agire. Col solito atteggiamento spavaldo, avendo evidentemente voglia di prendere il sole, domenica scorsa ha scavalcato il muro perimetrale della piscina comunale e si è andato ad accomodare sul prato, naturalmente senza aver acquistato il biglietto.

A quel punto il bagnino, resosi conto della presenza anomala di una persona che non aveva di certo pagato l’ingresso, come verificato in breve tempo, lo ha accompagnato all’uscita, recriminando sulla scorrettezza di quell’atteggiamento. Dopo alcuni minuti il bagnino aveva ancora modo di osservare lo stesso ragazzo tranquillamente disteso da un’altra parte della piscina. Ancora una volta l’uomo veniva accompagnato all’uscita.

A questo punto poteva essere ipotizzabile una responsabile desistenza. Non si può andare in paradiso a dispetto dei Santi, o magari bisogna pagare un biglietto. O forse la contemplazione di qualche eterea presenza femminile aveva reso irragionevole l’atteggiamento di quello sgradito ospite? Dopo alcuni minuti però qualcuno lamentava dei furti avvenuti nello spogliatoio maschile e i sospetti del responsabile della struttura ricreativa comunale si erano immediatamente orientati verso quella fastidiosa presenza. I lucchetti di due armadi metallici erano stati fatti saltare con una grossa tenaglia e due clienti della piscina erano stati derubati.

Accorrevano a quel punto i carabinieri del luogo che prendevano subito cognizione di quanto accaduto e cominciavano a sentire le persone presenti. Qualcuno aveva visto lo straniero dirigersi nell’attiguo campo sportivo. Lì si orientavano le ricerche degli uomini dell’Arma che riuscivano a catturare il fuggitivo all’interno degli spogliatoi, dove attendeva il momento buono per potersi eclissare.

Era ancora in possesso della refurtiva: un portafogli con denaro e documenti, un telefonino cellulare e un hard disk esterno da computer. Il tutto veniva recuperato e restituito alle parti lese, con loro assoluta soddisfazione.

Il giovane è stato arrestato per furto aggravato dai carabinieri. L’udienza di convalida ha dato esito favorevole per l’operato dei militari. Ne è conseguito anche un obbligo di dimora in Chianciano Terme per l’arrestato che non potrà lasciare quella località sino al mutare delle prescrizioni dell’ autorità giudiziaria, non potrà uscire di casa nelle ore notturne e dovrà presentarsi quotidianamente in caserma per firmare un registro e farsi vedere dai carabinieri, nella speranza che la frequentazione quotidiana di quel presidio dello Stato possa finalmente ispirargli maggior senso civico.