Redazione C3

Palio agosto 2017, gli orari delle previsite

Inizia lunedì Lauretta Mia e finisce Tornasol martedì 8

Il Comune di Siena ha diramato gli orari delle previsite per il Palio del 16 agosto 2017. Il primo cavallo a essere esaminato sarà Lauretta Mia, alle 7 di lunedì 7, e l’ultimo sarà Tornasol, che chiuderà la sessione delle 19 di martedì 8.

Lunedì 7 agosto
• Ore 7
LAURETTA MIA
UN FUORICLASSE
REVERENDA MADRE
ROST
LADY SPINA
RIO MANIGOS

• Ore 8
ROMBO DE SEDINI
REMO SECONDO
TERRY
OSAMA BIN
UNGAROS
QUESTURINO

• Ore 9
ROCCO NICE
REMISTIRIO
QUANTOVALI
QUERIDA DE MARCHESANA
TERESINA MIA
SAVAGE

• Ore 10
SCHIETTA
TALE E QUALE
SOGNADORA
OPPIO
TIAGO BAIO

• Ore 17
RAKTOU
SALUTE
SOLEANDROS
SAUZER
UNIDOS
TRUCIOLO BAIO

• Ore 18
QUEBECK SAURO
ORGOLESE
QUARZUS
RAOL
UN SOGNO
TOTTUBELLU

• Ore 19
SABURGHESA
QUASIMODO DI GALLURA
TRISTEZZA
POLONSKI
S’OTHIERESU
SUPERBIA DE SEDINI

Martedì 8 agosto
• Ore 6
MOROSITA PRIMA
MISSISSIPPI
PORTO ALABE
SUNTO
TORNADA
ULDERIGO

• Ore 7
PORTOROSE
RADESKI
SCANDALOSO
UTESSE
UESESE
TERREMOTO

• Ore 8
REO CONFESSO
ROSENBERG
SARBANA
TABACCO
RESOLZA
TAMARISPA

• Ore 9
TUE GALANA
UCALY
UNCINO
OMODEOS
QUE MASCA
REMOREX

• Ore 10
UGAR
RENALZOS
UNICO OZIERESE
UNAMORE
SER BONA
TRATTU DE ZAMAGLIA

• Ore 11
SARULESU ISTEDDAU
BURIANA DA CLODIA
REXY
ROCCO RO
QUORE DE SEDINI
PHATOS DE OZIERI

• Ore 17
OCCOLE’
TACITO DE OZIERI
TIEPOLO
ROTEGAGIU
TURBILLON
SMERALDO NULESE

• Ore 18
PREZIOSA PENELOPE
QUEEN WINNER
RODRIGO BAIO
SOLU TUE DUE
TABAR
TONINA

• Ore 19
URBINA BELLA
TERRIBILE DA CLODIA
UMMI UMMI
TREMENDO DA CLODIA
BOMBARDINO
TORNASOL

Il progetto “In Etruria” passa anche nel senese

La Regione metterà a disposizione circa 375 mila euro per valorizzare gli itinerari che conservano testimonianze degli Etruschi

Migliorare, attraverso la sistemazione e la messa in sicurezza degli itinerari escursionistici, la fruibilità dei percorsi di trekking che attraversano i luoghi dove ci sono testimonianze della presenza degli Etruschi. Si tratta del progetto ‘In Etruria’, per la realizzazione del quale la Regione metterà a disposizione circa 375 mila euro.

La Regione Toscana, in collaborazione con Province e Comuni attraversati, ha individuato gli itinerari escursionistici che toccano i principali siti archeologici Etruschi in Toscana: la Via Clodia; la Via Bonifica-Klanis-Colline etrusche; la Via Vetulonia- Monterotondo Marittimo; la Via Volterrana-Piombino; la Via Volterrana-Firenze-Fiesole.

La manutenzione di questi percorsi è competenza dei Comuni di Sorano, Manciano, Grosseto e Scansano (per quanto riguarda la Via Clodia ), della Province di Arezzo e Siena e dell’Unione Comuni della Valdichiana (Via Bonifica-Klanis-Colline etrusche), dei Comuni di Castiglione della Pescaia e di Scarlino (Via Vetulonia- Monterotondo Marittimo), dei Comuni di Volterra, Pomarance, Castelnuovo Val di Cecina, Monterotondo Marittimo, Sassetta, Suvereto, Campiglia Marittima, San Vincenzo e Piombino (Via Volterrana-Piombino), dei Comuni di Volterra, Casole d’Elsa, Colle Val d’Elsa, Capraia e Limite, Fiesole, Carmignano e Città Metropolitana di Firenze (Via Volterrana-Firenze-Fiesole).

«Un progetto – ha commentato l’assessore al turismo Stefano Ciuoffo – che ben si inserisce in quello più complessivo che prevede la valorizzazione e la promozione dei tanti cammini che solcano la Toscana e che ha il valore aggiunto di ripercorrere le tracce della civiltà etrusca, la cui rivalutazione e sviluppo è un obiettivo che ci prefiggiamo. Oltre al lavoro sulla Via Francigena, contemporaneamente vogliamo qualificare, attraverso la messa in sicurezza e la dotazione di una cartellonistica adeguata, tutta la rete di sentieri che si snodano su luoghi di grande interesse come quelli in cui si è sviluppata la vita e la presenza degli Etruschi in un connubio tra storia e natura».

Mps, quest’anno usciranno 1200 lavoratori

Ieri pomeriggio si è conclusa la procedura relativa alla riduzione degli organici che si colloca all’interno del Piano di Ristrutturazione 2017-2021 di Mps

Ieri pomeriggio si è conclusa la procedura relativa alla riduzione degli organici che si colloca all’interno del Piano di Ristrutturazione 2017-2021 di Mps e che prevede per il 2017 l’uscita di 1200 lavoratori tramite l’utilizzo del Fondo di Solidarietà di Settore (oltre ai 600 lavoratori che già hanno avuto accesso al Fondo il 1° maggio scorso). La platea degli aventi diritto è indicativamente di 1600 persone.

L’accordo conferma il ricorso al Fondo di Sostegno al Reddito come strumento fondamentale per gestire gli esuberi derivanti dalle ricadute progettuali del Piano di Ristrutturazione e salvaguarda il principio della volontarietà di accesso, fermi restando gli obiettivi fissati dal Piano stesso.

Potranno accedere al Fondo i Lavoratori del Gruppo che maturino il diritto ai trattamenti pensionistici AGO entro il 31 ottobre 2022.

Ai dipendenti che avranno accesso al Fondo verranno garantite le stesse  condizioni che sono state applicate in precedenza secondo l’accordo del 23 dicembre 2016. A tale proposito l’Azienda, su richiesta delle OOSS, si è resa disponibile a rivedere le condizioni previste dall’integrazione recente al documento 600 (U493).

Le domande di adesione potranno essere inserite dal 28 agosto 2017 al 16 settembre 2017 e, avvenuta l’accettazione delle stesse da parte della Banca, ciascun lavoratore interessato dovrà inserire le dimissioni online entro il 10 ottobre 2017.

L’accordo prevede inoltre un incontro di verifica tra le parti, il 21 settembre 2017, per esaminare le domande pervenute e quelle accolte, oltre ad appositi incontri in caso di modifiche normative sui requisiti pensionistici.

L’Azienda infine, su richiesta sindacale, si è impegnata a definire un percorso di condivisione riguardo alle tematiche derivanti dall’applicazione del Piano di Ristrutturazione e di verifica dei vari step di attuazione dello stesso, all’interno di un modello di relazioni sindacali che veda il coinvolgimento sempre più attivo del sindacato, attraverso un confronto continuo, sia a livello centrale che periferico, al fine di salvaguardare il clima aziendale e la professionalità dei lavoratori.

Soundreef Mens Sana, dal 17 agosto al via la campagna abbonamenti

 “Passione per Sempre”, la campagna abbonamenti Soundreef Mens Sana per la stagione 2017-2018 è stata presentata fianco a fianco dal presidente Guido Bagatta e dall’amministratore delegato Francesco Bertoletti

Si chiama “Passione per Sempre”, la campagna abbonamenti Soundreef Mens Sana per la stagione 2017-2018 che è stata presentata fianco a fianco dal presidente Guido Bagatta e dall’amministratore delegato Francesco Bertoletti.

Compito del presidente è stato di spiegare cosa c’è sotto tanta passione per il basket a Siena: un cuore biancoverde. Quindi ha rivelato che il contributo è arrivato dal creative hub romano “Yes I Am”, un’eccellenza del comparto, grazie a una scelta di passione di Silvio Ambro e Barbara Ianniello.

 Guido Bagatta ha aggiunto poi che la società si è impegnata per creare una squadra che possa far divertire. «E’ forte e spettacolare – ha aggiunto – Per forza deve dare fiducia agli sportivi e merita la fiducia di quest’ultimi».

La parola è quindi passata a Francesco Bertoletti. Egli ha confermato che grazie alla famiglia Macchi e al Consorzio “Basket e Sport a Siena” i costi per la squadra sono stati sensibilmente alzati ed il rafforzamento è stato evidente. «Quando mi parlarono di extrabudget – ha aggiunto – non ero contento, però… Guido Bagatta ha saputo portarmi motivazioni che possono anche creare risultati economici. Mi ha fatto sognare e per un amministratore non è cosa facile».

L’amministratore delegato Bertoletti ha ribadito che per quanto fosse giustificato aumentare gli abbonamenti per l’accresciuta competitività della squadra, essi sono gli stessi di un anno fa, perché, più che l’immediato risultato economico, l’obbiettivo degli investitori è di risvegliare l’entusiasmo e sollecitare la partecipazione della tifoseria. Ha annunciato che a ciascun abbonato verrà inviata una newsletter periodica e lui personalmente riserverà due ore a settimana per ricevere qualunque abbonato che abbia suggerimenti da dare. «Vogliamo comunicare di più – ha spiegato – esser trasparenti e mostrarci vicini ai nostri tifosi. Le proposte ed i suggerimenti che potranno darmi saranno sicuramente utili per migliorarci».

Francesco Bertoletti ha sentito anch’egli la necessità di ringraziare «i nostri sponsor, l’associazione dei tifosi “io tifo Mens Sana” e le molte altre che si stanno avvicinando alla Società, gli edicolanti senesi, il sindacato Sinagi e la Siena Distribuzioni del dottor Zamparelli, l’emittente RadioSienaTv e tutto lo staff Soundreef Mens Sana Basket prodigatosi senza eguali per lanciare la campagna che avrà inizio dal 17 agosto».

A questa conferenza seguirà presto un calendario di iniziative collegato alla campagna abbonamenti che è in via di formazione in quanto la Società intende sostenere qualunque iniziativa o proposta di eventi, singola o collettiva, che avrà come tema il sostegno alla Soundreef Mens Sana.

A questo punto il presidente Bagatta ha annunciato: «Ho dato disposizione alle biglietterie che, se si presenteranno quattro donne insieme a fare l’abbonamento, la quarta avrà la tessera in omaggio. L’ho chiamata Operazione Citta. Non voglio più invidiare Trento per l’incredibile numero di donne che ha al Palasport, donne che danno un senso e una diversa sensibilità alla vita della Società».

Qual è l’obiettivo numerico di questa campagna? Alla domanda, Bagatta e Bertoletti hanno rivelato di aver fatto una scommessa. Il presidente dice ben al di sopra dei 2000, l’amministratore delegato è più prudente, ma è risultato evidente che quota 2000 sarebbe obiettivo da leggere con soddisfazione.

Ci sono novità sugli accordi tra Soundreef Mens Sana e Polisportiva Mens Sana? Ha risposto solo il presidente Bagatta prima di prender commiato: «La situazione è in evoluzione. Nulla di nuovo rispetto a ieri, nulla che faccia escludere un accordo che innanzitutto è di storia, di vita e di coerenza per due società che portano lo stesso nome e hanno radici comuni».

Condannati i due ladri dell’Euronics di Colle

I due fanno parte di una banda che aveva sottratto all’Euronics di Colle Val d’Elsa beni per circa 17.000 euro

Arrivano le prime condanne per i ladri acrobati specializzati in furti di alta tecnologia, arrestati dalla polizia di Stato lo scorso 30 maggio, dopo aver commesso un colpo in un centro commerciale a Rovigo. I poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Siena erano sulle loro tracce fin dal furto che venne perpetrato nella notte del 29 marzo all’Euronics di Colle Val d’Elsa, nella nostra provincia.

B.C. di 32 anni e R.A.M. di 25 anni, cittadini di nazionalità rumena, erano stati colti con le mani nel sacco mentre stavano rubando alla nota catena di elettronica “COMET S.p.A.” nel Veneto. La coppia, unitamente ad altri complici ancora in fase d’identificazione, era specializzata nel furto di prodotti altamente tecnologici, commessi in varie parti d’Italia sempre con le stesse modalità.

In particolare, i malviventi erano abili nel calarsi dall’alto delle strutture, utilizzando delle corde per eludere i sistemi di allarme agl’ingressi, indossando passamontagna e guanti per non essere identificati.

Le indagini erano state avviate a marzo dalla Squadra Mobile senese, diretta dal commissario capo Enzo Tarquini, dopo il primo intervento dei poliziotti delle Volanti, inviati alla periferia della città dalla sala operativa, a seguito di una segnalazione di un cittadino senese che aveva notato un’autovettura sospetta e aveva chiamato la Polizia.

Dagli accertamenti svolti era, poi, emerso che la stessa auto sospetta era stata ripresa dagli impianti di videosorveglianza dell’Autopalio, subito dopo il furto perpetrato all’Euronics di Colle Val d’Elsa (Si) la notte del 29 marzo scorso. Nella circostanza i ladri, dopo aver forzato un lucernaio, erano entrati nel negozio calandosi con una corda dal tetto. Una volta all’interno, due di loro si erano impossessati di cellulari e dispositivi elettronici per un valore di circa 17.000 euro.

Dalle immagini delle telecamere, i poliziotti hanno quindi visto due giovani di corporatura esile, che si erano calati dal tetto, ed una terza persona, di corporatura robusta, che li attendeva fuori.

I successivi accertamenti investigativi svolti, anche attraverso l’ausilio di dispositivi tecnici, dalla Mobile di Siena e coordinate dalla locale Procura della Repubblica, hanno consentito di disvelare uno stabile e radicato ambiente criminale che, nell’ultimo mese, si era reso responsabile di almeno altri due tentati furti nelle province di Verona e Mantova.

Per i due rumeni le manette erano scattate quindi all’alba del 30 maggio scorso a Rovigo, quando sono stati sorpresi subito dopo aver perpetrato un furto con un bottino di circa 80.000 euro, merce che era stata restituita dalla Polizia interamente al legittimo proprietario. I due arrestati, in Italia senza fissa dimora e senza alcuna attività lavorativa apparente, erano stati accompagnati in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Nei giorni scorsi il Tribunale di Rovigo li ha condannati rispettivamente a 3 e 2 anni di reclusione, facendoli permanere alla casa circondariale veneta.

Decisiva è stata la testimonianza degli investigatori della Squadra Mobile di Siena che hanno ricostruito nel dettaglio le fasi della complessa attività che ha portato alla cattura dei ladri. Intanto proseguono le indagini per individuare gli altri componenti della banda e verificare ulteriori responsabilità per altri furti.

Tenta una rapina a Poggibonsi, arrestato

Nell’abitazione dell’uomo arrestato sono stati rinvenuti il coltello e l’abbigliamento usato durante la tentata rapina

Questa mattina intorno alle 9,45 un uomo si è presentato all’agenzia della Banca di Cambiano di via San Gimignano a Poggibonsi e armato di un coltello ha minacciato l’impiegata al fine di compiere una rapina.

La prontezza di spirito della bancaria, che ha temporeggiato nell’apertura della cassa, nonché la presenza all’interno dell’istituto di credito di altri clienti, hanno fatto sì che l’uomo, temendo l’arrivo delle forze dell’ordine, uscisse dall’istituto senza aver portato a termine la rapina.

Immediatamente allertati, i carabinieri della Compagnia di Poggibonsi si sono recati sul posto e dopo la visione delle immagini registrate dalle telecamere presenti nell’Istituto, hanno intrapreso una serie di accertamenti e indagini che nel lasso di poco tempo, hanno permesso di individuare il sospettato.

I militari si sono presentati a casa di LM. G. di 55 anni residente a Poggibonsi, personaggio conosciuto alle forze dell’Ordine per i suoi numerosi “trascorsi”.

La perquisizione domiciliare che ne è scaturita, ha permesso ai carabinieri di rinvenire e sequestrare il coltello usato dall’uomo per compiere il suo gesto e l’abbigliamento usato durante la tentata rapina.

L’uomo che non ha opposto resistenza è stato arrestato e posto a disposizione della Procura della Repubblica di Siena.

Arrestata a Colle una rapinatrice

La donna marocchina, da tempo residente in Colle Val d’Elsa,  è la responsabile di una rapina a  Siena

I carabinieri di Colle Val d’Elsa hanno arrestato una cittadina marocchina W.A. di 50 anni, nulla facente, in quanto colpita da ordine di esecuzione di pena, dovendo la stessa espiare un anno e 3 mesi di reclusione.

L’arrestata, da tempo residente in Colle Val d’Elsa,  è la responsabile di una rapina a  Siena, commessa alcuni mesi fa.

La donna è stata associata alla casa circondariale di Firenze-Sollicciano, a disposizione dell’autorità giudiziaria senese.

I seminari del Siena Jazz si concludono nelle Contrade

Gli appuntamenti con i concerti saranno nella Società Castelmontorio, nella Società L’Alba e negli Orti del Tolomei

Siena Jazz prepara il suo gran finale nelle Contrade: come tradizione saranno infatti alcune Società di Contrada ad ospitare i concerti conclusivi della 47esima edizione dei seminari internazionali estivi.

Domani venerdì 4 agosto appuntamento nella “Società Castelmontorio” della Contrada di Valdimontone, dove alle 21.45 a ingresso libero, prenderà il via un concerto in due set: nella prima parte si esibiranno il Conservatorio di Amburgo con Tilman Oberbeck (basso), Bela Meinberg (piano) Jan-Phillip Meyer (batteria) e Albin Vesterberg (chitarra). Special guest Fiete Felsch (sax alto). Nella seconda parte il palcoscenico passerà agli studenti dei corsi internazionali.

Sabato 5 agosto (sempre alle 21.45 a ingresso libero) un nuovo gruppo di allevi e docenti sarà protagonista nella Società “L’Alba” della Contrada del Bruco.

Gran finale con la maratona musicale che il 6 e 7 agosto, a partire dalle 21, nei giardini degli Orti del Tolomei nella Contrada della Tartuca porterà ad alternarsi su ben due palchi le 34 formazioni nate durante le lezioni di musica insieme nel corso dei seminari 2017, dirette ciascuna dal docente che le ha seguite e che suonerà nel gruppo come leader. Il pubblico potrà così ascoltare una varietà di differenze stilistiche e di repertorio per quella che sarà una vera e propria festa della musica.

I docenti che saliranno sul palco sono: Becca Stevens e Susanne Abbuhel (canto), Franco D’Andrea e Gerald Clayton (pianoforte), Roberto Cecchetto e Lage Lund (chitarra), Harish Ragavan e Joe Sanders (contrabbasso), Henry Cole e Roberto Gatto (batteria), Maurizio Giammarco e Ben Wendel (sassofono), Fulvio Sigurtà e Giovanni Falzone (tromba). Si aggiungono al corpo docente anche Logan Richardson (sassofono) e Chris Tordini (contrabbasso). Inizio 21 a ingresso gratuito.

Si avviano così alla fine anche i Seminari internazionali estivi di Siena Jazz che hanno offerto alla città un programma di 15 concerti, durante i quali si sono esibiti 100 gruppi musicali.

Le scadenze per le borse di studio aperte all’Università

Tutte le informazioni e i bandi sono disponibili on line sul sito dell’Ateneo all’indirizzo https://www.unisi.it/didattica/borse

Anche nei mesi estivi alcune opportunità per borse di studio e ricerca all’Università di Siena: sono diversi i bandi aperti per laureati in varie discipline e i premi di studio per gli studenti.

Scade domani, 4 agosto, il bando per l’attribuzione di una borsa di ricerca destinata ai laureati in Scienze naturali, mentre fino al 7 agosto è possibile inviare la candidatura al concorso per una borsa di ricerca per laureati in Medicina e chirurgia.

L’8 agosto è la data in cui si chiudono i bandi per l’assegnazione di due borse per attività di ricerca presso il Centro di GeoTecnologie di San Giovanni Valdarno, su “Metodi di analisi delle pericolosità geologiche e monitoraggio di fenomeni franosi in un’area mineraria dismessa” e “Elaborazione di immagini aeree provenienti da rilievi fotogrammetrici multi- e iper-spettrali con controlli a terra”.

Sono aperte fino all’8 settembre le candidature per l’assegnazione di due premi di studio riservati agli studenti iscritti al master universitario di I livello in “Comunicazione d’impresa. Linguaggi, strumenti, tecnologie”, nell’anno accademico 2016/2017.

Tutte le informazioni e i bandi sono disponibili on line sul sito dell’Ateneo all’indirizzo https://www.unisi.it/didattica/borse.

Struttura di riferimento è l’Ufficio Diritto allo studio, borse e premi di laurea, in via Bandini 25, a Siena, tel. +39 0577 235244-235245-235246, mail: borse.premi@unisi.it.

Lavoro agricolo, attivati gli elenchi di prenotazione

Le aziende agricole che ricercano personale da inserire nella propria impresa per attività generiche o qualificate possono rivolgersi al loro Centro per l’Impiego che pubblicherà l’offerta e presenterà in tempi ristretti una rosa di candidati

Diventa operativo il protocollo contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura. L’intesa, firmata a fine ottobre scorso tra Regione, Direzione Interregionale Lavoro, INPS, INAIL, associazioni datoriali del settore agricole e i sindacati, prevede anzitutto l’attivazione, da parte dei Centri per l’Impiego regionali, di specifici elenchi di prenotazione per il settore agricolo nei quali possono confluire volontariamente tutti i lavoratori disponibili alle assunzioni o riassunzioni presso le imprese agricole.

«La Regione – commenta l’assessore al lavoro Cristina Grieco – conferma il suo impegno nell’attuazione delle misure previste dal Protocollo contro il caporalato, un fenomeno che va continuamente monitorato con un’azione congiunta istituzioni, imprese e sindacati. Gli elenchi sono stati concepiti proprio con gli obiettivi di disciplinare l’attività di incontro tra domanda e offerta di lavoro stagionale a tempo determinato in agricoltura e contrastare il mercato sommerso e di assicurare una banca dati di lavoratori del settore agricolo, immediatamente disponibili, anche in possesso di qualifiche specifiche, in modo da rendere sicure e fruibili le prestazioni in tale settore. Assicurano altresì il monitoraggio dell’andamento del lavoro stagionale a tempo determinato in agricoltura, anche in considerazione degli specifici fabbisogni di manodopera nelle diverse fasi lavorative».

Le offerte sono visibili ai cittadini su IDOLWEB, nella specifica sezione ‘Visualizza Elenco stagionale agricoltura’. I lavoratori interessati all’inserimento negli appositi elenchi, devono compilare il form previsto, allegare il proprio il CV, specificare i Comuni della Provincia presso i quali sono disponibili a lavorare, il possesso di patente e di eventuale mezzo proprio. I lavoratori non comunitari devono indicare anche la tipologia del permesso di soggiorno e la data di scadenza.

Le aziende agricole che ricercano personale da inserire nella propria impresa per attività generiche o qualificate possono rivolgersi al loro Centro per l’Impiego che pubblicherà l’offerta e presenterà in tempi ristretti una rosa di candidati in possesso dei requisiti richiesti. I Centri per l’impiego gestiranno tutte le operazioni di incontro fra domanda e offerta di lavoro al fine di garantirne efficienza e trasparenza.

Per maggiori informazioni: i cittadini possono rivolgersi al proprio Centro per l’Impiego – Ufficio preselezione; le aziende possono contattare il Numero Verde gratuito Regione Toscana Servizi alle Imprese 800.904.504, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.30.

Scroll to top