Notizie

Estra sarà quotata in Borsa

I soci di Estra hanno approvato la quotazione  dell’azienda nella primavera del 2018, anticipata dall’ingresso di un nuovo socio che porterà il consolidamento di nuovi asset

Il 28 agosto 2017, l’Assemblea dei soci di Estra (Coingas di Arezzo, Consiag di Prato e Intesa di Siena) ha approvato il processo che porterà alla quotazione di Estra in Borsa (MTA) – segmento STAR. I soci hanno stabilito che la quotazione dovrà avvenire sulla base dei seguenti principi:

  • trasparenza, apertura e non discriminazione;

  • ricerca dell’eccellenza ed attenzione al territorio;

  • aderenza alle migliori prassi di mercato;

  • partecipazione pubblica maggioritaria.

La struttura definitiva dell’offerta, che comunque non potrà superare il 49% del capitale, verrà stabilita successivamente anche a seguito dell’ingresso di Multiservizi di Ancona nel capitale di Estra.

Questo fondamentale atto per il futuro di Estra è un ulteriore segno, dopo la riconferma del Consiglio di Amministrazione avvenuta il 20 luglio 2017, della coesione tra i soci e della volontà di potenziare il ruolo di Estra a livello nazionale, incrementare quantità e qualità dei servizi ai cittadini e alle imprese, contribuire al più complessivo sviluppo economico e sociale dei territori nei quali opera.

Nota del Consiglio di Amministrazione di Estra:

“La quotazione in Borsa nasce dall’incrocio di due storie: quella di Estra e quella del mercato dell’energia. L’azienda è cresciuta: è presente in tutta Italia, i suoi ricavi superano il miliardo di euro, il margine operativo lordo è di 86,6 milioni. Oggi Estra è quindi un’azienda sana chiamata a misurarsi con un mercato che cambia rapidamente e nel quale il numero degli operatori è destinato a ridursi. Estra vuole restare e anzi crescere, all’interno della fascia alta dei player nazionali.”

Il presidente di Coingas Sergio Staderini sottolinea l’importanza del mantenimento della governance pubblica: «Sono fondamentali le garanzie per i Comuni e per i cittadini, sia in termini di qualità/costo del servizio che di investimenti e di attenzione alle realtà territoriali. Nello stesso tempo crediamo che la quotazione permetta l’affermarsi di Estra come soggetto aggregante nel settore dell’energia e dei servizi e che questo produca, come ha fatto finora, una crescita nelle performance economiche del Gruppo».

«Essere arrivati a questo traguardo è motivo di grande soddisfazione – afferma Luciano Baggiani amministratore unico di Consiag – rappresenta infatti il raggiungimento di un obiettivo considerato strategico dai Comuni soci che hanno sempre dato voce all’esigenza di proposte concrete e operative per la quotazione in borsa. Significa anche essere lungimiranti e saper guardare a nuove opportunità di sostegno dei bilanci degli enti locali e quindi della capacità di spesa pubblica».

«Un’azienda coesa e motivata; una strategia chiara e un management determinato. Gli ingredienti necessari per fare un ulteriore salto di qualità in una storia di successo» dichiara Moreno Periccioli, presidente di Intesa.

Un sabato speciale al Vadichiana Outlet Village

Sabato 2 ci sarà la “Village Night” con degustazioni, shopping e Paolo Belli & Band in concerto

Metti una sera con un’autentica stella della musica e della tv, aggiungi spettacoli acrobatici, musica e shopping, il tutto accompagnato da  una straordinaria selezione di  vini e birre artigianali: il risultato è “Village Night”, l’evento “corporate” delle 5 Land of Fashion (Palmanova Outlet Village, Franciacorta Outlet Village, Mantova Outlet Village, Valdichiana Outlet Village e Puglia Outlet Village), autentiche vetrine promozionali dei rispettivi territori di appartenenza con serate all’insegna di musica,  eccellenze enogastronomiche e shopping fino a tarda sera. Sabato 2 settembre “Village Night” approda nell’incanto di Valdichiana Outlet Village con la musica e l’energia di Paolo Belli & Band in concerto, evento impreziosito da degustazioni di vini toscani e nazionali, birre artigianali, anticipato dagli sbalorditivi Steam by Sonics e seguito dalla musica di gran classe della radio italiana del Principato di Monaco, Radio Monte Carlo.

«Raccontiamo la Toscana e le sue eccellenze ai tanti visitatori e turisti – dichiara Riccardo Lucchetti, Center manager del Valdichiana Outlet Village – ma per una notte rappresenteremo tutta la Land of Fashion, con le migliori produzioni friulane, venete, lombarde e pugliesi, il concerto di Paolo Belli ad ingresso libero come da nostra migliore tradizione e i punti vendita aperti fino alle 23:30, giusto epilogo di un’estate caratterizzata da un fitto calendario di eventi organizzati dal nostro Outlet».

Lo straordinario connubio di note e sapori inizierà alle 18, protagoniste, nelle 4 isole,   prestigiose  cantine di Consorzio Cortona DOC, Consorzio Vino ChiantiConsorzio del Vino Brunello di Montalcino, Strada Vino Nobile Montepulciano e Sapori della Valdichiana Senese, oltre a 9 birrifici artigianali e vini che rappresentano i territori delle altre Land of Fashion. A partire dalle 19, il pre show degli Steam By Sonics, che insceneranno, lungo le vie della Land Of Fashion, esercizi di contorsionismo, rue cycle e spettacoli di strada. Alle 21, sul palco della piazza principale del Village, riflettori su Paolo Belli & Band: si tratta di una delle tappe del trionfale tour estivo 2017 dell’ex “Ladri di biciclette”, autentica star televisiva di “Ballando con le stelle”.  Al termine del live di Paolo Belli, il divertimento continua con la musica di Radio Monte Carlo, radio ufficiale della Village Night.

Adrenalina, stupore, musica, buon cibo e vini straordinari, per trasportare gli spettatori negli spazi nascosti, infiniti e meravigliosi, di un percorso guidato alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche che fanno della nostra regione una delle mete più ambìte per gli amanti del “savoir vivre”.

Poggibonsi, c’è il progetto per la riqualificazione di piazza Mazzini

Il costo dell’operazione, che cambierà volto alla piazza davanti alla stazione di Poggibonsi, sarà di 2,3 milioni di euro

E’ completata la progettazione esecutiva per l’intervento di riqualificazione di piazza Mazzini che prenderà il via nel 2018. L’obiettivo dell’Amministrazione comunale è quello di ottenere una nuova distribuzione degli spazi, qualità, sicurezza e valorizzazione della funzione sociale della piazza.

«Uno spazio – dice il Sindaco David Bussagli – che sarà restituito alla comunità come spazio pubblico. Questa piazza è centrale per la nostra città e per tutto il territorio e deve essere valorizzata come porta d’accesso della Valdelsa, come cerniera di collegamento dentro la città, come luogo sociale, vissuto dalle persone, spazio di vita e di relazione».

Piazza Mazzini venne ricostruita nell’immediato dopoguerra in seguito ai pesanti bombardamenti a cui fu sottoposta. Prima di allora la piazza si sviluppava nella sola parte alta, a ridosso del centro. Nel tempo la piazza ha mantenuto i connotati acquisiti nel dopoguerra e oggi si estende per 7.800 mq, con forma rettangolare allungata e andamento degradante verso la stazione.

«Una città che cambia e che si evolve vede cambiare nel tempo anche gli spazi e il significato che essi assumono per i cittadini – dice il Sindaco – Piazza Mazzini cambierà volto pur mantenendo tutte le funzioni, compresa quella di snodo viario. Sarà però uno spazio unico, aperto, con la viabilità organizzata in maniera più funzionale e quindi con nuova distribuzione di percorsi, luoghi di socializzazione, aree di sosta. Una riqualificazione con cui restituire a questo luogo i valori sociali ed estetici di cui è privo, migliorandone la qualità, la sicurezza e la funzionalità».

«La necessità di rigenerare piazza Mazzini è emersa in maniera forte all’interno della città – dice il Sindaco – Il lavoro effettuato nell’ambito del Progetto di Innovazione Urbana ci ha consentito di cogliere questa opportunità e di trasformarla in un’opera pubblica. Abbiamo iniziato a ragionare di questo progetto nella seconda metà del 2015 e da allora vi sono stati incontri pubblici, altri promossi da associazioni, altri ancora con cittadini che lavorano e vivono in piazza Mazzini. Il progetto è stato tempo modificato, si è evoluto ed è migliorato grazie ai tanti contributi raccolti. Torneremo presto ad incontrare i cittadini. Il percorso continua e un passo dopo l’altro ci porterà alla gara e quindi all’avvio del cantiere. Poggibonsi guarda avanti».

Tutti gli spazi della piazza saranno ridefiniti e quelli destinati alla socializzazione saranno valorizzati e aumentati anche attraverso cura dei materiali, scelte cromatiche e di arredo, pavimentazioni in pietra. Vi sarà la stazione di bike sharing, nuove alberature, siepi ed aiuole. Le aree a verde e le aree a parcheggio saranno riconfigurate in modo da avere una distribuzione degli spazi ben concepita e visivamente distinta a seconda delle diverse funzioni. Alcuni spazi per la sosta saranno recuperati nelle due aree limitrofe, area Sardelli e ex scalo merci, su cui c’è un lavoro di progettazione in corso. Contestualmente alla demolizione dei piani viari e al rifacimento del sistema fognario, saranno riorganizzati i sottoservizi (in collaborazione con gli enti gestori). Sarà realizzato un nuovo sistema di illuminazione con tecnologie LED.

Nel dettaglio, nella parte alta della piazza sorgerà un’ampia area a verde attrezzata con vialetti pedonali, con percorsi trasversali e obliqui per consentire il loro sviluppo in piano. La viabilità sarà ridisegnata in maniera tale da ridimensionare il valore e l’importanza del traffico. La via di accesso sarà collocata sul lato destro con un ampio marciapiede di circa sette metri di fronte agli edifici e una fascia alberata a separarlo dalla strada che si conclude in una rotatoria sul fronte della stazione per consentire l’accesso ai due parcheggi laterali, nonché l’avvicinamento e la manovra dei mezzi di trasporto pubblico. Le corsie di accesso ai due parcheggi saranno distanziate dall’edificio, in modo da consentire la realizzazione di una piazza pavimentata ad uso esclusivamente pedonale. La continuità con la parte superiore sarà garantita da attraversamenti rialzati di cui sarà sottolineata tramite pavimentazione la funzione pedonale. Oltre la porzione pavimentata di fronte alla stazione, la piazza avrà uno spazio ampio, a forma di semicerchio, separato dall’area sottostante tramite una breve scalinata degradante. In questo spazio tutti gli elementi richiameranno l’attenzione verso il centro in cui sarà collocato il monumento alla Resistenza, che si trova oggi al centro della fontana. Il monumento ai Caduti sarà ricollocato nel nuovo giardino, nella parte alta (primo terrazzamento). Fra lo spazio pavimentato della piazza e il verde sarà inserita una fontana a raso, come elemento di mediazione fra le due zone.

L’intervento di riqualificazione di piazza Mazzini ha un costo complessivo di 2,3 milioni di euro e si realizza all’interno del Progetto di Innovazione Urbana cofinanziato con risorse europee dalla Regione Toscana e presentato dai Comuni di Poggibonsi e Colle di Val d’Elsa.

Continua la parziale chiusura al traffico in via dei Termini

Sarà interdetto al traffico il tratto tra piazza Indipendenza e vicolo del Coltellinaio

Mentre è stato riaperto in anticipo, rispetto al cronoprogramma dei lavori di Acquedotto del Fiora, il tratto di via dei Termini compreso fra le intersezioni con le vie del Cavalletto e Pianigiani, a partire dalla mattina di domani, 29 agosto, la stessa via dei Termini sarà interdetta al transito veicolare fra piazza Indipendenza e vicolo del Coltellinaio.

Ai veicoli autorizzati per le operazioni di carico e scarico nel tratto tra vicolo del Coltellinaio e il civico 5 è consentito il transito con senso unico alternato. Tra i vicoli del Coltellinaio e della Torre sarà istituito il senso unico di marcia in direzione del primo.

Il provvedimento resterà in vigore fino alle 12 di venerdì 8 settembre.

Il fantasma di Oscar Wilde diventa un musical per San Galgano

Mercoledì 30 agosto alle 21.15, nel tempio a cielo aperto, si recita  la commedia musicale inedita di Clara Cosci che fa rivivere Oscar Wilde e la stirpe dei Canterville

Sarà una notte piena di magia musica e solidarietà quella di mercoledì 30 agosto, quando, alle 21.15, l’Abbazia di San Galgano (Chiusdino – Siena) ospiterà Il castello spettrale e l’ovvia fine del male, la commedia musicale inedita, scritta e diretta da Clara Cosci, che si ispira liberamente a Oscar Wilde e alle vicende della stirpe dei Canterville.

Grazie alla collaborazione con il Comune di Chiusdino,  l’Accademia di Canto Moderno di Siena torna nel meraviglioso tempio a cielo aperto per proporre un musical originale che trasformerà uno degli spazi più belli e suggestivi del mondo in un castello popolato da insoliti personaggi.

Una divertentissima galleria di fantasmi, nobili decaduti, ricchi borghesi e composti maggiordomi racconta dell’incontro – che inevitabilmente è anche uno scontro – tra due diversi mondi e due differenti culture.

Quasi quaranta cantanti, attori e ballerini danno vita ad un allestimento pieno di colpi di scena, dove si ride e ci si commuove: saranno valori quali l’accoglienza, la generosità e l’amore disinteressato a regalare un immancabile lieto fine.

La vicenda è ambientata negli anni ’50 e di quel periodo sono anche i brani che compongono la colonna sonora i cui testi italiani, interamente riscritti dalla stessa Clara Cosci, tessono la trama narrativa dello spettacolo.

Tra le curiosità, quest’anno è l’opera della pittrice Francesca Leonzi, vincitrice del concorso nazionale indetto dall’Accademia a firmare il manifesto che accompagna lo spettacolo.

Ma protagonista della serata oltre al divertimento sarà la solidarietà: l’ingresso è libero, ma chi vuole potrà fare una donazione. Il ricavato sarà devoluto a una famiglia che vive nel territorio, per aiutarla a combattere la malattia della loro bambina. Info e prenotazioni 3886519272

Al Circuito di Siena le finali del Campionato Italiano ACI Karting 2017

Dal 1° al 3 settembre al Circuito di Siena la quinta e ultima prova del Campionato Italiano con tutti i protagonisti del Tricolore Karting

C’è già molto fermento al Circuito di Siena in attesa della prova finale del Campionato Italiano ACI Karting, in programma sulla pista di Castelnuovo Berardenga il 3 settembre per l’assegnazione delle 9 corone riservate al Tricolore 2017.

Intanto il paddock del Circuito di Siena si presenta già al gran completo. Nei giorni scorsi per i test pre-gara, oltre 180 piloti hanno provato la pista per mettere a punto il materiale in vista dell’appuntamento finale di domenica prossima, che avrà appunto il compito di attribuire tutti i titoli del Campionato Italiano nelle categorie KZ2, 60 Mini, OK-Junior, ACI Kart, ACI Kart Junior, KZ3 Junior, KZ3 Under, KZ3 Over e KZ4.

I LEADER DI CLASSIFICA. Al Circuito di Siena saranno presenti tutti i più accreditati piloti per la vittoria finale e definire tutte le classifiche di Campionato che ancora sono aperte a qualsiasi risultato. In KZ2 è al comando Marco Zanchetta (Maranello-Tm), autore di due vittorie a Lonato e Sarno; nella 60 Mini conduce Gabriele Minì (Parolin-Tm) con tre vittorie a Sarno, Battipaglia e Adria; nella OK-Junior è al comando il russo Alexey Brizhan (Tony Kart-Vortex), con tre vittorie, due a Lonato e una ad Adria; nella ACI Kart è in testa Danny Carenini (Tony Kart-Iame) autore di una doppia vittoria a Lonato e un successo ad Adria; nella ACI Kart Junior conduce Aleksander Bardas (DR-Iame), già campione lo scorso anno, autore finora di 4 vittorie, due a Sarno e due ad Adria; in KZ3 Junior è al comando Luca Bombardelli (Maranello-Tm) con una vittoria a Sarno; in KZ3 Under il leader è Riccardo Melas (Sodikart-Dea) con quattro piazzamenti; nella KZ3 Over è l’ex campione europeo Roberto Profico (Sodikart-Tm) a condurre, con due vittorie a Sarno e Adria; in KZ4 è in testa Maurizio Giberti (Maranello-Tm) con una vittoria a Battipaglia.

Il programma del weekend di Siena inizierà giovedì 31 agosto con le verifiche sportive, mentre le prove libere prenderanno il via venerdì 1° settembre. A seguire le prove  cronometrate, le manches di qualificazione che impegneranno tutta la giornata di sabato 2 settembre e quindi domenica 3 settembre le doppie finali in diretta TV su AutomotoTV (Sky canale 148), e in diretta streaming su www.acisportitalia.it www.sportube.tv tramite il canale Sportube TV e www.automototv.it.

A SIENA ANCHE PREMI SPECIALI. Per l’occasione il Circuito di Siena oltre ai trofei per il podio, ha predisposto anche una premiazione speciale con gadget importanti offerti da “Acqua & Sapone” per i primi 3 classificati di ogni Finale.

Una ulteriore iniziativa riservata alla 60 Mini è patrocinata da “Formula Medicine” che offrirà ai primi due classificati di gara 1 e gara 2 la possibilità di partecipare gratuitamente al Summer Training Camp che si terrà presso la sede di “Formula Medicine” dal pomeriggio di lunedì 4 alla mattinata di giovedì 7 Settembre con un programma di allenamento atletico e psico-fisico.

IL REGOLAMENTO IN SINTESI. Nella prova di Siena il punteggio avrà il coefficiente 1,5 ad esclusione delle categorie KZ3 e KZ4. Anche a Siena sono due le finali da disputarsi per ogni categoria, la prima finale con 60 punti per il primo e a scalare fino al 15mo classificato, la seconda finale (con griglia invertita nelle prime 8 posizioni sulla base dell’ordine d’arrivo di Gara-1) con 39 punti per il primo e a scalare fino al 13mo classificato. Ai fini del punteggio finale, ogni classe è considerata costituita con un minimo di 15 piloti verificati, diversamente il punteggio è ridotto del 50%. Per le classi KZ2, 60 Mini, OK-Junior, ACI Kart, ACI Kart Junior, la classifica finale del Campionato Italiano Karting Conduttori 2017 è determinata dalla somma dei migliori otto punteggi, per le classi KZ3 e KZ4 dalla somma dei migliori quattro punteggi.

MONTEPREMI FINALE. Il montepremi messo a disposizione da ACI Sport per il 2017 è di 50.000,00 Euro, così suddiviso: KZ2, OK, OK-Junior, ACI Kart, ACI Kart Junior, 60 Mini: per ogni categoria Euro 3.000,00 al primo classificato, Euro 2.000,00 al secondo e Euro 1.000,00 al terzo; KZ3 Junior, KZ3 Under, KZ3 Over, KZ4: per ogni categoria Euro 2.000,00 al primo classificato, Euro 1.000,00 al secondo e Euro 500,00 al terzo.

Classifiche e risultati del Campionato Italiano ACI Karting su www.acisport.it/it/CIK/home

IL CALENDARIO DEL CAMPIONATO ITALIANO ACI KARTING 2017

1ª prova. 29-30 aprile 1. maggio 2017
South Garda Karting, Lonato del Garda (Brescia)
Categorie: KZ2, 60 Mini, OK, ACI Kart, OK-Junior, ACI Kart Junior, KZ4

2ª prova. 26-27-28 maggio 2017
Circuito Internazionale di Napoli, Sarno (Salerno)
Categorie: KZ2, 60 Mini, OK, ACI Kart, OK-Junior, ACI Kart Junior, KZ3

3ª prova. 2-3-4 giugno 2017
Circuito del Sele, Battipaglia (Salerno)
Categorie: KZ2, 60 Mini, OK, ACI Kart, OK-Junior, ACI Kart Junior, KZ4

4ª prova. 14-15-16 luglio 2017
Circuito Adria Karting Raceway, Adria (Rovigo)
Categorie: KZ2, 60 Mini, OK, ACI Kart, OK-Junior, ACI Kart Junior, KZ3

5ª prova. 1-2-3 settembre 2017
Circuito di Siena, Castelnuovo Berardenga (Siena)
Categorie: KZ2, 60 Mini, OK, ACI Kart, OK-Junior, ACI Kart Junior, KZ3, KZ4

Estra compra il più grande parco fotovoltaico pubblico della Toscana

Estra acquisisce il 100% di Cavriglia e il 98% di Tegolaia, le due società proprietarie del parco fotovoltaico dell’ex area mineraria di Santa Barbara

Estra diventa proprietaria del più grande parco fotovoltaico pubblico toscano, acquisendo il 100% del capitale sociale di Cavriglia SPV Spa e di Tegolaia SPV Spa. Estra deteneva già il 44,44% di Cavriglia e il 49% di Tegolaia.

Le due società sono titolari delle concessioni stipulate con il Comune di Cavriglia per la conduzione del parco fotovoltaico situato nell’ex area mineraria di Santa Barbara. Il parco ha un’estensione di 43 ettari di superficie e una potenza installata di 17 megawatt in grado di fornire energia per circa 20mila abitanti. E’ stato progettato e realizzato per il recupero e la valorizzazione paesaggistica di un‘area degradata quale quella dell’ex miniera (divenuta poi anche discarica), con una perfetta integrazione nella morfologia dei luoghi. La produzione di energia elettrica del parco riduce le emissioni in atmosfera di gas serra nella misura di 9.000 tonnellate all’anno di anidride carbonica, pari ad un risparmio di 3.500 TEP (Tonnellate Equivalenti Petrolio).

«Con questa operazione – dichiara Francesco Macrì, presidente di Estra – il nostro gruppo si rafforza nel settore delle rinnovabili, portando ulteriore valore ad un territorio storico fondamentale quale quello aretino. Si tratta ovviamente di una scelta strategica aziendale, ma ha anche il pregio di associare i risultati economici a positive ricadute ambientali. L’impianto di Cavriglia è ancora più virtuoso perché ha recuperato un’area degradata rendendola ecologicamente produttiva».

Il venditore CCC Consorzio Cooperative Costruzioni è stato assistito dal dottor Pier Paolo Valentini, in qualità di advisor finanziario. Estra è stata affiancata dall’avvocato Leonardo Masi dello Studio Giovannelli & Associati per gli aspetti legali.

Parcheggio dello Stadio chiuso per la caduta di un albero

Un pino è  caduto ieri prima di Robur Siena – Lucchese. Resta disponibile il parcheggio Fortezza

Il parcheggio allo Stadio è chiuso in seguito alla caduta di un pino, avvenuta intorno alle 18 di ieri prima della partita Robur Siena – Lucchese. Al momento del fatto, l’area vicina alla tribuna centrale era sgombera per le operazioni di preparazione in vista del match.

I tecnici sono al lavoro per rimuovere l’albero dalla sede stradale e per mettere in sicurezza l’area. Al termine dei lavori il parcheggio Stadio sarà riaperto al pubblico. Resta comunque perfettamente agibile il parcheggio Fortezza.

Irene Siragusa super, è oro nei 200 metri alle Universiadi

La Siragusa ha vinto l’oro stabilendo il proprio record personale sulla distanza

https://www.youtube.com/watch?v=UU45cZI0Li4

Irene Siragusa si supera e vince l’oro nei 200 metri alle Universiadi di Taipei. L’atleta colligiana aggiunge così la medaglia più pregiata a quella d’argento conquistata due giorni fa nei 100 metri.

La Siragusa, oltre alla vittoria, ha ottenuto pure il proprio record personale sulla distanza, fissandolo a 22.96.

Posticipato al 15 settembre il divieto di accensione di fuochi

La scadenza prevista dalla normativa regionale sarebbe il 31 agosto, ma la siccità ha portato la Regione a decidere per il prolungamento

E’ stato posticipato al 15 settembre prossimo il periodo a rischio per lo sviluppo di incendi boschivi e il conseguente divieto assoluto di abbruciamento di residui vegetali agricoli e forestali, lo ha deciso la Regione Toscana. La scadenza prevista dalla normativa regionale sarebbe il 31 agosto: la proroga si è resa necessaria di fronte al perdurare di questa estate siccitosa, nella quale si mantiene molto elevato il rischio di innesco e propagazione di incendi. Le previsioni meteo a medio termine elaborate dal Consorzio LaMMA inoltre forniscono indicazioni su probabili prevalenti condizioni di alta pressione con tempo stabile e temperature generalmente al di sopra dei valori medi fino almeno al 4-5 settembre.

Gli incendi nel mese di agosto
La proroga del periodo a rischio si lega inoltre alla necessità di fronteggiare con gli strumenti della prevenzione un’estate che è stata caratterizzata da un gran numero di roghi. Nel mese di agosto si sono verificati sin qui ben 209 incendi ed è andata a fuoco una superficie boscata pari a 429,5 ettari (con una media a evento di poco superiore ai 2 ettari).

Per gran parte di questi incendi (ben 142) la superficie bruciata che è rimasta contenuta entro l’ettaro mentre sono appena 14 gli incendi con superficie superiore ai 5 ettari e uno solo di grandi dimensioni, quello che ha interessato il territorio di Radicondoli, in provincia di Siena (70 ettari di superficie boscata).

I dati dell’agosto 2017 sono ampiamente superiori a quelli dell’ultimo quinquennio e invece ravvicinabili ai dati dell’agosto 2012, altra annata fortemente siccitosa: allora in tutto il mese di agosto ci furono 259 incendi che interessarono una superficie boscata di 414 ettari.

Per quanto riguarda la distribuzione per province in questo mese il numero di incendi più alto si è avuto in quella di Firenze (35) seguita da Lucca (34), Grosseto (29), mentre se si analizza la superficie bruciata la provincia più colpita è Pisa (154 ettari), seguita da Siena (71) e e Lucca (68).

Cosa si prevede nel periodo di rischio
Oltre al divieto di abbruciamento di residui vegetali, nel periodo a rischio il regolamento forestale della Toscana vieta qualsiasi accensione di fuochi, ad esclusione della cottura di cibi in bracieri e barbecue situati in abitazioni o pertinenze e all’interno delle aree attrezzate. Anche in questi casi vanno comunque osservate le prescrizioni del regolamento forestale. In deroga, l’ente competente su ciascun territorio può autorizzare attività di campeggio anche temporaneo e fuochi anche pirotecnici, tramite autorizzazioni che contengano le necessarie prescrizioni e precauzioni da adottare per scongiurare qualsiasi rischio di innesco di incendio.

La mancata osservanza delle norme di prevenzione comporta l’applicazione di pesanti sanzioni previste dalle disposizioni in materia.

I cittadini sono invitati a segnalare tempestivamente eventuali focolai al numero verde della Sala operativa regionale 800 425 425 o al 115 dei Vigili del Fuoco.

Scroll to top