E’ pronta la macchina della sicurezza con le misure previste dal questore di Siena Costantino Capuano per il Palio del 2 luglio e per le sei prove

Ieri, giovedì 27 giugno, si è infatti tenuto il Tavolo Tecnico, che segue il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto.
Alla riunione operativa, hanno partecipato tutti i rappresentanti delle Forze e Corpi di Polizia e degli enti ed aziende interessati alle manifestazioni del Palio, oltre al Rettore del Magistrato delle Contrade.

Il Questore, in apertura della riunione, ha illustrato le misure pianificate per le quattro giornate d’impegno in vista della carriera di martedì, sottolineando che, in linea generale, è confermato il dispositivo già adottato lo scorso agosto.

Capuano, nel rivolgersi al Rettore del Magistrato delle Contrade, ha richiesto nuovamente la massima collaborazione del mondo contradaiolo, dimostrata anche nelle scorse occasioni con l’obiettivo comune di garantire la sicurezza di tutti, senesi e turisti.

Le attività preventive a carattere generale e di controllo del territorio, già intensificate nel corso dell’ultimo mese, con particolare riguardo alle zone di confine tra le Contrade rivali, sono state ulteriormente incrementate a partire da domani, in tutto il centro storico ed in periferia, nelle vie di accesso alla città, con attenzione anche alle aree di parcheggio principali.

I servizi, coordinati dal dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Siena, coadiuvato da un ufficiale dei Carabinieri, verranno effettuati con l’impiego di personale dei Reparti Prevenzione Crimine della Polizia di Stato, e degli equipaggi dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

Oltre a garantire il regolare svolgimento delle prove e del Palio, l’obiettivo delle attività di controllo, anche a vasto raggio, che vedono l’impiego di personale in abiti civili ed in uniforme, è quello di prevenire e reprimere la commissione di reati contro il patrimonio, come scippi e borseggi e furti negli appartamenti, specie nei periodi in cui sono lasciati incustoditi.

Scroll to top