Femminicidio: donata la prima panchina rossa all’ospedale di Campostaggia

Protesta, denuncia, solidarietà e speranza. La panchina rossa donata all’ospedale di Poggibonsi in località Campostaggia dai due Rotary club dell’Alta Valdelsa e della Valdelsa vuole essere questo e altro ancora: la condivisione di un problema che riguarda in particolare le donne sia fuori che dentro l’ospedale, vittime
di maltrattamenti e soprusi.
“La ‘Panchina Rossa’ è frutto di un percorso di sensibilizzazione e di informazione. Rappresenta un luogo, un momento di confronto e di riflessione sulla violenza contro le donne e sui cambiamenti culturali necessari per sconfiggerla – ha commentato Simonetta Sancasciani, direttore del presidio ospedaliero di Campostaggia dell’Azienda USL Toscana Sud Est -. La sua presenza ha lo scopo di indurre i cittadini a non dimenticare e a mantenere alta l’allerta. Serve a ricordare alle donne, e non solo a loro, che non bisogna accettare nessun atto violento, a cominciare dall’uso di parole offensive o di espressioni sconvenienti quanto lesive della propria dignità, spesso il primo passo di un’escalation”.

Scroll to top