Giango firma la comunicazione del Siena Awards 2021, festival internazionale della fotografia e delle arti visive

Porta la firma dell’agenzia Giango la comunicazione dell’edizione 2021 del Siena Awards, il festival internazionale della fotografia e delle arti visive in corso a Siena fino al 5 dicembre e che nelle ultime settimane ha acquisito grande notorietà per aver premiato come vincitore assoluto del SIPA 2021, Siena International Photo Awards, lo scatto “Hardship of life” del turco Mehmet Aslan.

L’immagine ritrae un padre, Munzir, senza la gamba destra a causa di una bomba caduta quando si trovava in un bazar di Idlib, in Siria, mentre prende in braccio sorridendo il figlio Mustafa, nato senza gli arti inferiori e superiori a seguito di una malformazione causata dall’assunzione di farmaci da parte della madre Zeynep colpita dal gas nervino durante la guerra in Siria. Da quella foto, che ha fatto rapidamente il giro del mondo e impressionato tutti per il forte impatto emotivo, è partita, grazie al Siena Awards, una raccolta fondi e una straordinaria gara di solidarietà che presto porterà in Italia Munzir e Mustafa per essere operati al Centro Protesi Vigorso di Budrio, in provincia di Bologna. Per Giango, che cura la comunicazione del Siena Awards fin dalla nascita della manifestazione nel 2015, l’edizione 2021, composta da 8 esposizioni in altrettante location differenti, rimarrà straordinaria anche per aver curato con successo due mostre diffuse allestite a Siena e Sovicille, borgo a pochi km dalla città del Palio.

Per Siena, Giango ha ideato e realizzato la mostra “OPEN. Apriamo la porta al mondo”, organizzata dal Comune di Siena nell’ambito del Siena Awards 2021. L’iniziativa coinvolge oltre 100 botteghe e negozi della Y storica del centro senese (via Banchi di Sopra, via Banchi di Sotto e via di Città) che hanno accolto nelle loro vetrine e negli spazi interni le immagini della mostra “Imagine All The People Sharing All the World” allestita in occasione del Siena Awards 2020 e chiusa prematuramente lo scorso anno a causa del lockdown. L’esposizione rappresenta, così, una sorta di riavvolgimento del nastro per ripartire dal mondo prima del Covid-19 e trasformare le location diffuse dei negozi in spazi originali pronti a raccontare le tante e variegate culture e anime della fotografia internazionale che contraddistinguono, da sempre, il Siena Awards.

Sovicille, invece, Giango ha curato la mostra “Animalia. Il mondo dell’immaginazione non ha gabbie”, che ha ‘liberato’ nel centro storico del paese oltre 40 animali collocati su facciate, finestre e porte tamponate dei palazzi con immagini suggestive e capaci di catturare l’attenzione dei visitatori. L’esposizione, sviluppata con un percorso ad anello, ha trasformato così il borgo a pochi km da Siena in un ‘parco zoologico immaginario’ coinvolgendo il territorio senese nel Siena Awards e stimolando anche nuove opportunità di promozione turistica. La mostra “Animalia. Il mondo dell’immaginazione non ha gabbie” è stata organizzata dal Comune di Sovicille, in collaborazione con Siena Awards.

“La collaborazione fra Giango e Siena Awards – afferma Simone Giannettoni, account di Giango – si rafforza ogni anno con nuove idee e straordinari risultati legati al mondo della fotografia e delle arti visive e ai grandi nomi che il festival sa attrarre sempre di più, forte di una crescente qualità ed esperienza maturate negli anni. L’edizione 2021 sarà ricordata per la straordinaria foto che ha vinto il SIPA 2021 e fatto il giro del mondo e siamo orgogliosi di aver dato un contributo a questa bellissima vicenda, che vede Siena in prima fila e protagonista per dare un futuro migliore ai due protagonisti della foto”.

“Da sempre – aggiunge Giampiero Cito, direttore creativo di Giango – il Siena Awards è una grande fucina di idee e insieme a questa grande famiglia, di cui siamo onorati di far parte fin dall’inizio, abbiamo creato e sviluppato le due mostre diffuse a Siena e Sovicille. Tutto è partito dal successo della mostra diffusa curata lo scorso anno a Siena, “Non potevamo immaginare l’inimmaginabile”, che ha raccontato il mondo in pieno lockdown nella prima ondata della primavera 2020 con video realizzati in numerose città dei cinque continenti. Forti di quella esperienza e della volontà di guardare oltre la pandemia, abbiamo pensato di rilanciare le immagini del SIPA 2020 che molte persone non avevano potuto vedere dando alla mostra un titolo che richiama la scritta sulla porta dei negozi di tutto il mondo quando sono aperti e la voglia di ripartire tutti insieme dopo mesi di chiusure e restrizioni”.

“Anno dopo anno – aggiunge Luca Venturi, fondatore e direttore artistico del Siena Awards – Giango è diventata sempre di più un elemento determinante nella squadra del Siena Awards concorrendo, grazie alla sua indiscussa professionalità e all’entusiasmo che ha sempre riversato nel progetto, alla crescita di un’iniziativa di caratura internazionale. Abbiamo sognato assieme e continueremo a farlo a lungo, grazie all’immaginazione e alla voglia di stupire che ci contraddistingue”.

Scroll to top