Il ritorno dei tifosi allo stadio non basta: Siena-Montevarchi 1-3

Un bellissimo match quello visto oggi tra Siena e la capolista Montevarchi. Una partita di enorme peso per entrambe le squadre: i bianconeri che vogliono assolutamente trovare i playoff, mentre l’Aquila Montevarchi che vuole vincere il campionato e salire in Lega Pro.
Dopo tanto tempo finalmente al Franchi si rivedono i tifosi, i quali sono un valore importantissimo per qualsiasi squadra quando gioca in casa. Infatti i ragazzi di Gilardino scendono in campo con la giusta mentalità e dopo soli cinque minuti di gioco si fanno vedere in attacco, quando D’Iglio recupera una palla a centrocampo e serve Gibilterra, il quale viene atterrato fuori area dal portiere Giusti, ma per l’arbitro è solo cartellino giallo, scelta alla fine giusta poiché il portiere ha preso il pallone prima dell’avversario. Il primo tempo prosegue con ritmi molto alti e le squadre sembrano equivalersi, ma al 13’ è il Montevarchi a trovare il vantaggio con Calosci: il numero 9 Frugoli entra in area con un repentino cambio di direzione e mette in mezzo un pallone che viene deviato più volte, per poi finire tra i piedi del numero 15 rossoblu, il quale a tu per tu con Gragnoli (ancora una volta preferito a Narduzzo per la questione quote) non può sbagliare. 1-0.
Da questo gol il Montevarchi prende fiducia e si fa più volte pericoloso, ma la difesa ed il portiere Gragnoli reggono molto bene. Dopo qualche minuto di attacchi rossoblu, anche la Robur si fa vedere, e al minuto 32 va vicinissima al pareggio con Martina, che da fuori stampa una traversa clamorosa con un tiro molto potente. I bianconeri sono in partita e ci credono, spinti anche dai propri tifosi, e al 41’ trovano una punizione molto vicina all’area avversaria, ma da posizione defilata: sul pallone si piazza D’Iglio, uno specialista di questi calci, e non a caso mette un cross teso e perfetto sul secondo palo che consente a Farcas di insaccare facilmente in rete.
Si va così dunque negli spogliatoi con il risultato di 1-1, primo tempo molto bello e intenso.
Nella ripresa invece, i ritmi a cui il pubblico ha assistito prima non sono gli stessi e il gioco sempre essersi un po’ addormentato. Il Montevarchi però sfrutta bene le ripartenze e gli inserimenti dei sui giocatori e al 50’,

Frugoli ha una grande occasione a pochi metri dalla porta, ma manda fuori sull’esterno della rete.
Al 59’ è il portiere di casa Gragnoli ad iscriversi tra i protagonisti, effettuando una parata molto difficile su un colpo di testa ravvicinato di Jallow. La Robur però sembra soffrire e al minuto 75 si ripresenta il duello Jallow-Gragnoli, ma ancora una volta il portiere bianconero salva i suoi con una grande parata su tiro ravvicinato.

Nonostante gli attacchi del Montevarchi, il Siena prova comunque a giocare e a costruire dal basso ma al 77’ qualcosa non va: Gragnoli serve una palla verticale ad Agnello sulla propria trequarti, ma il pressing rossoblu è efficace ed il numero 10 Biagi recupera palla, ed essendo Gragnoli ancora fuori porta, riesce con facilità a depositare la palla in gol, 1-2.

Non passa neanche un minuto che il Montevarchi raddoppia con Jallow: un cross in area, dove il numero 21 fa molto bene la sponda di testa per Frugoli, il quale rimette in mezzo e ritrova Jallow, che a porta vuota firma l’1-3.

Per il Siena è notte fonda e l’arbitro fischia tre volte.
Adesso l’Aquila Montevarchi di mister Malotti è veramente vicina alla vittoria del campionato, mentre la Robur ha bisogno di vincere a tutti i costi le prossime partite.

Scroll to top