Il Siena crolla 4-0 in casa del Novara e dice addio all’imbattibilità esterna

La luce si spegne nel periodo natalizio, quando tutte le strade e le piazze sono abbellite dalle luminarie. La Robur crolla a Novara in maniera netta, chiara, eclatante. Una caduta fragorosa, perché fuori casa i bianconeri ci avevano abituato alla perfezione (o quasi). Invece al Silvio Piola non ne va bene una. Dopo un timido avvio incoraggiante la squadra si addormenta, regala i primi due gol (di Bortolussi e Bianchi) e se ne divora uno sull’1-0 con Serrotti. Nella ripresa ancora Bortolussi e poi Piscitella sigillando la disfatta. Tutto d’un fiato ecco la striscia di “prime volte”: prima volta che in trasferta il Siena va sotto e prima volta che perde, prima volta che subisce un passivo così pesante. Peggior modo per chiudere l’andata non c’era. Lo scorso anno, quello con tantissimi alibi, dopo 19 partite i punti erano 32 e poi si chiuse con un sesto posto. Adesso siamo a 31 e la posizione è la stessa. Chiaro, può essere un semplice incidente di percorso, una classica giornata storta. “Una batosta che ci serva da lezione”, dicono Dal Canto e Guberti. “Guardiamo alla prossima”, sottolinea capitan D’Ambrosio. E la prossima sarà ad Olbia, contro una squadra che non vince da 18 partite, cioè dalla 2° di campionato. Di tutto questo si parlerà nella puntata di domani lunedì 16 dicembre di Studio Robur (ore 21), con Giuseppe Ingrosso e Annalisa Petri. Ospiti della trasmissione Luciano Sardone, Francesco Guidarelli e Lapo Cinelli.

Scroll to top