Oggi mercoledì 25 novembre tornano le buste del pane contro la violenza sulle donne

La CGIL di Siena: “Quest’anno le convivenze forzate hanno fatto esplodere il fenomeno”

Anche quest’anno il Coordinamento Donne del sindacato pensionati SPI CGIL e il Dipartimento Pari Opportunità della CGIL di Siena hanno distribuito nei forni senesi che aderiscono all’iniziativa le buste per il pane che verrà venduto il 25 novembre, Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

“La violenza contro le donne non può essere pane quotidiano” è il titolo dell’iniziativa che troviamo stampato sulle buste insieme al disegno realizzato dalle studentesse e dagli studenti del Liceo artistico “Duccio di Buoninsegna” e ai recapiti telefonici dei quattro centri antiviolenza operanti sul territorio della provincia di Siena.

Il dramma della violenza sulle donne quest’anno ha conosciuto un’altra dimensione, quella dell’isolamento dovuto alla pandemia in corso. Le case delle donne vittime di violenza sono diventate vere e proprie gabbie da cui è diventato impossibile anche chiedere aiuto, come testimonia la diminuzione delle chiamate ai centri antiviolenza nel primo lockdown.

I numeri dei femminicidi però non hanno conosciuto diminuzione, ma anzi le convivenze forzate hanno fatto esplodere la violenza.

“Ancora oggi le donne vivono una condizione di svantaggio – spiega il sindacato – da una parte dovuta ad un sistema economico che le esclude o le emargina e dall’altra giustificata da una cultura retriva che si oppone al progresso civile della società. La violenza è la massima espressione di come queste forze in atto vogliano le donne relegate in ruoli subalterni, mai definitivamente affrancate dal potere di uomini più proprietari che familiari. Quest’anno, quindi, è più che mai importante entrare nelle case con le nostre buste del pane, con un messaggio che vuole essere una mano tesa a quante subiscono in quel luogo la violenza e uno strumento di sensibilizzazione alla lotta contro un fenomeno che dovrebbe essere ormai a noi tutti estraneo”.

“Come ogni anno ringraziamo tutti i forni che hanno aderito all’iniziativa per la disponibilità e la sensibilità dimostrata,” – prosegue la CGIL – così come rivolgiamo un ringraziamento all’azienda di trasporti Tiemme, dato che fino alla fine dell’anno trasmetterà la stessa campagna informativa video sugli autobus, attraverso i monitor presenti sulla flotta urbana della sede operativa di Tiemme e all’interno delle biglietterie aziendali del territorio”.

“La violenza sulle donne è una sconfitta per tutti, così recita lo striscione che metteremo sulla facciata della nostra Camera del Lavoro di Siena” – conclude il sindacato – “perché non esiste progresso, non esiste civiltà nella violenza”.

Scroll to top