ACN Siena 1904

Oggi c’è Siena-Scandicci (ore 18), scontro cruciale per non affondare

Ieri è arrivato a Siena il nuovo presidente della Robur Armen Gazaryan, imprenditore armeno e socio della Berkeley Capital, la società che controlla il club bianconero. Gazaryan ha assistito alla rifinitura della squadra al Bertoni dell’Acquacalda, assieme ai vicepresidenti Oganyan e Belli più Andrea Bellandi e il consulente Andrea Ristori, e si è poi fermato a scambiare due parole prima a Gilardino e Grammatica e poi ai giornalisti, in attesa della presentazione ufficiale che potrebbe tenere anche oggi dopo la partita con lo Scandicci. “È la prima volta che mi affaccio nel mondo del calcio – ha detto il presidente – i soci della holding hanno individuato in me la persona giusta per stabilizzare questa situazione critica”.

Il riferimento è alla posizione del Siena, che dopo 2 punti nelle ultime 7 gare è sprofondato al decimo posto, a sole due lunghezze dalla zona playout. Oggi al Franchi andrà in scena un vero e proprio scontro diretto contro uno Scandicci che arriva da 3 vittorie nelle ultime 4. Giocherà certamente Guglielmo Mignani, essendo l’unico 2002 arruolabile (in panchina, per eventuali emergenze, ci sono il portiere Marcocci e il 2004 Morosi). Assenti Ilari, Terigi, Schiavon, De Angelis, Krusnauskas più i nuovi arrivi Padulano e De Falco, che saranno a disposizione per la gara di domenica col Tiferno assieme a Luca Forte, tornato nell’elenco dei convocati per fargli assaggiare il clima della partita. Fuori dall’elenco Mahmudov, ormai fuori dal progetto tecnico. Siena-Scandicci si gioca oggi alle 18, telecronaca sul canale YouTube di Acn SIena 1904 e radiocronaca su Antenna Radio Esse.

Siena, salutano Sartor e Nunes. L’argentino torna a Sassari, il brasiliano firma col il Trento

Aspettando i due attaccanti sbandierati dalla società, per adesso due attaccanti se ne sono andati. Uno è un centravanti vero, Marcos Sartor, l’altro è stato adattato negli ultimi due mesi, Gabriel Nunes. Read More

Siena, la rivoluzione si conclude con il ritorno di Alberto Gilardino

Alberto Gilardino ritorna ad allenare il Siena ad un mese esatto dal suo addio. Questa l’ultima novità di una rivoluzione nelle ultime 24 ore, cominciata con l’esonero di Pahars e Gazzaev e con l’uscita di scena del presidente Roman Gevorkyan e dell’amministratore delegato Leonardo Petrocelli. La società torna in mano a Vagan Oganyan, il presidente della Berkeley Capital che aveva trattato il club in estate e stava curando il dossier su stadio e Fortezza, a rappresentarlo in sua assenza saranno Alessandro Belli e Andrea Ristori. Il vicepresidente rimane Andrea Bellandi, che ieri ha sottolineato il fallimento dell’esperimento tecnico straniero in conferenza stampa assieme al ds Andrea Grammatica, il quale, dopo essere stato succube della holding, dovrebbe avere più potere decisionale e il suo primo atto è stato la chiamata di Gilardino. In lizza c’erano altri contendenti, secondo La Nazione Francesco Baldini, Alberto Colombo e Pippo Pancaro, il Corriere di Siena fa anche i nomi di due ex, Sannino e Atzori. Ma Grammatica è andato sulla situazione più ideale, il campione del mondo conosce benissimo l’ambiente e ha il supporto totale dei giocatori, che non avevano compreso i motivi della separazione, ufficializzata l’11 gennaio, esattamente un mese fa. Da allora il Siena aveva iniziato ad affondare: 4 punti in 3 partite con Argilli, appena 1 in 4 gare con Pahars e Gazzaev, comprese le due figuracce con Badesse e Sinalunghese. Adesso non sarà semplice riprendere il giusto binario: la vetta è a 9 punti, comanda il Trastevere che ha anche una gara in meno. L’occasione per invertire la rotta domenica con la Pianese, si gioca al Franchi alle 14.30.

Studio Robur giovedi 4 Febbraio 2021

Post partita ACN SIENA 1904 – FOLIGNO

Siena ancora a secco di vittorie nel 2021: col Foligno è 0-0 e la vetta si allontana

Il Siena fallisce l’appuntamento con la vittoria, che manca da un mese e mezzo, e non riesce ad andare oltre lo 0-0 contro un modesto Foligno, il cui unico tiro verso la porta di Narduzzo è in apertura di gara, un sinistro di Zerbo fuori bersaglio dopo un errore di Ilari, riproposto esterno destro del 3-4-2-1. Read More

Domani c’è Siena-Foligno, bianconeri a caccia dei primi tre punti del 2021

Dopo un gennaio da incubo, che ha visto due cambi tecnici, nessuna vittoria sul campo, tranne quella con la Sangiovannese cancellata dal giudice sportivo, il cui ricorso è in programma lunedì prossimo, e tre sconfitte consecutive, che hanno fatto sprofondare la squadra a -8 dal primo posto, il Siena spera di inaugurare al meglio il nuovo mese domani alle ore 18 contro il Foligno, che in questo momento è più uno scontro salvezza che una sfida ad alta quota. Read More

Siena Club Fedelissimi: “Basta con questo stadio, basta con le figuracce”

Oggi era in programma l’incontro tra una delegazione di Udine e l’amministrazione comunale, con argomento il nuovo stadio. Il meeting è stato rinviato a data da destinarsi, al pari di tante partite della Serie D, ma il covid in questo caso non c’entra niente.

La decisione assunta ci sembra molto opportuna, perché il solo sentire parlare di uno stadio da 18.000 o 25.000 posti con il Siena che arranca in serie D e le busca anche dalle Badesse è semplicemente irritante, oltre che ridicolo.

In questo momento, come tifosi, vorremmo solo vedere la nostra squadra in corsa per quell’obiettivo da tutti dichiarato e da noi agognato, avere risposte sul campo, parlare di calcio, quello vero e non di modelli utopistici e lontani dalla nostra realtà che si stanno dimostrando disastrosi. Basta con questo stadio nuovo, con le chiacchiere, con tutto ciò che non sia un’attenta e normale gestione della Robur, con questo andirivieni di allenatori e, soprattutto, basta con questa pessima immagine che stiamo mostrando a tutta l’Italia.

Siena Club Fedelissimi

Scroll to top