ACN Siena 1904

La Robur centra i playoff: Pianese-Siena 0-2

La più strana stagione della storia del Siena e forse anche una delle più deludenti, viste le aspettative a inizio stagione, ma nonostante tutti i ragazzi di Gilardino grazie alla vittoria di oggi sono riusciti ad entrare ai playoff e dunque il sogno promozione resta vivo.

Una vittoria sofferta quella in casa della Pianese, una squadra che nel corso del campionato ha fatto vedere un buon calcio e si è rivelata una delle protagoniste. Per fermare l’armata di Piancastagnaio, i bianconeri sono entrati in campo con grande determinazione e a differenza delle altre partite hanno preferito aspettare gli avversari per poi ripartire, un po’ in stile Atletico Madrid.

Nel primo tempo nessuna delle due squadre riesce a prevalere e le occasioni avvengono da entrambe le parti: la Pianese ci prova con i fraseggi e i passaggi di prima, mentre il Siena punta più sui lanci e le qualità dei singoli come Stefano Guberti.

Al 33’ però, assistiamo forse all’episodio che ha determinato pesantemente la partita, quando Ilari sbaglia completamente il tempo di un intervento e si fa superare dal numero 9 Arras, il quale tira fuori un pallonetto che supera Gragnoli, ma per l’arbitro è clamorosamente fuorigioco ed annulla così il gol.
Nella ripresa sembra essere cambiato poco e la partita sembra essere destinata ad uno 0-0, che accontenterebbe la formazione di mister Bacci. Al 52’ però, uno dei tanti cross provati dai ragazzi di Gilardino, arriva in area e non sui piedi di uno qualunque, perché si tratta dei piedi di Guberti, il quale con le sue finte disorienta completamente la difesa e scucchiaia in mezzo, dove si trova la testa di capitan Guidone che firma l’1-0.

La Robur dopo il gol sembra essere galvanizzata, facendosi vedere più volte, ma la vera occasione per raddoppiare avviene al minuto 65, quando Gibilterra scarica un colpo radente dal limite dell’area, che va a toccare l’esterno della rete, dando l’illusione del gol. La Pianese però c’è sempre e un minuto dopo l’occasione di Gibilterra ha il pallone che potrebbe regalare il pareggio con Lepri, il quale a due passi dalla porta tira a botta sicura, ma Ilari mette il piedone e salva il risultato. Il Siena prende ancora più fiducia ed al 69’ trova il raddoppio su calcio di rigore: Guidone si presenta a tu per tu con il portiere Wroblewski, che esce ma non riesce ad evitare il contatto con il capitano bianconero, e dal dischetto si presenta Guberti, il quale apre il destro e fa 2-0.

Gli ultimi venti minuti sembrano non finire mai, ma la Robur è ben organizzata e si difende alla grande e conquista così i playoff, alla fine di un campionato non perfetto, ma in parte rimediato.

Manita al “Daniele Berni”: Siena-Sinalunghese 5-0

Vittoria netta del Siena contro la Sinalunghese, che nonostante la squalifica dello stadio “Franchi” non ha sentito la pressione ed ha mostrato una buonissima prestazione ed ha concesso veramente poco all’avversario. La chiave è stata mettere Farcas come terzino per fermare il numero 7 Redi, il più pericoloso della Sinalunghese. Nei primi minuti c’è molto equilibrio, infatti entrambe le squadre più volte hanno l’occasione di andare in vantaggio, il Siena grazie ai lanci e i cross di Guberti e D’Iglio, mentre la Sinalunghese con tiri dalla distanza in cui Gragnoli è stato molto bravo nel mettere una pezza.
Col passare del tempo però, è la Robur ad uscire fuori, grazie soprattutto alle qualità di Guberti e agli ottimi lanci del centrocampo, formato da D’Iglio, Agnello e Haruna. Al 25’ i bianconeri hanno l’occasione per passare in vantaggio con Guidone, il quale a pochi passi dalla porta, prende l’esterno della rete. I ragazzi di Gilardino sembrano avere qualcosa in più e dopo soli tre minuti dall’azione di Guidone arriva il gol dell’1-0: D’Iglio si appresta a calciare una punizione molto defilata, ma allo stesso tempo vicinissima all’area e invece del suo classico cross teso verso il secondo palo, cerca una palla bassa che filtra in area di rigore e trova la zampata di capitan Guidone, il quale appoggia in rete.
Di conseguenza i bianconeri prendono fiducia e malgrado l’elevata temperatura continua a giocare a ritmi alti ed al minuto 38 raddoppia: lancio in profondità per Guidone, che si allarga e serve Agnello, il quale passa il pallone in area per Haruna e il numero 21, di prima, lascia partire un colpo radente che bacia il palo interno, per poi entrare in porta. 2-0 e i giocatori rientrano così negli spogliatoi (da segnalare un miracolo di Marini al 40’ su un tiro sotto porta di Guidone).
Nel secondo tempo non c’è storia, e la Robur gestisce agilmente la partita, ma non rinuncia comunque ad attaccare. Infatti dopo undici minuti dall’inizio della ripresa, il Siena trova il terzo gol della partita: una situazione molto analoga a quella del gol di Haruna, in cui stavolta Guberti mette il pallone in mezzo all’area e Agnello di prima intenzione trova l’angolo basso, firmando il 3-0.
Al minuto 64, visto il caldo e il risultato positivo, Gilardino decide di fare spazio ad Orlando per Guidone, e il cambio si rivela azzeccatissimo, perché il numero 11 bianconero siglerà una doppietta: il primo gol avviene al 77’ su una grande palla in profondità di Gibilterra, la quale ha messo Orlando a tu per tu con il portiere Marini, il quale poi non ha potuto evitare il 4-0. Il quinto gol invece, è frutto di un’azione orchestrata benissimo, in cui Bani, una volta entrato in area, ha provato un diagonale, parato però da Marini, ma sulla ribattuta Orlando risponde presente e sigla il 5-0 che chiude la partita.
Vittoria dunque importantissima per il Siena, che adesso dovrà affrontare ancora un’ultima battaglia: lo scontro per l’accesso ai playoff in casa della Pianese, che si giocherà mercoledì 16 giugno.

 

A Roma la Robur conquista un punto importantissimo: Trastevere-Siena 2-2

Termina in parità il recupero tra Trastevere e Siena, dopo una partita sentita e lottata.
Uno scontro fondamentale da entrambe le parti, in una per rimanere in lotta per il titolo, dall’altra per rientrare in zona play-off.
Il primo tempo della partita è molto equilibrato, anche se le due squadre non tendono a sbilanciarsi troppo e preferiscono studiarsi. Le azioni avvengono comunque e al 26’ occorre segnalare un grande riflesso di Gragnoli (schierato al posto di Narduzzo) dopo una deviazione di testa nata da un calcio d’angolo.
La partita però sembra ancora non avere un vero e proprio protagonista e si ha l’impressione che serva un episodio per sbloccarsi. Succede dunque che al minuto 29, dopo un cross di Bertoldi, il numero 9 Roberti completamente solo insacca di testa e sigla il vantaggio trasteverino. I ragazzi di Gilardino non ci stanno e tentano subito una reazione, ma i tentativi risultano vani e quindi il primo tempo si chiude sull’ 1-0.

Nel secondo tempo invece, è tutta un’altra musica e la partita diventa bella e avvincente. Il primo squillo avviene al 48’ da parte dei bianconeri con Agnello, il quale sfrutta al meglio un cross da fuori area ed apre il piattone, ma il portiere Casagrande, con un miracolo in contro tempo riesce e mettere fuori.

Il match prosegue con gli attacchi del Siena, ma il Trastevere si copre bene e non concede spazi. Così al 64’, mister Gilardino si gioca la carta Guberti al ritorno in campo, e mai scelta fu più azzeccata. Proprio dai piedi di quest’ultimo nasce l’azione che porterà al gol del pari: Guberti tenta un cross che finisce però verso la porta e impegna così Casagrande che devia sulla traversa; il pallone però resta in area e nella mischia Agnello si inventa una semirovesciata e mette dentro, 1-1.

Il Siena prende coraggio e si fa sempre più pericoloso e al minuto 70’, dagli sviluppi di un calcio d’angolo, il numero 21 Haruna viene messo giù, per l’arbitro è calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Guberti e con la sua classe e la sua freddezza apre il destro e deposita il pallone in rete, risultato di 1-2.

Neanche il tempo di esultare però, che Milani un minuto dopo recupera un pallone in area avversaria e regala il pareggio al Trastevere.

I minuti finali sono un susseguirsi d’azioni, entrambi vogliono la vittoria a tutti i costi, ma alla fine nessuna delle due rivali riesce ad imporsi e termina così in pareggio una partita molto combattuta che fa comunque sorridere la Robur, la quale adesso si prepara alla partita casalinga contro l’Aquila Montevarchi.

 

 

 

 

Uscito il nuovo calendario: Siena che riparte il 6 giugno

È uscito il nuovo calendario per le ultime quattro giornate del girone E di Serie D. Dopo il rinvio di Trastevere-Siena al 2 giugno, la LND ha rivoluzionato ancora il calendario:

Domenica 6 giugno Siena-Montevarchi

Mercoledì 9 giugno Foligno-Siena

Domenica 13 giugno Siena-Sinalunghese

Mercoledì 16 giugno Pianese-Siena

Ufficiale: Trastevere-Siena nuovamente rinviata

La partita tra Trastevere e Siena è stata nuovamente rinviata (il recupero doveva tenersi il 30 maggio al “Trastevere Stadium”).

I casi positivi al COVID non sono ancora risolti e dunque la partita è stata sposata al 2 giugno, il giorno in cui si doveva giocare Siena-Montevarchi.

Di conseguenza il calendario subirà un nuovo cambiamento; domani ci sarà l’ufficialità della LND.

Scroll to top