allerta meteo

Neve, codice giallo per venerdì 12 febbraio su quasi tutta la regione

Previsto per domani, venerdì 12 febbraio, l’ingresso di masse d’aria fredda di origine continentale cui si assoceranno, dal tardo pomeriggio-sera, nevicate sparse fino a bassa quota, in particolare sui settori appenninici e centro-meridionali. La Sala Operativa Unificata Permanente della Protezione civile regionale ha emesso per la giornata di domani un codice giallo per neve che interesserà quasi tutta la regione (escluse le colline grossetane e la Versilia), con validità dalle ore 18 fino alla mezzanotte.

Codice giallo anche per vento, sempre per domani, sulle aree costiere centrali e sulle valli adiacenti, valido dalle ore 10 fino alla mezzanotte. La SOUP sottolinea che, relativamente alla criticità per neve, non è escluso che domani, alla luce delle uscite dei modelli, possa essere innalzato il livello di criticità ad arancione in alcune zone. Read More

Siena, piano del Comune per rischio nevicate tra domenica e lunedì

Sulla base delle previsioni della giornata di domenica 10 e di lunedì 11 gennaio con la possibilità di nevicate sul nostro territorio, la Direzione Manutenzione Ambiente e Verde di concerto con il Servizio Protezione Civile del Comune di Siena ha predisposto, per prevenire eventuali disagi, l’allerta di alcune unità di personale che potranno, qualora si verifichi la necessità, andare a incrementare il servizio di pronta reperibilità esistente. Read More

Codice giallo per temporali forti dalle 18 di oggi fino alle 13 di giovedì 15 ottobre

Peggioramento in arrivo dal tardo pomeriggio-sera di oggi con temporali e precipitazioni diffuse. La Sala operativa della Protezione civile regionale ha emesso un codice giallo per per temporali forti associato a rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore con validità dalle 18 di oggi, mercoledì 14 ottobre, fino alle 13 di domani, giovedì 15 ottobre. Le zone interessate sono quelle centro-settentrionali, quelle meridionali, costa e Arcipelago. Emesso inoltre un codice giallo per vento, valido sempre dalle 18 di oggi fino alle 6 di domani, per le zone meridionali, costa e isole. Read More

Maltempo, codice giallo per pioggia e vento

Codice giallo per per temporali, rischio idrogeologico, vento e mareggiate fino alle 13 di domani, sabato 3 ottobre.

Lo ha emesso la Sala operativa unificata della Protezione civile regionale in seguito al profondo vortice depressionario che interessa la Toscana tra la serata di oggi, venerdì, e la prima parte della giornata di domani.  Read More

Venerdì codice giallo per pioggia e temporali in quasi tutta la Toscana

Tempo sempre più instabile nella giornata di oggi che porterà, già dal pomeriggio e in particolare sulle zone interne e l’Appennino, piogge e temporali anche forti.

Dalla tarda mattinata di domani, venerdì 17 luglio, la possibilità di rovesci e temporali sparsi dalle zone appenniniche si estenderà gradualmente al resto della regione (in particolare le zone interne) nel corso del pomeriggio. Read More

Allerta arancione dalla mezzanotte per forti temporali

Temporaneo miglioramento nel pomeriggio di sabato e possibile nuovo peggioramento dalla sera fino alla prima parte di dopodomani, domenica 17

La sala operativa della Protezione civile regionale ha emesso un avviso di allerta con codice arancione per quasi tutta la Toscana (eccetto la parte della Lunigiana che ha codice giallo), a partire dalla mezzanotte di stasera fino alle 13 di domani, sabato 16 settembre, per temporali forti e rischio idrogeologico.

Dopo le piogge di oggi, venerdì, un peggioramento consistente inizierà dalla serata, fino alla mattina di domani, sabato, con rovesci e temporali sparsi su gran parte del territorio regionale. Temporaneo miglioramento nel pomeriggio di sabato e possibile nuovo peggioramento dalla sera fino alla prima parte di dopodomani, domenica 17.

I temporali potranno risultare localmente persistenti e associati anche a forti colpi di vento e grandinate. I temporali più intensi interesseranno porzioni limitate di territorio, la cui localizzazione risulta di difficile previsione.

Cumulati previsti a partire dalle ultime ore di oggi, venerdì, fino alla mattina di domani, sabato: sul nord-ovest medi poco significativi e massimi fino a localmente elevati. Sulle restanti zone medi significativi con massimi elevati, localmente molto elevati in concomitanza dei temporali più intensi e persistenti. Intensità oraria massima forte, a tratti molto forte.

Comportamenti da adottare. Ferme restando le indicazioni delle amministrazioni comunali si ricorda, in via generale, la necessità di evitare durante l’allerta ambienti all’aperto o zone esposte al rischio quali corsi d’acqua, creste di monte, rive del mare e di laghi, zone depresse nonché, in caso di evento, la necessità di cercare riparo in luoghi chiusi evitando comunque scantinati e locali al di sotto del piano di campagna. Mantenersi a distanza quanto più possibile da pali, alberi e tralicci con tensione, evitare di attraversare ponti che sono interessati da una piena del corso d’acqua, e spostarsi in auto solo per quanto strettamente necessario, non utilizzando sottopassaggi.

Temporali da codice arancione. In uno scenario caratterizzato da incertezza previsionale, sono previsti fenomeni pericolosi per l’incolumità delle persone, in grado di causare disagi anche prolungati e danni consistenti su aree anche estese. Saranno possibili gli effetti riconducibili al rischio idrogeologico-idraulico reticolo minore, che potrebbero verificarsi in maniera repentina ed improvvisa. A causa delle violente raffiche di vento, possibili ulteriori effetti tra cui ad esempio, rottura di rami e/o caduta di alberi, caduta di tegole, danni alle strutture provvisorie e/o agli edifici, abbattimento di pali, segnaletica e impalcature, trasporto di materiale, disagi e/o interruzione della viabilità e danneggiamenti alle reti di distribuzione di servizi (tra cui telefonia ed elettricità) con conseguenti interruzioni. Nel caso in cui si verifichino grandinate, possibili danni alle colture agricole, alle coperture degli edifici e agli automezzi. Infine a causa delle fulminazioni, possibili danneggiamenti agli edifici, alberi e alle reti di distribuzione di servizi (tra cui telefonia ed elettricità) e eventualmente l’innesco di incendi in aree boschive.

Rischio idrogeologico da codice arancione. Possibilità di fenomeni diffusi di instabilità di versante, localmente anche profonda, in contesti geologici particolarmente critici. Frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango. Possibilità di significativi ruscellamenti superficiali, anche con trasporto di materiale, e di aperture di voragini per fenomeni di erosione. Possibilità di innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti, etc.).

Possibili allagamenti di locali interrati e di quelli posti a pian terreno lungo vie potenzialmente interessate da deflussi idrici e danni e allagamenti a singoli edifici o centri abitati, infrastrutture, edifici e attività agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali esposti ai suddetti fenomeni; possibili interruzioni della rete stradale e/o ferroviaria in prossimità di impluvie a valle di frane e colate di detriti in zone depresse in prossimità del reticolo idrografico. Possibili danni alle opere di contenimento, regimazione e attraversamento dei corsi d’acqua; possibili danni a infrastrutture, edifici e attività agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali situati in aree inondabili; possibili criticità connesse a cadute massi in più punti del territorio.

Si segnala la necessità di porre particolare attenzione alle aree che siano state interessate nei mesi scorsi da incendi boschivi o di vegetazione e che presentano condizioni di elevata pendenza. In tali situazioni è da ritenersi molto probabile, in concomitanza con le precipitazioni più intense, la mobilitazione della copertura superficiale del suolo, di detriti e di rocce ove presenti.

Per ogni ulteriore informazione e per gli aggiornamenti della situazione in atto far riferimento alla Protezione Civile del proprio Comune e sul sito regionale .

Fratoni replica a Valentini: “Allerte utili per prevenire situazioni di rischio”

L’assessora alla Protezione civile Federica Fratoni risponde alle dichiarazioni del sindaco di Siena, Bruno Valentini, che ha chiesto di rivedere le procedure di allerta meteo e la loro frequenza

«Le allerte emesse dal sistema regionale di Protezione civile servono a segnalare il verificarsi di fenomeni meteorologici che possono generare scenari di rischio. Né più né meno».

E’ il commento dell’assessora alla Protezione civile Federica Fratoni dopo le dichiarazioni del sindaco di Siena, Bruno Valentini, che oggi sulla stampa, in riferimento alla vicenda di Livorno, pone l’accento sulla necessità di rivedere le procedure di allerta meteo e la loro frequenza.

«Si tratta di previsioni – prosegue Fratoni – che come tali comportano una variabile, ma il senso dell’allerta è quello non di creare falsi allarmismi ma di consentire alle amministrazioni e alla popolazione di prevenire, per quanto possibile, situazioni e comportamenti a rischio e gestire al meglio il verificarsi di eventuali eventi. In tal senso, un codice arancione è un codice di allerta che prevede la possibile esondazione del reticolo minore, che è quello che è successo a Livorno».

«La Regione Toscana con la Protezione civile – conclude Fratoni – ha anche creato e distribuito una App, scaricabile sul telefonino, per Comuni e addetti ai lavori e organizzato apposite giornate informative. Mi rendo conto che il compito dei sindaci, in qualità di Autorità comunale di Protezione civile, è delicato e di grande responsabilità, ma oggi più che mai, davanti agli scenari che i cambiamenti climatici ci mettono di fronte, occorre lavorare proprio sulla cultura del rischio e della consapevolezza».

Domani allerta meteo a Siena, chiusa parte della strada di Terrenzano-Belcaro

In via precauzionale si procede già da stasera alla chiusura temporanea della strada di Terrenzano-Belcaro nel punto franato

Per domani, 1° settembre, è stata diramata un’allerta meteo “arancione” (allarme medio-alto,) che diventerà “gialla” (quindi minore) solo in serata.

Come ha avvertito l’assessore ai Lavori pubblici Paolo Mazzini: «Dopo mesi di caldo intenso e siccità si teme una reazione potenzialmente pericolosa di piante e terreni, che, stressati dalla lunga mancanza di precipitazioni, potrebbero non sopportare l’improvvisa comparsa di forte pioggia e venti».

«Per fronteggiare questa evenienza – fa sapere il sindaco Bruno Valentini – l’Amministrazione comunale ha messo in moto tutte le risorse per prevenire eventuali fenomeni negativi e monitorare il territorio nel corso dell’allerta. Ciononostante si invitano i cittadini, nel corso dei loro spostamenti, a porre particolare attenzione».

In via precauzionale si procede già da stasera alla chiusura temporanea della strada di Terrenzano-Belcaro nel punto franato, a traffico alternato, ingresso lato Pian delle Fornaci.

Scroll to top