CGIL

CGIL e FISAC CGIL sul futuro di MPS: “Valorizzazione del personale e missione sociale”

Il cambio del management MPS non può prescindere da una riflessione sul futuro della Banca, dei suoi lavoratori e del legame di questa Azienda con il territorio senese.

Non è nostro costume dare giudizi sulle persone prima di averle viste all’opera, per cui diamo il benvenuto ai nuovi amministratori e allo stesso tempo chiediamo chiarezza a questo management sulla natura del proprio mandato.

La Banca, come noto, deve ancora sottostare a un piano di ristrutturazione, concordato nel 2017 con l’Unione Europea, che presenta obiettivi ormai irrealistici a causa del mutato scenario di mercato. Di acqua sotto i ponti ne è passata molta da quel lontano 2017, tanto è vero che lo stesso Amministratore delegato uscente, Morelli, in una recente intervista, ha definito l’attuale piano di ristrutturazione “ormai privo di senso”.

Siamo convinti quindi che il nuovo management e il Governo debbano preliminarmente fare chiarezza sul percorso di rinegoziazione del piano con l’UE, in un’ottica di ampio respiro che miri al rilancio della Banca e rigetti ogni fuga in avanti in materia di privatizzazioni e dismissioni.

Sottolineiamo che, nonostante la crisi del Coronavirus, i primi tre mesi del 2020 hanno segnato un miglioramento dell’attività commerciale, e questo è indubbiamente merito del lavoro e della capacità dei dipendenti della rete filiali e della Direzione Generale.

Auspichiamo quindi che i nuovi manager partano proprio dalla valorizzazione del personale interno della Banca. La professionalità dei dipendenti costituisce l’asset di maggior valore di questa Azienda e per tale ragione nessun percorso aziendale di successo può prescindere dalle risorse umane e da un confronto continuo con le organizzazioni sindacali.

In merito agli assetti futuri della Banca crediamo che la conservazione dell’integrità della Banca, dell’attuale assetto territoriale, il mantenimento della Direzione Generale a Siena, la difesa dei livelli occupazionali diretti e dell’indotto e la vicinanza alla realtà economica della provincia, siano punti fermi da difendere con forza.

Riteniamo, infine, che la discussione sull’uscita dello Stato dal capitale della Banca, prevista da un piano di ristrutturazione ormai vecchio, sia in questo momento del tutto fuori contesto. L’emergenza Coronavirus affida alle banche un ruolo senza precedenti di sostegno all’economia. In questo scenario economico, MPS dovrà svolgere, oltre a un ruolo commerciale, anche una missione “sociale” garantendo sostegno alle imprese e ai lavoratori, stabilità per la clientela e vicinanza ai territori. Non crediamo che l’azionista pubblico possa venire meno, proprio ora, a questa missione adottando strategie di breve termine volte alla dismissione della partecipazione.

Con il Covid-19 Primo Maggio senza piazza. CGIL CISL e UIL Siena: “Ma i lavoratori sono tornati protagonisti”.

“Suscita una fastidiosa sensazione non poter festeggiare liberamente in piazza la Festa dei Lavoratori” – CGIL, CISL e UIL senesi annunciano così, con amarezza, la giornata del Primo Maggio ai tempi del Covid-19.

“Questa è solo una delle conseguenze di una pandemia che ha stravolto tutto e messo l’intero mondo del lavoro in crisi – proseguono i Sindacati – e che probabilmente lascerà strascichi importanti dietro di sé che dovremo affrontare con impegno, lungimiranza e nuove visioni di sviluppo”. Read More

Frana Parco Acqua Santa Chianciano: vicinanza CGIL ai lavoratori.

Il sindacato: “La salvaguardia idrogeologica deve essere una priorità del Paese”.

  Read More

Concorsi Istruttore di Polizia Municipale: corso della FP CGIL Siena

La FP CGIL di Siena organizza un corso di preparazione per concorsi di Istruttore di Polizia Municipale categoria C, CCNL Funzioni Locali.

Read More

la FP CGIL chiede un tavolo permanente di confronto sui servizi educativi

Oltre a rilevare positivamente come nell’ambito della stessa coalizione di maggioranza non ci sia uniformità di vedute sulle scelte fatte in merito ai Servizi Educativi del Comune di Siena e sul tema della statalizzazione, appalto e/o esternalizzazione, leggiamo sulla stampa di oggi ulteriori e confuse dichiarazioni dell’Assessora Biondi Santi.

Read More

Sindacati, genitori ed insegnanti contro la statalizzazione dei servizi educativi

In Piazza del Campo il presidio organizzato da sindacati, insegnanti e genitori per protestare contro il progetto paventato dal Comune di statalizzare i servizi educativi. Presenti educatrici insegnanti, custodi, cuochi e genitori.

“Siamo qui per far sapere a tutti gli operatori per la Regione è fondamentale la qualità, che contraddistingue i percorsi educativi di Siena, vigileremo affinchè non scada. Siamo a fianco dei lavoratori” ha aggiunto Monica Barni, vicepresidente della Giunta Regionale Toscana.

1 Maggio, la Festa dei lavoratori

“La nostra Europa: lavoro, diritti, stato sociale”, sono queste le parole d’ordine che Cgil, Cisl e Uil hanno scelto quest’anno per celebrare la Festa dei lavoratori.

Sarà Bologna ad ospitare nella mattinata la manifestazione nazionale dei sindacati alla quale prenderanno parte i segretari generali delle tre Confederazioni, Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo. Nel pomeriggio, come ogni anno, appuntamento per il ‘concertone’ in Piazza San Giovanni a Roma.

Moltissime le iniziative in provincia di Siena:

Chianti

GEGGIANO (Castelnuovo Berardenga)
ore 10.30 – ritrovo al Circolo ARCI
ore 11.00 – incontro sulle tematiche del lavoro, concluderà un dirigente sindacale

Amiata

ABBADIA S. SALVATORE
ore 10.30 – ritrovo davanti al Comune
ore 10.45 – partenza corteo per le vie cittadine
ore 11.45 – intervento di un dirigente sindacale davanti al Comune

Valdelsa

COLLE DI VAL D’ELSA
ore 9.30 – ritrovo in via Oberdan
ore 10.00 – corteo per le vie cittadine
ore 11.00 – intervento conclusivo di un dirigente sindacale in Piazza Arnolfo
ore 15.30 – ritrovo presso la Fabbrichina per la passeggiata del 1° Maggio*, a seguire merenda ed esibizione musicale della street band Bandidas (organizzato dalla CGIL e patrocinato dai Comuni di Colle di Val d’Elsa e Poggibonsi)

POGGIBONSI
ore 9.00 – ritrovo in Piazza Matteotti
ore 9.15 – concerto Bandao offerto dalla CGIL
ore 9.30 – corteo per le vie cittadine
ore 11.30 – intervento conclusivo di un dirigente sindacale in Piazza Matteotti
ore 15.00 – ritrovo presso gli Impianti sportivi Virtus per la passeggiata del 1° Maggio*, a seguire merenda ed esibizione musicale della street band Bandidas (organizzato dalla CGIL e patrocinato dai Comuni di Colle di Val d’Elsa e Poggibonsi)

SAN GIMIGNANO
ore 10.00 – ritrovo in Piazza della Cisterna
ore 10.30 – corteo per le vie cittadine
ore 11.15 – intervento conclusivo di un dirigente sindacale in Piazza della Cisterna

Valdichiana

CHIANCIANO TERME
ore 8.30 – ritrovo presso la Camera del Lavoro e distribuzione dei garofani
ore 11.00 – partenza del corteo: dalle Terme di S. Elena alla Camera del Lavoro, con la banda di Chianciano Terme

PIENZA
ore 8.00 – colazione del 1° Maggio davanti alla Camera del Lavoro
ore 9.30 – concentramento di trattori e manifestanti
ore 10.00 – corteo per le vie cittadine con la Banda Filarmonica di Monticchiello
ore 11.30 – intervento di un dirigente sindacale ai Giardini
ore 12.30 – conclusione della manifestazione
ore 17.30 – Centro AUSER, merenda
ore 21.00 – Centro AUSER, musica e ballo

SARTEANO
ore 9.00 – concentramento trattori; Filarmoniche locali e partecipanti in Piazza Bargagli
ore 9.30 – corteo per le vie cittadine
ore 10.30 – sosta parco XXV Aprile
ore 11.30 – intervento di un dirigente sindacale in Piazza XXIV Giugno
ore 12.00 – concerto bande filarmoniche locali
ore 13.00 – pranzo sociale presso la Locanda dei Tintori (posti limitati, è gradita la prenotazione)

SINALUNGA
ore 9.30 – concentramento dei trattori in Piazza Repubblica
ore 10.15 – sfilata dei trattori da Pieve di Sinalunga
ore 10.45 – corteo per le vie del paese con la Filarmonica
ore 11.15 – intervento conclusivo di un dirigente sindacale in Piazza Garibaldi

Corsi TFA sostegno dell’Università di Siena: attivati i corsi in teleconferenza

A seguito dell’intervento della FLC-CGIL, l’Università degli Studi di Siena attiverà un sistema di teledidattica per permettere ai corsisti di Siena e Grosseto di seguire le lezioni del TFA per il sostegno, corso per conseguire la specializzazione come insegnante di sostegno, nella sede a loro più vicina.

Il corso, infatti, attivato dall’Ateneo senese, è stato organizzato nella sede universitaria di Arezzo con l’obbligo di frequenza. Se non fosse stata attivata la modalità di frequenza in tele didattica, gli iscritti di Siena e Grosseto sarebbero stati impegnati in un pendolarismo inconciliabile con gli impegni lavorativi e familiari, precludendo loro, di fatto, la possibilità di partecipare.

“Siamo molto soddisfatti della decisione dell’Università” – spiega Anna Cassanelli, Segretaria Generale della FLC CGIL Siena – “Ci siamo mossi tempestivamente con i colleghi di Grosseto avviando un dialogo costante con il Rettore Francesco Frati, con il prof. Emilio Mariotti, delegato del Rettore per la formazione degli insegnanti, con la dott.ssa Chiara Roscino, responsabile della Divisione Dottorato di Ricerca e Formazione insegnanti, e con Gabriella Papponi Morelli, Presidente del Polo Universitario Grossetano. Le iniziative che abbiamo intrapreso come FLC-CGIL (una petizione e un mail bombing) per dare al nostro Ateneo la percezione di quanto fosse sentito e diffuso il problema non avrebbero avuto un esito positivo senza la disponibilità e l’impegno dei nostri interlocutori ad individuare una soluzione al problema che stavamo ponendo”.

FP CGIL e RSU CGIL OPA: “Prendiamo atto con piacere della tardiva smentita del Rettore”

La FP CGIL e la RSU CGIL dell’OPA prendono atto con piacere della tardiva smentita da parte del Rettore dell’Opera della Metropolitana di Siena di quanto apparso sulla stampa lo scorso 29 marzo che collegava il prolungamento dell’accordo tra OPA e Civita al reintegro degli ex lavoratori distaccati.

Scroll to top