Comune di Siena

Comune di Siena: azioni a sostegno dei nuclei familiari

“Obiettivo famiglia”: ulteriori azioni a sostegno dei nuclei familiari senesi per un milione e 200mila euro

“OBIETTIVO FAMIGLIA”: ULTERIORI AZIONI A SOSTEGNO DEI NUCLEI FAMILIARI SENESI PER UN MILIONE E 200MILA EURO Continua il lavoro del Comune a sostegno delle famiglie senesi, messe al centro del progetto “Obiettivo famiglia” per supportare, in maniera concreta, le numerose criticità evidenziate ancor di più dalla pandemia, perché, come più volte sottolineato dall’assessore ai Sevizi Sociali e Politiche della Casa, la famiglia è motore di sviluppo economico, sociale e culturale in ogni società e ogni singolo cittadino che la compone rappresenta una preziosa risorsa per l’intera collettività. Ecco quindi il progetto “Obiettivo Famiglia”, in linea con il documento “Siena 2021. La situazione indotta dalla pandemia. Per una città bella, unita e solidale”, generare una nuova serie di interventi, approvati in Giunta lo scorso 15 settembre, che vogliono essere una risposta fattiva da parte di tutta l’Amministrazione, a sostegno delle esigenze primarie della famiglia. Dopo il recente ampliamento del contributo pubblico per i canoni di locazione, con l’integrazione di circa 165mila euro, che lo ha portato, nel 2021, a circa 392mila euro, adesso l’assessorato passa al sostentamento alimentare con buoni spesa, al sostegno aggiuntivo per fornitura acqua (bonus sociale idrico integrativo aggiuntivo), a contributi per genitori separati e divorziati, a bonus per prestazioni professionali a tutela della salute o dell’affezione (bonus di tipo odontoiatrico, oculistico o veterinarie). E, inoltre, dà avvio a un processo di co-progettazione, denominato “SI-SIENASOCIALE” con Enti del Terzo Settore del territorio, finalizzato a potenziare l’aiuto alle famiglie e ai loro componenti più fragili quali anziani, minori e disabili resi ancora più deboli dalla pandemia, il tutto attraverso l’elaborazione di quattro progetti rivolti ai soggetti in questione per una somma complessiva di 600mila euro. Queste nuove misure si allineano così a quelle che si configurano essere, come spiegato dall’assessore in più occasioni, un modus operandi dell’Amministrazione rispetto ai bisogni dell’universo famiglia e in particolare dei bambini. Gli interventi economici, rivolti ad un target familiare a ISEE basso tenendo conto di diversi elementi di fragilità, quali l’elevato numero dei componenti, la presenza di persone anziane o con disabilità, l’essere donne vittime di violenza, saranno in parte erogati dal Comune direttamente alle famiglie e in parte a soggetti privati (esercenti commerciali, professionisti, ecc.) convenzionati con l’amministrazione, al fine favorire anche la ripresa dell’economia cittadina. Nello specifico: bonus prestazioni sanitarie, destinato a contribuire alle spese odontoiatriche, oculistiche o veterinarie di nuclei familiari disagiati prevede l’erogazione di “buoni acquisto” dematerializzati di un importo massimo di 450 euro erogato ai professionisti aderenti all’iniziativa ai quali le famiglie si rivolgeranno per le prestazioni. La cifra totale destinata a questa misura: 50.000 euro. Bonus separati e divorziati, in situazione di disagio socio economico, per un massimo di 450 euro sarà accreditato direttamente sul conto corrente del beneficiario dopo un’attenta verifica dei requisiti richiesti, in particolare di un ISEE non superiore ai 18.000 euro. Anche in questo caso, la somma complessiva stanziata sarà di 50.000 euro. Bonus spesa, attivato anche per l’anno 2021, per l’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità presso gli esercizi commerciali (negozi, cooperative, consorzi e venditori al dettaglio di prodotti alimentari o assimilati), che hanno aderito all’iniziativa e ai quali verrà erogata direttamente la somma che può variare, sempre in base all’ISEE del nucleo familiare, da un minimo di 400 a un massimo di 600 euro. Budget complessivo 500.000mila euro. Bonus sociale idrico integrativo, per un totale di 32.633,74 euro, parte residua del Fondo integrativo 2021, è inteso come rimborso tariffario per il servizio acqua calcolato nella misura massima del 70% dell’importo corrisposto per il consumo relativo all’anno 2020, al lordo degli eventuali contributi assegnati nello stesso anno e spettante a chi ha precisi requisiti legati all’ISEE.

Ufficio Stampa Comune di Siena

Primo incontro tra l’assessore e il coordinatore volontario della Protezione Civile

Primo incontro fra l’assessore alla protezione civile Francesca Appolloni e il coordinatore volontariato protezione civile Ezio Sabatini. Un colloquio cordiale sui temi relativi alla protezione civile, al perdurare della pandemia e alle questioni relative alle associazioni del volontariato.

Boom di ingressi ai musei comunali di Siena: la soddisfazione di De Mossi

La pandemia impone delle restrizioni molto rigide, ma nonostante tutto ad agosto è boom d’ingressi ai musei comunali senesi. Il Museo Civico ad esempio, ha avuto addirittura un numero di ingressi maggiore del 2019, anno prima della pandemia. Il Santa Maria Della Scala invece, ha eguagliato i numeri del 2019.

Dunque c’è grande soddisfazione da parte di tutti ed il sindaco De Mossi ha commentato così :”Numeri che testimoniano la vitalità della città e che premiano le strategie messe in campo dal Comune di Siena”.

Comune di Siena: il sindaco De Mossi redistribuisce alcune deleghe

Il sindaco di Siena ha firmato l’atto con il quale vengono redistribuite alcune deleghe all’interno della giunta comunale. In particolare le deleghe sono state così distribuite: Andrea Corsi, vicesindaco, con delega a mobilità, viabilità, trasporti, personale, lavori pubblici, strade e nuove opere; Francesco Michelotti assessore con delega a urbanistica, edilizia privata, sito Unesco, digitalizzazione e semplificazione edilizia; Francesca Appolloni assessore con delega a sanità, servizi sociali e politiche della casa, protezione civile; Clio Biondi Santi assessore con delega a politiche giovanili, pari opportunità, servizi informatici, smart city, progettualità e sviluppo digitale, sicurezza e Polizia Municipale, fondi europei; Sara Pugliese assessore con delega a cultura e innovazione, promozione della città, cittadinanza attiva e internazionale; Alberto Tirelli assessore con delega a commercio, turismo, giustizia paliesca e attività produttive; Luciano Fazzi assessore con delega a bilancio, patrimonio e tributi; Silvia Buzzichelli assessore con delega a decoro urbano, manutenzioni aree verdi e ambiente; Paolo Benini assessore con delega a servizi all’infanzia, istruzione, università, formazione per sport, edilizia sportiva ed edilizia scolastica. Il sindaco Luigi De Mossi ha confermato a se stesso le deleghe partecipate e Palio.

“Si tratta – sottolinea il sindaco di Siena Luigi De Mossi – di una riorganizzazione che guarda a un miglioramento e un efficientamento del lavoro della macchina comunale, che, nonostante tutte le questioni legate al Covid, ha compiuto comunque uno sforzo importante negli ultimi mesi. Come ripeto sempre la nostra è una squadra e da questa redistribuzione ne esce anche più rafforzata e coesa: nessuna bocciatura, sono soddisfatto del lavoro fatto fin qui. Lo ‘spacchettamento’ di alcuni settori ci permetterà di mettere a pieno regime le tante assunzioni che siamo riusciti a fare. Non ci sono giochi e logiche legate alla vecchia politica, il mio riferimento è soltanto la città e il lavoro che dobbiamo portare avanti per la comunità senese, che a sua volta vede nel Comune il primo caposaldo per la soluzione di tutta una serie di problemi quotidiani, come purtroppo ha dimostrato il Covid. Abbiamo davanti un periodo che sarà caratterizzato da tante questioni da affrontare da qui alla conclusione del mandato, fra le quali naturalmente il rilancio e la ripresa della città, nella speranza di archiviare prima possibile la pandemia. Stiamo cogliendo in questo senso segnali incoraggianti, ad esempio per quanto riguarda la presenze turistiche nelle ultime settimane, ma non abbassiamo l’attenzione. Questa redistribuzione va proprio inserita in questo contesto”.

Siena Jazz: si dimette lo storico presidente Franco Caroni

Una notizia sorprendente: Franco Caroni, fondatore ed ormai ex direttore del Siena Jazz ha rassegnato le sue dimissioni. Il suo mandato finiva ufficialmente il 22 aprile 2022, ma a causa delle scelte del Comune non è stato così. Con il nuovo statuto comunale, il potere del direttore diventa pressoché nullo, poiché ogni decisione o provvedimento spetta in primis al consiglio comunale.
Ciò che non accetta Caroni è il fatto che non si possa più fare affidamento ad una persona competente nel settore, che ha portato Siena Jazz ai livelli nazionali ed internazionali.
L’ex presidente non vuole assolutamente diventare uno strumento del comune, per tanto ha deciso in anticipo di ritirarsi, con la speranza che le cose possano cambiare presto.

Palio Straordinario: c’è ancora incertezza

Passano i giorni, Capitani e Priori parlano fra di loro, il Comune è pronto a fare questo regalo alla città, ma nonostante tutto, ancora non si riesce a trarre una conclusione per sapere se sarà possibile correre o meno questo Palio Straordinario.

Tutto dipenderà dall’andamento della pandemia ovviamente e dalle decisioni che prenderà il Presidente del Consiglio Mario Draghi. Qualora venisse stoppato lo stato d’emergenza, allora probabilmente le speranze di poter correre verso fine estate cresceranno, ma se tutto dovesse prolungarsi, sarebbe molto difficile vedere una Carriera nel 2021.

Sicurezza stradale: più attraversamenti pedonali in zona Cassia Sud

Da tempo i cittadini richiedevano lavori per migliorare la sicurezza stradale nella zona Cassia Sud. Una strada da tempo nel mirino della critica e soggetta spesso a modifiche, poiché ritenuta poco sicura per l’eccessiva velocità.

Dunque il Comune ha deciso di installare sulla strada degli attraversamenti pedonali rialzati, specialmente in via Piccolomini, ma saranno presenti anche presso Strada della Tressa, via dei Molini Vecchi, via Tolomei e via Folcacchieri.

Sono stati scelti gli attraversamenti rialzati prima di tutto per far moderare la velocità ai conducenti e anche per garantire una maggiore sicurezza ai pedoni. Sicuramente un passo avanti per la sicurezza di tutti, con un lavoro che ammonta a centosessantacinquemila euro.

Palio Straordinario: c’è una piccola speranza?

Il via ai giri delle contrade ha dato un segnale, un segnale che ha acceso le speranze di tutti i cittadini. Ci può essere la possibilità di un Palio Straordinario?

Tutto dipende dalla pandemia, ma nel frattempo, martedì i diciassette capitàni si riuniranno per capire quali sono le intenzioni e come può essere possibile un’ipotetica Carriera. Naturalmente l’ultima parola spetta al Comune di Siena, ma se ci fossero tutti i presupposti, il sindaco Luigi De Mossi sarebbe pronto a fare questo regalo.

Sbarca sui social “Palcoscenico Siena”

Nuovo format del Comune dedicato alle compagnie artistiche del territorio Read More

Scroll to top