consiglio comunale

Consiglio comunale di Siena, costituite nove commissioni

Nella seduta odierna del consiglio comunale di Siena, sono state costituite nove commissioni consiliari, ciascuna composta da sette consiglieri, tranne una

Il consiglio comunale di Siena, nella seduta odierna, ha deliberato, in base alle norme dello Statuto e del Regolamento per il Consiglio comunale, la costituzione di nove commissioni consiliari.

Di seguito le composizioni, tutte di sette consiglieri, di cui quattro di maggioranza, tranne la commissione Servizi Sanitari e Sociali che, dopo un emendamento presentato da Fabio Massimo Castellani (Voltiamo Pagina) a nome dei gruppi di maggioranza e approvato dall’aula, è composta da nove membri di cui cinque di maggioranza.

“Programmazione, bilancio e affari generali”: Massimo Bianchini (Lega), Fabio Massimo Castellani (Voltiamo Pagina), Orazio Peluso (Forza Italia), Mauro Marzucchi (Siena Aperta), Luca Micheli (PD), Alessandro Masi (PD), Pierluigi Piccini (Per Siena).

“Cultura e Scuola”: Eleonora Raito (Lega), Fabio Massimo Castellani (Voltiamo Pagina), Maria Concetta Raponi (FdI), Lorenzo Lorè (Forza Italia), Bruno Valentini (Partito Democratico), Massimo Mazzini (Per Siena), Pierluigi Piccini (Per Siena).

“Servizi Sanitari e Sociali”: Anna Masignani (Lega), Barbara Magi (Voltiamo Pagina), Alessandra Bagnoli (FdI), Laura Sabatini (Gruppo Misto), Davide Ciacci (Nero su Bianco), Alessandro Masi (PD), Massimo Mazzini (Per Siena), Bruno Valentini (PD), Pierluigi Piccini (Per Siena).

 “Assetto del Territorio”: Andrea Piazzesi (Lega), Tommaso Bartalini (Voltiamo Pagina), Maurizio Forzoni (FdI), Lorenzo Lorè (Forza Italia), Luca Micheli (PD), Giulia Periccioli (PD), Pierluigi Piccini (Per Siena).

“Sport”: Davide Dore (Lega), Federico Minghi (Voltiamo Pagina), Bernardo Maggiorelli (Forza Italia), Pietro Staderini (Sena Civitas–MCS/SPQS), Luca Micheli (PD), Vanni Griccioli (Per Siena), Massimo Mazzini (Per Siena).

“Decentramento politico-amministrativo”: Paolo Salvini (Lega), Federico Minghi (Voltiamo Pagina), Bernardo Maggiorelli (Forza Italia), Orazio Peluso (Forza Italia), Claudio Cerretani (In Campo), Vanni Griccioli (Per Siena), Alessandro Masi (PD).

“Statuto e Regolamenti”: Francesco Mastromartino (Lega), Tommaso Bartalini (Voltiamo Pagina), Maurizio Forzoni (Fdi), Laura Sabatini (Gruppo Misto), Claudio Cerretani (In Campo), Pierluigi Piccini (Per Siena), Alessandro Masi (PD).

“Pari opportunità, diversità e diritti umani”: Massimo Bianchini (Lega), Barbara Magi (Voltiamo Pagina), Maria Concetta Raponi (FdI), Pietro Staderini (Sena Civitas–MCS/SPQS), Giulia Periccioli (PD), Claudio Cerretani (In Campo), Massimo Mazzini (Per Siena).

“Garanzia e controllo politico-amministrativo”: Davide Dore (Lega), Alessandra Bagnoli (FdI), Orazio Peluso (Forza Italia), Pietro Staderini (Sena Civitas–MCS/SPQS), Giulia Periccioli (PD), Claudio Cerretani (In Campo), Vanni Griccioli (Per Siena).

Consiglio comunale di Siena, ecco i capigruppo

I capigruppo del consiglio comunale di Siena saranno: Eleonora Raito, Fabio Massimo Castellani, Maurizio Forzoni, Lorenzo Loré, Pierluigi Piccini, Alessandro Masi, Claudio Cerretani, Davide Ciacci, Pietro Staderini, Laura Sabatini e Mauro Marzucchi

Durante l’odierna seduta dell’assemblea consiliare del Comune di Siena, il presidente Marco Falorni ha comunicato l’avvenuta costituzione dei gruppi consiliari e l’elezione dei rispettivi capigruppo.

Per il gruppo “Lega”: Massimo Bianchini, Paolo Benini, Anna Masignani, Davide Dore, Andrea Piazzesi, Francesco Mastromartino, Paolo Salvini, capogruppo Eleonora Raito; “Voltiamo Pagina”:  Marco Falorni, Barbara Magi, Federico Minghi, Carlo Marsiglietti, Tommaso Bartalini e capogruppo Fabio Massimo Castellani; “Fratelli d’Italia”: Maria Concetta Raponi, Alessandra Bagnoli, capogruppo Maurizio Forzoni; “Forza Italia”: Orazio Peluso, Bernardo Maggiorelli, capogruppo Lorenzo Loré; “Per Siena”: Vanni Griccioli, Massimo Mazzini, capogruppo Pierluigi Piccini; “Partito Democratico”: Giulia Periccioli, Luca Micheli, Bruno Valentini, capogruppo Alessandro Masi; “In Campo” capogruppo Claudio Cerretani; “Nero su Bianco” capogruppo Davide Ciacci; “Sena Civitas/MCS/SPQS” capogruppo Pietro Staderini; “Gruppo Misto” capogruppo Laura Sabatini; “Siena Aperta” capogruppo Mauro Marzucchi.

Il sindaco De Mossi illustra le linee programmatiche 2018/2023

Il sindaco di Siena Luigi De Mossi ha illustrato stamani in consiglio comunali le linee programmatiche per il suo mandato

Durante la seduta di questa mattina, il sindaco di Siena Luigi De Mossi ha presentato al consiglio comunale le linee programmatiche sulle azioni e progetti da realizzare durante il mandato 2018/2023:

“Siena,

dalla nostra storia, riscriviamo INSIEME il futuro

Il metodo per fare la differenza

Per troppo tempo la città è stata oggetto delle attenzioni di persone mosse solo dalla sua ricchezza economica e non dall’amore per la sua storia, il suo presente e futuro.

Oggi, Siena ha bisogno di un nuovo metodo. Un metodo, finalmente, senza i condizionamenti di quei partiti e di quei gruppi di potere che hanno sperperato il patrimonio di tutti noi senesi e infangato il nome della nostra città.

Noi, porteremo avanti un radicale ricambio della classe dirigente, nessun amministratore verrà scelto tra i tanti che hanno cercato o cercheranno di riciclarsi: un vento nuovo soffia già nella nostra Siena, portando aria di libertà, competenza e merito.

Siena, la città Sicura

Ogni cittadino ha il diritto di sentirsi al sicuro nella propria città.

Ognuno di noi deve sentirsi al sicuro quando è a casa, quando lavora, quando passeggia per le strade o sosta nei luoghi pubblici, a tutte le ore del giorno e della notte.

E’ ora di riappropriarci di quella fiducia e tranquillità di vivere, che Siena, ci ha sempre dato.

Insieme, con la buona volontà e le autorità competenti, impegniamoci ad intraprendere un percorso di interventi concreti senza false rassicurazioni.

Le nostre azioni:

  • Riorganizzare e potenziare l’organico della Polizia Municipale per essere presenti sul territorio 24h su 24h.

  • Istituzione di un ufficio di sicurezza per la raccolta di denunce e segnalazioni in collaborazione con la vigilanza ed il volontariato civico.

  • Implementare il numero delle telecamere nei punti strategici della città, verificare il funzionamento di quelle già posizionate e dell’illuminazione pubblica, perché questa non renda, se spenta, la vita facile ai delinquenti.

  • Maggiore attenzione nei quartieri limitrofi al centro con controlli capillari del territorio, posti di blocco, ispezioni sulle auto, blitz negli appartamenti sovraffollati di Siena-Casa.

  • Sinergia con le forze dell’ordine e con la Prefettura per il controllo, secondo legge, degli immigrati, al fine di espellere tempestivamente coloro che sono irregolari.

  • Rafforzare i rapporti con le scuole, le Contrade e le organizzazioni sportive per promuovere iniziative di conoscenza e collaborazione sulle tematiche della sicurezza, legalità e degrado sociale.

  • Incentivare le segnalazioni dei cittadini attraverso l’attivazione di un sevizio di messaggistica, ad esempio con l’applicazione Whatsapp, collegata direttamente alle autorità competenti.

  • Istituzione di un Vigile urbano di quartiere, che possa presidiare il territorio e costituire un punto di riferimento dei cittadini.

Siena, la città che attrae

Dalla cultura al nuovo turismo

Siena dovrà tornare un centro di produzione culturale diffuso, perché solo così la nostra città sarà in grado di attrarre quei flussi turistici di qualità che portano vero benessere e ricchezza.

Il Santa Maria della Scala diventerà il perno di un nuovo modo di intendere la politica culturale e di elaborare un’offerta turistica di alto livello.

Le nostre azioni

  • Il Comune si impegna a trovare un accordo con la Sovrintendenza per ottenere il trasferimento di parte della Pinacoteca presso il Santa Maria della Scala.

  • Apertura degli spazi comunali ad associazioni culturali e teatrali presenti a Siena.

  • Realizzazione con il coinvolgimento di sponsor, di un grande evento di portata internazionale con cadenza annuale dando continuità e sistematicità all’offerta culturale della città.

  • Calendarizzazione con largo anticipo degli appuntamenti culturali e turistici per favorire il lavoro degli operatori del settore.

Siena, un polo per la formazione

Siena ha nella propria natura la vocazione ad essere un polo attrattivo per chi intende intraprendere un percorso di alta formazione parlando non solo all’Italia ma a tutto il mondo. Non è un caso che la nostra città sia stata la prima ad istituire una cattedra di italiano per studenti stranieri. Questa vocazione andrà ripresa e rafforzata, ponendola al centro del progetto di rilancio della città. Oltre al fondamentale ruolo delle due Università cittadine, andranno coinvolte anche le istituzioni musicali, per far divenire Siena una tappa obbligata per chi vuole studiare, fare ricerca e completare la propria formazione.

Le nostre azioni

  • Il Comune si impegnerà a istituire un tavolo con le università cittadine, per confrontarsi sulle esigenze ed i problemi del mondo studentesco e accademico e favorire la circolazione di idee, contributi e soluzioni innovative.

  • Il Comune si metterà in gioco perché le tre istituzioni musicali, Accademia Chigiana, Siena Jazz e Istituto Franci, possano coordinarsi e proporre un’offerta integrata secondo le proprie caratteristiche e peculiarità.

  • E’ impensabile che Siena, non abbia un luogo dove far suonare i talenti che verranno a studiare nella nostra città. Elaborare un progetto di sostenibilità economica ed urbanistica per la realizzazione di un auditorium, sarà una priorità della nuova amministrazione.

  • Il Comune favorirà, anche avvalendosi di alcune delle sue società partecipate, la nascita di una vera e propria “scuola pratica d’impresa” per accompagnare chiunque voglia impiantare un’attività produttiva nella nostra città anche se piccola o piccolissima.

Siena città in salute

Il concetto di salute è un elemento imprescindibile per il bene di una comunità e non si riferisce solamente all’assenza di malattia, ma comprende anche condizioni naturali, ambientali, abitative, lavorative e culturali. La salute è bene comune, obiettivo da perseguire non solo da parte dei cittadini, ma anche dal Sindaco, che è il responsabile della condizione di SALUTE delle persone che vivono nella sua città. Abbiamo come obiettivo la PROMOZIONE DELLA SALUTE, in modo che il benessere psico-fisico della collettività, cioè di tutti a partire da chi è più in difficoltà, sia un investimento e non solo un costo. La storia di amore per la cura delle persone, raccontata negli affreschi del Pellegrinaio oltre cinque secoli fa, deve farci riflettere ed essere un modello ed uno stimolo.

Le nostre azioni

  • Il Comune realizzerà progetti per la tutela di tutti gli anziani: malati, non autosufficienti e in buona salute. L’attività sarà incentrata sul garantire la massima disponibilità di posti nelle case di riposo, sulla prevenzione delle demenze senili e sulla stimolazione delle funzioni cognitive anche ricorrendo alla collaborazione dei ragazzi delle scuole con attività mirate.

  • Snellimento delle liste di attesa per visite ed esami diagnostici d’importanza fondamentale con una migliore integrazione tra ospedale e territorio, in modo da alleggerire gli accessi al Pronto Soccorso. A tal proposito è in studio un progetto per la realizzazione di due nuove CASE DELLA SALUTE.

  • Promuovere programmi d’informazione ai cittadini su vaccini e prevenzione delle malattie, sugli stili di vita sani, su una cultura alimentare appropriata e sulle attività sportive e motorie per lo sviluppo psicofisico dei giovani e per l’invecchiamento attivo.

Siena, accessibile a tutti

Un nuovo piano sul traffico e sulle infrastrutture

Il susseguirsi di cattive amministrazioni ha fatto sorgere anche a Siena un problema tipico delle grandi metropoli: il traffico. L’incapacità di gestire la mobilità e la sosta sono diventati un ostacolo allo sviluppo economico e un fattore di decadimento della qualità della vita dei senesi. Non è accettabile impostare la politica amministrativa su multe, divieti e balzelli di ogni tipo, Siena diventerà una città dove parcheggiare non sarà una chimera e dove i flussi del traffico, specialmente quelli nelle ore di punta, saranno gestiti con razionalità e buonsenso.

Le nostre azioni

  • Adozione di un piano generale che integri le varie esigenze di mobilità e sosta di chi vive e lavora a Siena, tenendo conto delle opzioni e metodi di mobilità alternativi al trasporto su gomma.

  • Avvio di investimenti mirati a migliorare e integrare una rete infrastrutturale divenuta obsoleta e inadeguata.

  • Ricorso sistematico a cantieri notturni o che abbiano il minor impatto possibile sui flussi di traffico veicolare.

  • Realizzazione di nuovi parcheggi sia vicino al centro storico che in aree che possano essere servite con mezzi e navette veloci per raggiungere il centro, soprattutto utilizzando e riqualificando aree dismesse o abbandonate.

  • Nuova politica tariffaria che incentivi il commercio o chi ha necessità di effettuare visite a domicilio, prevedendo una franchigia nella prima parte della sosta.

  • Gratuità dei parcheggi nei pressi dell’ospedale Santa Maria alle Scotte.

  • Istituzione di un garante per la disabilità che recepisca le istanze di chi, portatore di handicap, vive la città e incalzi l’amministrazione sul superamento di tutte quelle barriere che impediscono la piena mobilità di tutti.

Siena, i protagonisti sono i giovani

La nostra città non può più permettersi di veder andar via suoi giovani per mancanza di prospettive e attrattività.

Il Comune di Siena diventerà il regista della nascita di un modello di città che offra una formazione di alta qualità e occasioni per le giovani generazioni di mettere a frutto i propri talenti.

Le nostre azioni

  • Sostenere giovani che intendono avviare una propria attività attraverso il recupero di immobili di proprietà pubblica con affitti a equo canone e agevolazioni fiscali sulle imposte locali.

  • Istituire un bando di concorso che premi i migliori giovani imprenditori senesi sulla base dei risultati raggiunti.

  • Istituire un incubatore comunale di start-up giovanili per accompagnare l’idea alla sua realizzazione pratica.

  • Promuovere la nascita di spazi dedicati all’espressione della creatività giovanile anche nelle zone periferiche della città.

  • Favorire la nascita di locali e aree di socializzazione in parti della città, come ad esempio la Fortezza, dove la naturale vitalità dei giovani possa esprimersi senza danneggiare il diritto al riposo dei residenti, specialmente nelle ore notturne.

Fatto a Siena

Investiamo sulla nostra città

Il nome di Siena è famoso in tutto il mondo come sinonimo di bellezza e qualità della vita. Neppure gli scandali degli ultimi anni provocati da una politica irresponsabile hanno potuto cancellare la meraviglia e il fascino che la nostra città suscita all’esterno. Per questo l’attrattività della nostra città non deve limitarsi al solo settore turistico, ma deve estendersi anche al mondo economico e produttivo. Il ruolo del Comune sarà quello di far conoscere Siena al resto del mondo anche come luogo ideale dove investire. La nuova amministrazione sarà in grado di parlare al mondo.

Le nostre azioni

  • Istituzione di uno sportello unico comunale per sbrigare tutti gli adempimenti burocratici necessari a chi vuole avviare una nuova impresa.

  • Avviare una seria attività di confronto e collaborazione con i comuni della provincia, specialmente quelli dove insistono importanti distretti produttivi, per trovare sinergie e creare occasioni comuni di crescita e collaborazione.

  • Estendere la copertura della rete wi-fi alle aree strategiche del territorio comunale.

  • Favorire il confronto tra gli atenei cittadini e le necessità del tessuto produttivo.

  • Dialogo serrato con Enti ed Istituzioni locali allo scopo di preservare il brand di territorialità, perché sempre di più il nome ‘SIENA’ sia percepito nel mondo come sinonimo di bellezza, gusto e alta qualità.

  • Impegnare la nuova autorevolezza del Comune di Siena per la nascita presso l’Università di Siena di un corso in scienze agrarie per il settore viticolo/enologico.

Siena, la città del Palio

Il Palio è la nostra Festa, una festa viva, che ha bisogno di amore, passione e cura.

Le nostre azioni

  • Le regole del protocollo equino connesse alla ns. Festa verranno migliorate creando un sistema premiante per i proprietari che possa dare dei riconoscimenti non necessariamente in termini economici.

  • Per le prove di notte, sarà valutata l’anticipazione della loro data di effettuazione al 27 giugno e all’ 11 agosto al fine di consentire un migliore recupero dei soggetti ammessi che poi dovranno sostenere le batterie della Tratta.

  • Lo staff veterinario sarà scelto tra professionisti con adeguata formazione riguardo alle peculiarità tecniche della nostra corsa, sui quali gli organi addetti del comune possano selezionare a rotazione una commissione veterinaria per le diverse annate.

  • Nell’ottica di una migliore gestione delle piste di addestramento verrà valutata la convenzione in essere con la proprietà della pista di Mociano e previsto il mantenimento di due piste di addestramento.

  • Per aumentare la sicurezza della corsa si avvierà la valutazione del meccanismo di sgancio del canape detto “cigno” al fine di ridurre sensibilmente i rischi connessi al blocco del canape stesso in fase di mossa.

  • L’amministrazione della giustizia paliesca vedrà una riduzione dei tempi di assunzione delle decisioni sanzionatorie, oltre che una rigorosa uniformità dei giudizi e delle sanzioni nel tempo.

Siena, per lo sport

L’attività di base andrà incentivata e favorita con tutti i mezzi possibili, sviluppando però il vero senso sportivo, formativo, educativo delle varie discipline, ed evitando gli aspetti di esasperazione agonistica troppo a lungo coltivati, anche dalle società e dalle famiglie degli atleti.

Lo sport professionistico, dopo lunghi anni di gloriosi ma costosi trionfi, deve saper accettare un complessivo ridimensionamento. L’Amministrazione comunale non potrà che fare tutto il possibile, ma nell’ambito delle sue competenze e senza sconfinamenti, per mantenere alto il prestigio della città, anche attraverso le sue principali realtà sportive.

Fra l’altro, sarà opportuno legare gli eventi sportivi di maggiore richiamo a collaterali iniziative di carattere culturale e turistico, adeguatamente promosse.

La città deve coltivare anche manifestazioni recentemente introdotte, ma di grande successo, come per esempio, nel ciclismo, l’Eroica e le Strade bianche. Al contempo bisognerà liberare il centro cittadino da tutta una giungla di manifestazioni minori che per troppi fine settimana, soprattutto in primavera, stravolgono la sosta e la circolazione, anche pedonale, bloccando le normali attività dei residenti e di coloro che hanno necessità di raggiungere il centro per shopping o altro, ed impattando anche sul turismo. In tal senso, bisognerà impegnarsi ad organizzare eventi, in particolare quelli legati al podismo, non solo nel centro e imperniati su piazza del Campo, ma anche nei quartieri meno centrali, prevedendo, fra l’altro, un maggior uso della Fortezza, ed in pari tempo tornando a favorire lo sviluppo delle corse campestri.

Il Comune deve agire in sinergia con gli enti di promozione sportiva, ed organizzare i vari eventi razionalmente, in rapporto con quelli di natura culturale, commerciale eccetera.

Con le ridotte risorse disponibili vi sono rischi di decadimento dell’efficienza dei numerosi impianti sportivi di cui la città dispone. Sarà pertanto necessario impegnarsi, cercando di mettere maggiormente a reddito le strutture che hanno una potenzialità reddituale.

Per quanto riguarda le risorse per il miglioramento degli impianti, ben vengano le sponsorizzazioni di privati, e va bene pure lo strumento del project financing, ma assicurandosi che gli impianti comunali non vengano gestiti in totale autonomia da un solo gestore in via esclusiva. Il Comune deve sempre riservarsi la possibilità di intervenire per equilibrare le legittime aspettative delle varie società sportive, ed anche dei singoli cittadini che vogliano svolgere in autonomia delle attività sportive”.

Si è insediato il consiglio comunale, Falorni eletto presidente

Aperta dall’inno nazionale “Fratelli d’Italia”, la prima seduta del consiglio comunale ha visto l’elezione a presidente di Marco Falorni, con Massimo Mazzini vice

E’ stata aperta dalle note dell’inno nazionale la prima seduta del consiglio comunale di Siena, presieduta, inizialmente, dal consigliere anziano Vanni Griccioli, e riunitosi questa mattina alle 9 nella Sala del Capitano del Popolo a Palazzo Pubblico. Subito dopo il consesso ha proceduto a convalidare l’elezione frutto della consultazione elettorale del 10 e del ballottaggio del 24 giugno scorso. Luigi De Mossi sindaco, e i consiglieri: Massimo Bianchini, Paolo Benini, Anna Masignani, Eleonora Raito, Davide Dore, Andrea Piazzesi, Francesco Mastromartino, Paolo Salvini, Marco Falorni, Barbara Magi, Fabio Massimo Castellani, Federico Minghi, Carlo Marsiglietti, Tommaso Bartalini, Lorenzo Loré, Orazio Peluso, Bernardo Maggiorelli, Maurizio Forzoni, Maria Concetta Raponi, Alessandra Bagnoli, Bruno Valentini, Vanni Griccioli, Massimo Mazzini, Laura Sabatini in Melani, Pierluigi Piccini, Alessandro Masi, Giulia Periccioli, Luca Micheli, Claudio Cerretani, Mauro Marzucchi, Davide Ciacci, Pietro Staderini e Vanni Griccioli.

Per la carica di presidente del consiglio è stato eletto Marco Falorni, che ha salutato l’aula augurando a tutti “buon lavoro”. «Avverto su di me tutto l’onore e la responsabilità del ruolo – ha detto Falorni -. Svolgerò il mio compito con imparzialità e impegno, assicuro il rispetto dei diritti della minoranza. Tutti dobbiamo sentire su di noi il peso della storia in questa aula, il tempio della democrazia senese. Questo consesso con il suo lavoro deve essere di esempio per la cittadinanza, perché rappresenta la più alta e democratica istituzione cittadina, diretta  espressione del popolo senese. Grazie a tutti. Adesso a lavoro».

A seguire ha preso la parola la consigliera Laura Sabatini per presentare una mozione d’ordine ed esporre  le motivazioni per le quali si è distaccata dalla lista “Per Siena” e, oggi, dall’omonimo gruppo consiliare.

«Non condivido – ha detto –  i motivi legati alla scelte politiche fatte dalla lista “Per Siena” sull’apparentamento con Valentini e le due liste collegate, PD e “In Campo”».  La consigliera ha, quindi, dichiarato di aderire  al gruppo misto.

Vice presidente del consiglio comunale è stato eletto Massimo Mazzini.

Dopo il giuramento del sindaco Luigi De Mossi, lo stesso ha presentato i nomi e le deleghe degli assessori.

Andrea Corsi, vice sindaco con delega alla mobilità, viabilità, trasporti, smart city, Polizia Municipale e  personale. Francesco Michelotti, assessore all’urbanistica, alla sicurezza, edilizia privata, sito Unesco e fondi europei. Francesca Appolloni, assessora alla sanità,  servizi sociali e politiche della casa. Sara Pugliese, assessora alle politiche giovanili, pari opportunità e servizi informatici. Massimo Sportelli, assessore ai lavori pubblici e protezione civile. Clio Biondi Santi,  assessora ai servizi all’infanzia e istruzione. Alberto Tirelli,  assessore al commercio, turismo e giustizia paliesca. Nicoletta Cardin, assessora al decoro urbano, aree verdi e ambiente. Luciano Fazzi, assessore al bilancio, patrimonio e tributi.

La seduta si è conclusa con l’elezione dei membri della commissione elettorale: Massimo Bianchini, Vanni Griccioli e Fabio Massimo Castellani; componenti supplenti Bernardo Maggiorelli, Claudio Cerretani e Lorenzo Loré.

Masi del Pd e Griccioli di Per Siena sfondano nelle preferenze

Sono stati resi noti i risultati delle preferenze per il consiglio comunale. Sono arrivati primi Alessandro Masi (Pd), Vanni Griccioli (Per Siena) e Mauro Marzucchi (Siena Aperta)

Il Comune di Siena ha reso noti i risultati delle preferenze per il consiglio comunale. Il candidato più votato tra i 538, con 414 preferenze, è Alessandro Masi del Pd, seguito da Vanni Griccioli (Per Siena) con 360. Terzo è arrivato Mauro Marzucchi di Siena Aperta con 290 voti.

 

PER SIENA

14 GRICCIOLI VANNI 360 7,45
19 MAZZINI MASSIMO 195 4,03
26 SABATINI LAURA in MELANI 159 3,29
20 MORTILLARO ROSARIO 147 3,04
5 CASINI SILVIA 139 2,88
6 CESAREO FRANCESCA 136 2,81
2 BIAGIOTTI TIZIANA in DEL PORRO 117 2,42
15 GUAZZINI GABRIELE 87 1,80
17 LENSINI ANDREA 87 1,80
3 CAPECCHI MATTEO 84 1,74
30 VIGNI FRANCESCO 82 1,70
8 CONTU ELENA 80 1,65
10 FERRINI SILVIA 77 1,59
7 COLOMBINI GIANNI 66 1,37
32 VOLTOLINI CINZIA 65 1,34
21 MUGNAINI MARCELLA in MORI 47 0,97
27 SEAZZU MICHELE 47 0,97
4 CASINI ROBERTA in PACCAGNINI 45 0,93
31 VIRGA FABRIZIO 44 0,91
18 LE ROSE MARIA RITA 43 0,89
1 BANCHERI VIOLA 39 0,81
12 GHELARDINI SILVIA 33 0,68
25 RUBEGNI MARCO 27 0,56
23 PAGANELLI MARIANO 23 0,48
11 GALGANI GABRIELE 22 0,46
16 LAGHI MARTA 20 0,41
13 GORGAN CRISTINA 18 0,37
22 NARDINI ANTONELLA 17 0,35
24 PAVIA VITO 16 0,33
29 VENCATO GIULIA 16 0,33
28 TERI ELISABETTA 15 0,31
9 del VESCOVO COSMO DAMIANO 11 0,23

PARTITO DEMOCRATICO

21 MASI ALESSANDRO 414 9,11
24 MICHELI LUCA 212 4,67
27 PERICCIOLI GIULIA 211 4,64
28 PETRICCI SIMONE 200 4,40
15 GABBRICCI LIVIA 188 4,14
13 FARNETANI VALENTINA 184 4,05
3 BONAVITACOLA ELINA detta LINA 144 3,17
10 DA FRASSINI IVANO 133 2,93
25 NESI FEDERICO 128 2,82
6 CARNESECCHI FRANCESCO 111 2,44
1 VIGNI SIMONE 106 2,33
4 BREDICE NADIA 104 2,29
14 FAZZINO NICCOLO’ 90 1,98
12 ELIA FRANCESCA 87 1,92
2 BELLINI ALESSANDRO 84 1,85
17 LA RUSSA GINEVRA 66 1,45
29 ROSSI GIULIA 63 1,39
7 CASCIARO MONICA 60 1,32
26 ONOFRI FABIOLA 60 1,32
30 SALETTI MARCO 60 1,32
19 MACHETTI GIAMPAOLO 46 1,01
32 VITI FERNANDO 35 0,77
16 IZZO ORLANDO 23 0,51
11 DOMINI SILVIA 22 0,48
5 CARAMIA ANTONIA 16 0,35
18 LUSINI SUSANNA 14 0,31
8 CASTELLINI DUCCIO 8 0,18
23 MBOUP MAGUETTE 8 0,18
31 TORSELLINI FABIO 7 0,15
9 NENCINI CONSUMI GIOVANNI 6 0,13
20 MASCI DORETTA 4 0,09
22 MAZZARELLI GIULIA 3 0,07

IN CAMPO

6 PALLAI SONIA 148 6,39
9 CERRETANI CLAUDIO 147 6,34
11 TARQUINI TIZIANA 134 5,78
30 D’ONOFRIO PASQUALE 123 5,31
27 SBARDELLATI ANDREA 112 4,83
3 BINDI MARIAPIA 98 4,23
24 PACCIANI MARIO 89 3,84
31 COLLINI ANDREA 82 3,54
26 VITI FILIPPO 78 3,37
7 MACHETTI ANDREA 58 2,50
29 PUZZUTIELLO ROSA 58 2,50
15 BIAGINI WALTER 55 2,37
14 FABBRINI MARIO detto MARIS 49 2,11
5 BROGI MARCO 47 2,03
4 MAESTRINI LETIZIA 46 1,99
8 ROSSONI ELISABETTA 46 1,99
12 GANGI SALVATORE detto SALVINO 46 1,99
17 MILANO ROBERTA 46 1,99
18 LANDI GIULIO 46 1,99
13 SANTUCCI SERENA 45 1,94
2 MUZZI FEDERICA 43 1,86
20 SALADINI PATRIZIA 38 1,64
25 BALDONI PIERO 32 1,38
22 QUINTINI VIRNA 30 1,29
28 BIAGI ALDO 25 1,08
16 FURIA STEFANIA JASMINE 21 0,91
10 MASIGNA’ O MASIGNANI MARCO 19 0,82
19 LOMBARDI DANILO 19 0,82
1 PIERI ELISA 18 0,78
32 VICHI FRANCO 15 0,65
21 PARRI ROBERTO 9 0,39
23 COSTANTINI MASSIMO 7 0,30

LEGA

3 BIANCHINI MASSIMO 211 9,43
7 CORSI ANDREA 108 4,83
2 BENINI PAOLO 103 4,60
15 MASIGNA’ O MASIGNANI ANNA 74 3,31
9 DORE DAVIDE 35 1,56
25 RAITO ELEONORA 35 1,56
24 PIAZZESI ANDREA 24 1,07
17 MASTROMARTINO FRANCESCO 17 0,76
28 SALVINI PAOLO 8 0,36
20 NARDI FULVIA 6 0,27
29 STABILE MARIA ELENA 6 0,27
11 GAMBELLI SAULO 5 0,22
22 PASETTO NICOLA 5 0,22
19 MOSCADELLI SARA 3 0,13
26 RICCI FILIPPO 3 0,13
31 TOZZI ELENA 3 0,13
1 AGUSTA MAURIZIO 2 0,09
13 GRASSINI DANIELA 2 0,09
21 PAGLIANTINI ALBERTO 2 0,09
30 TOMMASI FABIO 2 0,09
6 CONTI LUCA 1 0,04
8 DE TOFFOLI LORENZO 1 0,04
14 LAZZERETTI ALBERTO 1 0,04
27 SALVADORI LUCA JACOPO 1 0,04
4 BUNDER MARIANN 0 0,00
5 CASI FRANCESCO 0 0,00
10 FALERI LUCIA 0 0,00
12 GIALLINI GRAZIANO 0 0,00
16 MASSEI GABRIELE 0 0,00
18 MERCADANTE di ALTAMURA ROMANA 0 0,00
23 PELLEGRINI TIZIANA 0 0,00
32 ZUCCARO in SULEJMANI VANESSA 0 0,00

VOLTIAMO PAGINA

1 FALORNI MARCO 263 14,17
14 MAGI BARBARA 94 5,06
6 CASTELLANI FABIO MASSIMO 82 4,42
17 MINGHI FEDERICO 82 4,42
16 MARSIGLIETTI CARLO 77 4,15
3 BARTALINI TOMMASO 66 3,56
2 ASTORI MAURIZIO 64 3,45
23 SARTINI MARCO 58 3,13
9 FABBRI DANIELA 42 2,26
18 MUZZI LUCA 37 1,99
26 BROCCHI SILVIA 35 1,89
10 GRAZIANO VERONICA GAETANA 32 1,72
5 BECATTI SUSANNA 27 1,45
19 PAFFETTI PAOLA 22 1,19
13 MAGALOTTI WALTER 15 0,81
30 LICARI CINZIA 15 0,81
12 LORENZINI MAURIZIO 14 0,75
4 BRIGLIA ALFONSO 12 0,65
28 STOPPONI MONICA 10 0,54
11 GUIDI ELENA 7 0,38
25 BADII MARCO 7 0,38
22 SARRECCHIA MARCO 6 0,32
32 VALACCHI ALESSANDRO 6 0,32
24 VISIGALLI LETTERIO 5 0,27
8 DOTTI GIOVANNA 4 0,22
15 MAIOLO CONCETTINA 4 0,22
21 SALVIETTI CATERINA 4 0,22
7 CIALI ALESSANDRA 3 0,16
20 PRIORI LINDA 3 0,16
27 HAIK ELEONORA 0 0,00
29 VOLPI MAURIZIO 0 0,00
31 BENOCCI MAURILIO 0 0,00

SIENA APERTA

21 MARZUCCHI MAURO 290 23,73
20 LORENZETTI SIMONE 164 13,42
30 TORTORELLI ADRIANO 119 9,74
15 GERLI MARCO 109 8,92
26 SARTINI FEDERICA 108 8,84
14 FRANCIOSI GIULIANA 82 6,71
11 DE LUCA SAMUELE CARMINE MARIA 66 5,40
2 BACCI MARIA in NENCINI 60 4,91
9 CORTIGIANI STEFANIA 56 4,58
31 VANNI CESARE 55 4,50
5 BETTI MATTEO 54 4,42
19 LEONI SERENA 38 3,11
16 GIANNITTI PIETRO 35 2,86
13 FINUCCI LEONARDO 30 2,45
27 SILI LUIGI 28 2,29
29 TAGLIOLI MARIA LUISA 25 2,05
32 VANNONI SONIA 23 1,88
22 MILANESI VALERIA 21 1,72
17 GRAPA MARIANA DENISA 19 1,55
12 ELMAZAJ ELISA 18 1,47
24 PREVE MICHELE 15 1,23
1 ANGELINI LEONARDO 14 1,15
10 COSTANTINI PAOLA 13 1,06
28 SCARPELLI CINZIA 13 1,06
25 SAMPOLI ANDREA 11 0,90
4 BARBUCCI GIULIANO 10 0,82
18 GUIDO PAOLO 8 0,65
23 PIERACCIANI GIANCARLO 8 0,65
3 BACCHESCHI ALESSANDRO 6 0,49
8 CHIARELLI SAVERIO 4 0,33
6 BOMBONATO ROMANA 3 0,25
7 CARLI MASSIMILIANO 2 0,16

NERO SU BIANCO

5 ARMINI SILVIA 119 11,23
15 CIACCI DAVIDE 119 11,23
8 BORGHI FRANCESCA 109 10,28
19 FERRINI FRANCESCO 85 8,02
6 BALDONI FILIPPO 80 7,55
18 DE ZIO GIUSEPPE 78 7,36
26 LUCCHESI PATRIZIO detto LORIS 66 6,23
2 BECCHI MARIA ISABELLA 59 5,57
22 GOTTI PAOLO 53 5,00
10 BROGI SILVIA 48 4,53
7 BILIOTTI MASSIMILIANO 36 3,40
1 PICCINI ALESSANDRO 35 3,30
25 LANDI MARCO 35 3,30
17 CRISTINI MASSIMILIANO 32 3,02
30 PARODI LEANDRO 27 2,55
21 GALARDI MASSIMILIANO 26 2,45
29 NALDINI ALESSANDRA 23 2,17
13 CERRETANI SIMONETTA 19 1,79
12 CARMIGNANI CINZIA 16 1,51
27 MANCINI LUIGI 13 1,23
14 CHIAVARELLI MARCO 12 1,13
4 ALBERO VINCENZO 11 1,04
24 GUIDI LAURA 11 1,04
23 GUIDARELLI GUENDALINA 10 0,94
3 ABENELANG NTI STEPHANE 8 0,75
28 MARIOTTI AGOSTINO 8 0,75
32 VOROBIEVA OXANA 5 0,47
11 BURRINI ALBERTO 4 0,38
20 FLORINDI FILIPPO 4 0,38
16 CIPRIANI PATRIZIA 3 0,28
9 BRIZZI ROBERTO 2 0,19
31 ROSI FRANCESCA 1 0,09

SENA CIVITAS

1 STADERINI PIETRO 133 12,80
16 DELPRATO PAOLO 128 12,32
3 APPOLLONI FRANCESCA 125 12,03
29 PONTREMOLI LAURA 109 10,49
21 GRASSO GINEVRA 56 5,39
2 ANDREASSI MARCO 54 5,20
12 CAPRASECCA VALENTINA 46 4,43
31 ROTUNDO FELICIA 44 4,23
28 PINI DANIELE 39 3,75
11 BUTINI ENRICO 34 3,27
25 NIGI CARLO 28 2,69
24 MORABITO FRANCESCA 26 2,50
15 DE SANTI GIANNA 25 2,41
26 ORAZIOLI DANIELA 24 2,31
27 PELLEGRINO FRANCESCO 23 2,21
18 FIORENZANI CARLO 19 1,83
22 MANNI SERGIO 19 1,83
17 FINESCHI SERGARDI GUIDO 14 1,35
6 BICHI LUCIANO 12 1,15
10 BURRONI PAOLO 10 0,96
4 BALUCANTI SOCRATE 9 0,87
5 BARABESI ROBERTA 9 0,87
13 CARFORA ANTONIO 9 0,87
32 TIGLI ANDREA 9 0,87
7 BOTARELLI CATERINA 8 0,77
9 BURCHIANTI STEFANO 8 0,77
20 GIARDINO CARMELA detta BRUNA 8 0,77
30 RAFFAELLI ANGELO 8 0,77
23 MARIOTTI FIORELLA 6 0,58
14 CIANI LUCA 5 0,48
8 BRINI LAPO 4 0,38
19 FIORINI VAGNETTI RITA 4 0,38

SPQS

5 BOSSINI FRANCO 86 8,71
31 VIVARELLI MASSIMO 81 8,21
25 PINI CARLO 75 7,60
20 NERI LAURA 67 6,79
26 RINALDI FILIPPO 55 5,57
21 ONORATI GIANNI 50 5,07
12 DE BONIS TEODOSIO detto TEO 49 4,96
9 CAMARRA MONIQUE 48 4,86
28 SESSA MARIAGRAZIA 41 4,15
10 CECCHERINI ALESSANDRO 33 3,34
22 PARRINI ISABELLA 31 3,14
3 ATRIA DONATELLA 30 3,04
15 LO COCO MASSIMO 29 2,94
7 BRUNI GABRIELE 26 2,63
8 CALIENDO LUCIA 21 2,13
13 DONATI GABRIELE 21 2,13
14 GANGHINI SIMONA 19 1,93
4 BENVENUTI BENEDETTA 17 1,72
2 APRILE MICHELE 16 1,62
27 RUSTICI CLAUDIA 16 1,62
17 MARIANI BEATRICE 15 1,52
11 D’ADDARIO CINZIA 11 1,11
1 AMABILE LICINIA 10 1,01
23 PASSAPONTI FRANCESCO 7 0,71
30 VIGNOLI ROBERTO 3 0,30
6 BRUCCIANI ANDREA 2 0,20
16 MANFREVOLA FRANCESCO 2 0,20
18 MERCATI CLAUDIO 1 0,10
19 MUCCIARELLI GIANLUCA 0 0,00
24 PIANTA CLAUDIO 0 0,00
29 SIGNORE ANNA MARIA 0 0,00

FRATELLI D’ITALIA

10 FORZONI MAURIZIO 93 10,53
28 RAPONI MARIA CONCETTA 50 5,66
2 BAGNOLI ALESSANDRA 42 4,76
30 SELVAGGI STEFANIA 39 4,42
5 CARMIGNANI CARLO 21 2,38
1 APREA CRISTINA LUCIA 18 2,04
17 MARRADI SIMONE 18 2,04
27 PIERAGALLI FABIO 16 1,81
22 MORI ELENA 14 1,59
3 BRIZZI MORENO 8 0,91
7 CHELLINI CHRISTIAN 6 0,68
12 LANDOZZI RICCARDO 4 0,45
20 MATERAZZI SABRINA 4 0,45
8 CIPRIANI KRIS 2 0,23
11 LAVECCHIA ELISA 2 0,23
13 LANFREDINI LAPO 2 0,23
24 ORTALLI GINO 2 0,23
29 SARUBBI VINCENZA 2 0,23
31 TICCI SUSANNA 2 0,23
14 LEONE ALEXIA 1 0,11
15 LEONE ELISA 1 0,11
21 MIELE GIUSEPPE 1 0,11
32 SENNI PAOLO 1 0,11
4 BROGI RUGGERO 0 0,00
6 CARUSI LILIANA 0 0,00
9 FASO BENEDETTO GIUSEPPE 0 0,00
16 LOSI STEFANO 0 0,00
18 MARTINI MARCO 0 0,00
19 MARTINUCCI CARLO 0 0,00
23 NERI ROSSANA 0 0,00
25 PAZZAGLIA MICHELE 0 0,00
26 PERFETTI TERESA 0 0,00

FORZA ITALIA

2 LORE’ LORENZO 175 21,08
6 PELUSO ORAZIO 77 9,28
5 MAGGIORELLI BERNARDO 67 8,07
1 MANGANELLI ALESSANDRO 54 6,51
19 FIORENTINI DAVID 35 4,22
3 BATTISTINI LORETANA 30 3,61
4 BANDINI MASSIMO 28 3,37
10 BURRONI MARCO 11 1,33
8 BALDASSARRI JUAN PEDRO 6 0,72
17 FABI SANDRA 4 0,48
16 DI STASIO GIOVANNI 2 0,24
23 MANZO TERESA 2 0,24
9 BURGASSI ELENA 1 0,12
12 CARTEI LETIZIA 1 0,12
18 FALORNI ANTONELLA 1 0,12
27 PISTOLESI MARIELLA 1 0,12
29 ROSSI LAURA 1 0,12
7 ALBERI VINCENZO 0 0,00
11 CAMPAI RENATO 0 0,00
13 CARUSOTTO ROSA ANNA 0 0,00
14 CUOMO ANTONIO 0 0,00
15 DIENI ANTONELLA 0 0,00
20 FRANCESCONI MATTEO 0 0,00
21 LASCIALFARI DANIELE 0 0,00
22 LUDDI SIMONETTA 0 0,00
24 MESSINA TERESA 0 0,00
25 PAGNI ROBERTO 0 0,00
26 PERALTA ILENIA 0 0,00
28 PONZUOLI CATERINA 0 0,00
30 SIMONIELLO GIUSEPPE 0 0,00
31 TERENZI ANDREA 0 0,00
32 TOMEI ANTONELLA 0 0,00

PENSARE CONFRONTARSI DIFENDERSI

1 BAZZINI GIOVANNI 63 9,63
6 CAMPOLO MARIA ANTONIETTA 60 9,17
11 MALERBA MARIA detta MARIELLA 49 7,49
12 MENICACCI FELICE 40 6,12
20 RICCI ELEONORA 37 5,66
16 NOVELLO ANTHONY 34 5,20
3 BIANDOLINO PASQUALE 28 4,28
15 NISI GIUSEPPE detto PIPPO 25 3,82
18 PINCIANI FABIANO 24 3,67
5 BRANDI LUCIO-MARIANO 23 3,52
24 TOSI SILVIA 23 3,52
8 GERARDI FRANCESCO 22 3,36
19 PINNA CORRADO 21 3,21
17 PALOPOLI ENRICO NICOLA MARIA 14 2,14
22 TIRINNANZI LUISA 14 2,14
21 ROSSI BARONI SANDRA 11 1,68
2 BIAGINI SIMONA 9 1,38
25 FADDA EMANUELE 8 1,22
7 DE VUONO GIULIA 7 1,07
4 BODURI EMILIANA 6 0,92
10 LORENZETTI NELLO 6 0,92
23 TORNESI SAMUELE 4 0,61
14 MURATORI MATTEO 3 0,46
9 GIGLIONI LUCA 2 0,31
13 MINICHETTI GIUSEPPINA 2 0,31

POTERE AL POPOLO

23 VITTORI MICHELE 47 8,79
1 ANDREINI FRANCESCO 37 6,92
13 LIPEROTI DOMENICO 28 5,23
5 BINDI ANGELA 20 3,74
4 BELLACCINI MAURIZIO 19 3,55
10 FRANCHI FILIPPO 17 3,18
16 RAFFO GIOVANNI 17 3,18
12 LAMBARDI CECILIA 15 2,80
8 COSTANTINI MARIA CRISTINA 13 2,43
2 BALZARANI STEFANIA 10 1,87
6 BRANCONI FIORA 10 1,87
21 VALENTINI LIA 10 1,87
18 SAVOI CHIARA 9 1,68
11 GUERRINI AGATA 8 1,50
19 SCIORTINO FRANCESCO 7 1,31
22 VIOLINI ANNALISA 4 0,75
7 CAPPELLI FABIO 3 0,56
15 PISCHEDDA ALESSANDRO 3 0,56
17 SAMPIERI LUISA 3 0,56
3 BARBATO GIOVANNI detto SERENA 1 0,19
20 VALENTI LORETTA 1 0,19
9 DIGEVA PATRIZIO 0 0,00
14 MARCHESINI VALENTINA 0 0,00

CASAPOUND

1 MANGANELLI FRANCESCO 40 7,56
2 FUCITO MARZIO 33 6,24
10 CAPPELLI MASSIMO 26 4,91
3 SARACENI LUIGI 22 4,16
16 GUADAGNO FRANCESCA 21 3,97
12 CIRNECO ALBERTO 16 3,02
27 SEIDITA RITA 16 3,02
8 BUTINI MARCO 15 2,84
14 GRAZIUSO LUIGI FRANCESCO 15 2,84
15 GRDANICKI BARBARA detta BARBARINA 13 2,46
21 NERI LEONARDO 11 2,08
29 TANCREDI MAURA 11 2,08
18 LOZZI LUCA 8 1,51
19 LUCHINI LEONARDO 7 1,32
11 CHIANTINI ANNA MARIA 6 1,13
13 GARZIA ROBERTO 6 1,13
24 RABECCHI SIMONE 6 1,13
28 SERPI ROBERTO 6 1,13
7 BIBI ELENA 4 0,76
23 RABECCHI SONIA 3 0,57
17 LOFFREDO MICHELANGELO 2 0,38
25 SCALETTA GIANMARCO 2 0,38
31 VENEZIANO ANTONELLA 1 0,19
4 AOLI FEDERICO 0 0,00
5 BENIGNI SARA 0 0,00
6 BIANCUCCI WALTER 0 0,00
9 BUZZINI GIULIA 0 0,00
20 MANETTI FABIO 0 0,00
22 PRETENI ANDREA 0 0,00
26 SCIANNA GIUSEPPE 0 0,00
30 TOLOMEI SAMANTHA 0 0,00
32 VIRGA MICHELE 0 0,00

SIENA DOC

24 PINI LETIZIA 41 9,07
17 MOLINARO FRANCESCO 38 8,41
18 NICCOLINI DEBORA 27 5,97
22 PAOLINI EMANUELE 21 4,65
25 RUGGERI ENNIO 21 4,65
19 NUMEROSO BARTOLOMEO 19 4,20
2 BARAGATTI LETIZIA 15 3,32
4 BARELLI FEDERICO 12 2,65
6 CAMPANINI SIMONE 12 2,65
7 CAMPRIANI ANDREA 12 2,65
3 BARBAGLI MARCO 11 2,43
13 FIORENZA FRANCA 11 2,43
30 TERZUOLI RICCARDO 11 2,43
11 DEL VECCHIO STEFANO 9 1,99
26 SANTINI SIMONE 9 1,99
8 CATANIA MARIA CLELIA 7 1,55
15 MESSA GIANLUCA 7 1,55
31 TONELLI NICOLA 7 1,55
5 BELLACCINI JACOPO 6 1,33
14 GUARNIERI EUGENIA 6 1,33
28 STRAMERA EMANUELA 5 1,11
9 CECCANTI GAIA 3 0,66
10 CUCINI GIANPIERO 3 0,66
16 MINUCCI FRANCESCO 3 0,66
20 PANTI CRISTINA 3 0,66
21 PANTI MAURO 3 0,66
23 PELLONE ANNA 3 0,66
27 SPALLETTI ALESSANDRO 3 0,66
29 TANZINI ANDREA 3 0,66
32 VIVARELLI OLIVIERO 2 0,44
12 DIANA FRANCESCA 1 0,22
1 BALISTRERI ANNALAURA 0 0,00

SINISTRA PER SIENA

1 PIRRI MARIA-SABRINA 59 13,14
22 VIGNI LAURA 28 6,24
7 BORGNA ANDREA 25 5,57
9 BURRINI SERGIO 13 2,90
20 ROTONDO GIUSEPPE 12 2,67
19 QUINTI ALESSANDRO 11 2,45
14 GIANNINI BRUNA 10 2,23
13 GARRITANO MASSIMO 9 2,00
4 BAIOCCHI MAURO 8 1,78
23 VIVI MASSIMO 7 1,56
2 ANZIVINO MARILENA 6 1,34
3 BAGLIONI CESARE 4 0,89
5 BARI GIANNI 4 0,89
6 BORGIANNI LUISA 4 0,89
10 CHIANTINI MARCO 4 0,89
16 MOLTENI GIANFRANCO 4 0,89
12 DE TANTI MARIA LAURA 3 0,67
8 BRUTTINI MIRELLA 2 0,45
17 PEPI SIMONETTA 1 0,22
11 CIUCCARIELLO MARIA ROSARIA 0 0,00
15 GORELLI FAGIOLINI MARCO 0 0,00
18 PISANI MARTA 0 0,00
21 SAMPIERI MANUELA 0 0,00

LA MARTINELLA 1884

19 SAMPIERI LORENZO 44 25,88
5 CORSI ELISABETTA 36 21,18
2 BENUCCI RICCARDO 26 15,29
16 PELUSO DAVIDE 18 10,59
7 DEL VESPA LUCIA 15 8,82
3 BIANCIARDI SILVIA 14 8,24
15 MORANDINI PAOLO detto IL NANDA 6 3,53
4 BUINI BARBARA 5 2,94
13 MATUTINO SARA 5 2,94
10 FERRUZZI MASSIMO 4 2,35
18 ROSSI ESIO 3 1,76
25 OLIVIERI FABIOLA 3 1,76
6 DEL DOTTORE GISBERTO 2 1,18
8 DE SANTI ALMA 2 1,18
1 ANZANI ALCEA 1 0,59
9 DI STEFANO GIOVANNI 1 0,59
12 LUCARONI FABIO 1 0,59
11 FRACASSI IVANNA 0 0,00
14 KADLCKOVA’ MIROSLAVA 0 0,00
17 ROSSETTI MATTEO 0 0,00
20 SANI ANDREA 0 0,00
21 VIGNOZZI SAURO 0 0,00
22 BELARDI CARLO ALBERTO 0 0,00
23 BIANCHI SERENA 0 0,00
24 NAOUALI SEMIA 0 0,00

SIENA ALLA FONTE

10 MICHELI CARLO ANDREA 10 6,21
2 MARTELLUCCI PIETRO MARIO 7 4,35
3 LAMIONI ANTONELLA 6 3,73
15 TODISCO ADDOLORATA 6 3,73
9 IAFISCO SILVIA 5 3,11
26 MUGNAINI MARCO 5 3,11
1 PICCINI DONATELLA 4 2,48
4 PRATESI GIACOMO 4 2,48
21 TANZI ANNA 3 1,86
7 CHIEZZI SERENELLA 2 1,24
12 ELMI MICHELE 2 1,24
19 BARLETTI MICHELA 2 1,24
6 VICHI DIEGO 1 0,62
11 TACCIOLI FRANCESCA 1 0,62
22 NEGRO ALESSANDRO 1 0,62
23 CIANI CRISTIANA 1 0,62
5 CAPITANI SERENA 0 0,00
8 MEINI AMEDEO 0 0,00
13 PASQUINUCCI LISA 0 0,00
14 BENIGNI CLAUDIO 0 0,00
16 BERARDO NICOLA 0 0,00
17 DE VUONO SIBILLA 0 0,00
18 PETRINI FABIO 0 0,00
20 GUIDOTTI ENZO 0 0,00
24 ULIVI MATTEO 0 0,00
25 RIGUCCI LORELLA 0 0,00

La biblioteca degli Intronati aprirà anche sabato pomeriggio

L’apertura anche al sabato pomeriggio della biblioteca comunale degli Intronati sarà possibile dopo l’aumento del contributo annuale da parte del Comune di Siena

Il Consiglio Comunale di Siena ha approvato nella seduta di oggi il bilancio di previsione per il 2018/2020 della Biblioteca comunale degli Intronati, aumentando il contributo annuale da 350 a 400mila euro, così da allargare l’apertura anche al sabato pomeriggio.

Pur tenendo conto delle ridotte risorse disponibili e delle generali difficoltà di ordine finanziario che si ripercuotono sulla gestione ordinaria dell’istituzione, come ha introdotto il Sindaco, il bilancio di previsione permetterà l’avanzamento del progetto generale di allestimento della “nuova biblioteca”, il proseguimento degli interventi di tutela e conservazione del patrimonio, e il mantenimento del livello quantitativo e qualitativo dei servizi. Dopo gli interventi di ristrutturazione che hanno interessato il complesso della Sapienza, la Biblioteca dispone di circa 8mila metri quadrati con un patrimonio complessivo che supera le 650mila unità librarie/documentarie.

Prosegue la programmazione delle nuove attività didattiche, che va ad aggiungersi a quelle istituzionali, organizzate anche in collaborazione con le Università con l’obiettivo di incentivare lo studio e la valorizzazione del patrimonio antico e raro, cercando, contemporaneamente, di produrre reddito da reinvestire nella sua conservazione e tutela.

Un altro importante obiettivo perseguito progetto di digitalizzazione del materiale più prezioso, così da sottrarlo a uno stress continuo e dannoso della consultazione diretta e per facilitarne la diffusione della conoscenza. La prima fase, già conclusa, ha consentito la normalizzazione, l’archiviazione e la messa in sicurezza di oltre 2 milioni di immagini, e nei prossimi due anni il progetto, entrando nella fase esecutiva, potrà avvalersi del finanziamento da parte di Ales Arte Lavoro e Servizi s.p.a.

Con l’apertura della Biblioteca pubblica a scaffale aperto e di quella per bambini e ragazzi si sono ampliate notevolmente sia la gamma delle tipologie relative all’offerta bibliografico-documentaria, sia le possibilità di fruizione da parte dei cittadini.

Le entrate sono costituite da un contributo ordinario, da parte del Comune, aumentato rispetto all’anno precedente, pari a 400mila euro così da permettere il mantenimento dei servizi fin ad ora erogati e l’apertura della struttura anche nel sabato pomeriggio; mentre quelle provenienti dalla vendita e dall’erogazione di servizi ammontano a 12mila euro. A queste si aggiunge il contributo della Regione Toscana di 190mila (80mila per spese in conto capitale e 110mila in conto corrente) per il progetto relativo alla Rete documentaria e bibliotecaria senese – Redos; quello di Ales, reimputato nel 2018 per 80mila euro; i trasferimenti dai Comuni e Unione di Comuni che aderiscono alla Redos per un importo complessivo di circa 21mila euro e le sponsorizzazioni da parte di imprese per altri 16mila euro.

Per quanto riguarda la spesa, le risorse saranno investite soprattutto per processi di innovazione tecnologica (piattaforma digitale, nuovo portale, laboratorio di digitalizzazione, laboratorio di restauro, ecc.), arredi e infrastrutture, attività culturali, di promozione e valorizzazione del patrimonio. Relativamente ai servizi per il pubblico, oltre a consolidare quelli già attivi se ne creeranno di nuovi, nello spirito di un ulteriore sviluppo di cooperazione e integrazione nell’ambito del servizio bibliotecario senese e della rete documentaria e bibliotecaria del territorio.

La biblioteca, infatti, sta cercando di utilizzare in ogni sua attività tutte le possibili risorse umane compreso l’apporto dei cittadini (progetti speciali, servizio civile, associazioni di volontariato, tirocini, stage, ecc.), perché importante per la qualificazione dei servizi. Per questo ha costituito, con ottimi risultati, un nucleo di volontari già attivi in diversi progetti, quali sorveglianza mostre, accoglienza, “ricollocazione, selezione e scarto”, attività per bambini e ragazzi.

Nella stesura del previsionale è stato tenuto conto, anche, delle oggettive possibilità di cofinanziamento da parte di enti pubblici e privati, secondo un’ottica di costante revisione e contenimento della spesa pur mantenendo alta la qualità dei servizi per l’utenza.

Il Comune cerca cinque rappresentanti per il Siena Jazz

Aperti i termini di candidatura per i cinque rappresentanti comunali nel consiglio direttivo dell’associazione Siena Jazz

In base al nuovo statuto dell’associazione Siena Jazz, approvato dal Consiglio comunale di Siena nello scorso mese di aprile, a partire da oggi sono aperti i termini per la presentazione delle candidature ai fini della nomina dei cinque rappresentanti comunali nel Consiglio direttivo dell’associazione, che resterà in carica per i prossimi 4 anni.

Possono proporsi ogni cittadino maggiorenne, consiglieri comunali, rappresentanti dell’Università degli Studi e dell’Università per Stranieri di Siena, della Camera di Commercio, degli ordini professionali, degli organismi sindacali e di categoria con sede nel territorio comunale e delle associazioni che vi operano da almeno un biennio.

L’avviso pubblico integrale e i moduli per le candidature sono disponibili all’Albo pretorio on line e nel sito www.comune.siena.it seguendo il percorso Il Comune>Sindaco e Giunta>Servizi Generali-Ufficio Amministrazione e Contabilità>Nomine negli enti.

Le domande, indirizzate al sindaco, dovranno pervenire entro le 12 di martedì 23 gennaio tramite posta raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo Comune di Siena – Piazza il Campo, 1 – 53100 Siena, oppure tramite posta elettronica certificata scrivendo a comune.siena@postacert.toscana.it; le stesse potranno essere consegnate a mano all’Ufficio Protocollo dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12.30, e anche nei pomeriggi di martedì e giovedì dalle 15 alle 16.30.

Le candidature dovranno essere in linea con la deliberazione consiliare “Definizione degli indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende e istituzioni” e ai nominati sarà richiesto di sottoscrivere gli impegni e osservare i principi della “Carta di Avviso Pubblico, codice etico per la buona politica”.

Per ulteriori informazioni è possibile telefonare al numero 0577 292252.

Radicofani unita sul problema dei canidi

Voto unanime in Consiglio comunale di Radicofani per le richieste indirizzate alla tutela degli allevatori dagli assalti dei canidi

Maggioranza e opposizione, all’unanimità, hanno votato nel Consiglio comunale di Radicofani una delibera su un tema molto caldo, quello del continuo assalto dei cani vaganti alle greggi. Il documento è stato scritto a quattro mani con la rappresentante dell’opposizione Marica Cabiddu, in un contesto di condivisione dei contenuti tra consiglieri e amministrazione comunale. Tra l’altro, l’esasperazione aveva portato a compiere un atto vandalico, con alcuni canidi attaccati al cartellone di ingresso del paese, e la questione non è certo stata abbandonata. Quel gesto è stato a suo tempo condannato fermamente dal sindaco di Radicofani Francesco Fabbrizzi, come atto di violenza ingiustificato e causa di un danno di immagine per una pacifica comunità. Tuttavia lo stesso sindaco si era già mosso più volte, nelle sedi istituzionali, per segnalare un problema che si trascina da tempo. Ora, il malessere e i problemi di allevatori e agricoltori, è stato affrontato con un provvedimento preso nel corso dell’ultima seduta dell’anno, da parte di un Consiglio comunale che ha approvato un elenco di possibili soluzioni, senza distinguo.

Le richieste sono articolate, e precise. Si auspica che la Regione Toscana stanzi idonee risorse per l’abbattimento dei cani e riveda le normative sui cimiteri aziendali, facilitando lo smaltimento di carcasse di animali. Nel documento si chiede al Ministero dell’Ambiente e alla conferenza Stato-Regioni di attingere risorse dai Piani di sviluppo regionali necessarie ad affrontare i costi necessari per risolvere il problema, visto che gli attuali sistemi di prevenzione e indennizzo rappresentano un doppio costo per gli allevatori.

Il Comune di Radicofani propone, inoltre, nuovi bandi per risarcire non solo la perdita di alcuni capi, ma anche la diminuzione di latte che si genera in seguito agli attacchi. Si sollecitano, poi, le istituzioni preposte a rivedere la normativa sulle norme di prevenzione,  prevedendo contributi superiori alla soglia di 26mila euro. Alla Regione si chiede anche di rivedere le zone di protezione, tenendo conto delle specificità di Radicofani, nonché di rivedere le normative sull’abbattimento e sulla cattura di alcun esemplari, compresi gli ibridi. Le sollecitazioni arrivano fino al Parlamento, con la richiesta di rivedere la legge 281/91 che regola l’abbattimento dei cani randagi e gli incroci tra cani e lupi.

«Quando un’economia – osserva il sindaco Francesco Fabbrizzi – si regge in gran parte sull’allevamento di ovini e bovini, gli attacchi di animali particolarmente feroci e aggressivi può assumere la forma di un grave danno economico che si riversa su un’intera comunità. Il Consiglio comunale di Radicofani ha avuto il buon senso di rappresentare queste istante, facendo il possibile per dare forza alle esigenze di un territorio e della popolazione. Questo è un modo per affrontare un serio problema, non certo le azioni crudeli che riescono solo a dare un’immagine negativa a Radicofani, e che vanno fermamente condannate».

Torrita di Siena, approvato il bilancio di previsione

All’interno del bilancio di previsione 2018-2020 di Torrita di Siena, c’è anche un progetto sul recupero dello spreco alimentare

Con l’ultima seduta del Consiglio comunale di Torrita di Siena del 29 dicembre è stato approvato il bilancio di previsione per il triennio 2018-2020.

Confermate le linee guida siglate con le associazioni sindacali non subiranno variazioni le aliquote applicate per il calcolo dell’Imu e della Tasi sugli immobili e dell’aliquota sull’addizionale comunale irpef; così come rimarranno invariate le tariffe per le imposte di pubblicità e pubbliche affissioni, l’imposta per l’occupazione del suolo pubblico, diminuiranno tra i servizi a domanda le quote relative ai costi primi infanzia nido e rimarranno invariate le rette delle mense e dei trasporti.

Grande attenzione ai capitoli del sociale tra i progetti più evidenti i canoni concordati per l’emergenza abitativa e il recupero dello spreco alimentare.

Il progetto per il recupero dello spreco alimentare è un accordo sottoscritto con sette comuni della Valdichiana senese-aretina e mira al recupero di tutti quegli alimenti che non hanno più le caratteristiche per essere posti in commercio che di fatto possono ancora essere consumati. I prodotti saranno recuperati sopratutto nelle cooperative del territorio, stoccate in un locale del Centro Servizi di Torrita di Siena e successivamente ridistribuiti, tramite le associazioni di volontariato, a tutti quei soggetti e famiglie che ne necessitano.

«Ringrazio – dichiara il sindaco Grazi – i consiglieri di maggioranza ed opposizione per il lavoro svolto e per aver permesso a questo consiglio di approvare, per il secondo anno consecutivo, il bilancio di previsione entro la fine dell’anno solare».

Poggibonsi, vicino l’acquisto del terreno sul lato destro della stazione

Ieri, 20 dicembre, approvato in consiglio comunale di Poggibonsi l’atto propedeutico alla convenzione con RFI per il terreno sul lato destro della stazione

E’ stato definito l’acquisto da parte del Comune di Poggibonsi del terreno di proprietà delle ferrovie posto sul lato destro della stazione dove attualmente è presente un parcheggio provvisorio. Si tratta di aree oggetto di una delibera che è stata discussa in consiglio comunale.

«Un atto che pone le basi per la chiusura definitiva di un rapporto anche di natura patrimoniale con RFI che risale al 1999 – dice il sindaco David Bussagli – Un accordo con cui andiamo a definire il percorso da fare attraverso reciproci impegni».

Rispetto alla precedente convenzione restava da definire il regime proprietario di alcune aree che saranno acquisite a patrimonio dell’Ente. Si tratta di tutta la zona dell’ex scalo merci oggi parco urbano, del tratto urbano della ex ferrovia per Colle e, appunto, della zona a destra della stazione.

«Avere la piena disponibilità di questo terreno – commenta Bussagli – significherà poter intervenire e dare un volto nuovo a tutta l’area che resterà a parcheggio ma sarà sistemata». Si tratta di un’area di 4300 metri quadrati con accesso da piazza Mazzini.

«L’obiettivo è quello di realizzarvi un parcheggio strutturato, connesso con anche con il futuro parco che sorgerà nell’area Sardelli – dice Bussagli – Parliamo di tutta una zona della città su cui sono in corso progettualità importanti e in cui è strategica la funzione di quest’area di sosta».

Ieri, in consiglio comunale, è stata approvata (si del Partito Democratico e voto di astensione di Insieme Poggibonsi e Poggibonsi 5 Stelle) la delibera propedeutica alla firma della convenzione con RFI.

«Un punto di arrivo importante che ci consente di procedere con il programma complessivo di rigenerazione». L’acquisizione dell’area a destra della ferrovia in chiave di futuro parcheggio segue la variante al regolamento urbanistico avvenuta all’unanimità in consiglio comunale (il 16 novembre scorso). Una modifica cartografica che è stata il passaggio formale per consentire al Comune di procedere con l’acquisto del terreno e che è stata adottata all’unanimità dei presenti (Partito Democratico, Poggibonsi Insieme, Poggibonsi 5 Stelle).

Adesso, dopo la firma della convenzione si procederà all’acquisto delle aree per come definito nell’accordo, con parere di congruità sulla stima da parte dell’Agenzia del Demanio. L’acquisizione delle tre aree avrà un costo di 387mila euro, risorse già presenti in Bilancio a seguito degli assestamenti approvati a novembre.

Scroll to top