Estra

Accordo tra Estra e Atala per le e-bike

Al via la partnership di Estra con Atala per la mobilità sostenibile con le e-bike, le biciclette elettriche a pedalata assistita

 Al via una partnership di Estra S.p.A. – tra gli operatori leader nel Centro Italia nel settore della distribuzione e vendita di gas naturale, attivo anche nella vendita di energia elettrica – con Atala, storica azienda italiana fondata nel 1907, leader europeo nel mercato della bicicletta e accessori.

La partnership prevede l’acquisto con sconti speciali riservati ai clienti Estra di e-bike (mountain e city bike elettriche a pedalata assistita) presso gli store e punti vendita Estra presenti nelle Regioni Toscana, Marche e prossimamente Umbria.

«Il nostro Gruppo è attivamente impegnato nella salvaguardia dell’ambiente e nello sviluppo sostenibile dei territori in cui opera – ha dichiarato Francesco Macrì, presidente di Estra. – La partnership con Atala rappresenta un ulteriore passo in avanti compiuto da Estra in tale ambizioso percorso, coerente con i nostri principi di Responsabilità Sociale di Impresa che ci vedono impegnati in prima linea con iniziative a tutela dei territori e a supporto dei cittadini nel loro quotidiano».

«In Atala sappiamo che le eBike hanno allargato, e ancor di più in un prossimo futuro allargheranno, il potenziale numero di ciclisti, permettendo a chiunque attraverso l’uso della bicicletta a pedalata assistita di utilizzare la bicicletta in città ed in montagna e di fare attività fisica con effetti benefici sulla propria salute e sull’ambiente – ha dichiarato l’ingegnere Massimo Panzeri, ceo di Atala spa. – Oggi tutti settori della società, dovrebbero supportare il concetto di mobilità sostenibile, come facciamo qui in Atala, al fine di muoverci verso un mondo più responsabile».

L’attenzione di Estra nei confronti della sostenibilità ambientale è confermata dai risultati del Bilancio di Sostenibilità di Estra 2017; i valori sulle emissioni (di CO2, NOx, PM10) evitate grazie alla produzione di energia da fonte rinnovabile hanno registrato un aumento significativo tra il 2016 e il 2017, pari al 110% circa, passando da 15.445 a 24.708 tonnellate.

Sono, inoltre, molteplici le iniziative portate avanti dal gruppo a tutela dello sviluppo sostenibile. È questo il caso di “Energicamente”, progetto lanciato da Estra e Legambiente che ha visto coinvolti ben 771 scuole e circa 50mila bambini e ragazzi di tutta Italia, oltre a più di 1.000 insegnanti. Il progetto prevede la condivisione gratuita di una piattaforma on line, completa di percorsi didattici e attività ludiche, al fine di sensibilizzare gli alunni sui temi dell’energia pulita, del risparmio energetico e far conoscere loro i vantaggi dello smart living e delle nuove tecnologie a tutela dell’ambiente.

Ai temi della sostenibilità ambientale è dedicata un’altra iniziativa che ha visto il coinvolgimento diretto di Estra; si tratta del progetto PMIR (Project Manager for Sustainability Report/Integrated Report), definito e promosso da Estra e finanziato dal programma Erasmus+ 2014/2020 Azione KA2 “Progetti di cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche”. L’iniziativa, cui sarà possibile candidarsi entro il 28 febbraio 2019 (accedendo al linkhttp://www.pmir.it/index.php/get-involved/) consiste in un percorso formativo aperto in Italia a 20 candidati selezionati a livello nazionale, composto da una parte teorica di 6 mesi con video MOOC e webinar inerenti temi quali la Responsabilità Sociale d’Impresa, il report di sostenibilità, la comunicazione, il data e project management, seguita da un test finale di verifica delle conoscenze apprese. Per i 10 allievi con i risultati più brillanti è previsto l’accesso al secondo step di formazione on-the-job di dieci giorni presso un’azienda europea, partner del progetto, con expertise nella reportistica di sostenibilità.

Ed è sempre legato all’ambiente il contratto di finanziamento stipulato di recente da Estra con Intesa Sanpaolo S.p.A. (Banca Finanziatrice) e Banca IMI S.p.A. (Banca Organizzatrice) per un importo complessivo pari a 50 milioni di euro con scadenza 31 dicembre 2023. L’aspetto innovativo dell’operazione è che le condizioni di finanziamento (tasso di interesse) saranno tanto più favorevoli quanto più la Società sarà in grado di raggiungere una serie di obiettivi in termini di politiche a favore dell’ambiente.

Energicamente, lezioni di energia per tutti

Nuova edizione per il progetto Energicamente di Estra e Legambiente all’insegna della didattica digitale rivolto alle scuole di tutta Italia

Sono già 17mila gli studenti italiani coinvolti nell’ottava edizione di Energicamente, il progetto di Estra, realizzato in collaborazione con Legambiente che, dopo aver aderito alla ‘didattica digitale’, è oggi una piattaforma a cui possono aderire le scuole di ogni regione d’Italia.

Un percorso ludico didattico per le scuole primarie e secondarie di primo grado, un corso di formazione per gli insegnanti, percorsi di alternanza scuola lavoro per le secondarie di secondo grado e due concorsi, uno per le classi e uno per le famiglie. Queste le componenti fondamentali del progetto che ad oggi conta su 800 scuole iscritte, 907 docenti coinvolti (e iscritti alla piattaforma), 612 team/squadre iscritti, circa 17.000 studenti coinvolti e 34.000 famiglie raggiunte.

Il progetto Energicamente si è anche aggiudicato il primo premio per la Categoria “Ambiente, Consumo Responsabile e Iniziative No Profit” del 19° Interactive Key Award, il Festival dedicato alla comunicazione pubblicitaria all digital su web e mobile.

«Energicamente è un progetto perfettamente in linea con le politiche che ha la Regione Toscana sull’energia sia perché da un lato stiamo lavorando molto sul fronte della pianificazione, immaginando anche una Toscana green al 2050 totalmente affrancata dalle fonti tradizionali fossili, sia perché con l’agenzia energetica che ha preso il via dai primi di gennaio vogliamo anche noi entrare nelle case dei cittadini – ha detto l’assessore all’ambiente e all’energia della Regione Toscana  Federica Fratoni – . Quindi il passaggio della collaborazione con i gestori e con una grande associazione come Legambiente che della formazione e l’informazione ai ragazzi ha fatto un proprio marchio di fabbrica, è assolutamente essenziale perché solo con i corretti stili di vita, le abitudini quotidiane, riusciamo a dare un contributo all’ambiente che spesso è anche un contributo alle nostre tasche. Generalmente le politiche ambientali più efficaci sono quelle che si coniugano con i comportamenti che producono anche un risparmio di risorse, per cui questa iniziativa, che è cresciuta moltissimo nel tempo e si è spostata anche su una piattaforma web accessibile anche da molte scuole fuori dalla nostra regione, credo che sia un fiore all’occhiello di quelle che sono le iniziative che la Regione Toscana, insieme ai tanti partner che agiscono in questo settore, può mettere in campo e vantare».

«Estra ha una visione: del proprio futuro, del contesto sociale ed economico, dell’ambiente nel quale lavora – ha dichiarato Saura Saccenti portavoce di Estra – E questa visione prende ogni giorno forma in azioni concrete. Pensiamo che l’innovazione e la creatività siano elementi essenziali, che la tutela dell’ambiente sia un dovere irrinunciabile, che lo studio e la formazione siano i pilastri di ogni azione. Pensiamo anche che gli studenti e i giovani siano il motore di oggi e non di domani della società. Energicamente rappresenta al meglio tutto questo. Concretamente: dopo otto edizioni, oggi coinvolgiamo 17mila studenti e 34mila famiglie. Possiamo dire che ormai Estra non pensa solo al futuro ma lo costruisce».

«Per Legambiente è cruciale e strategico parlare di energia. Da sempre, da quando cioè l’associazione è nata. Oggi, con una crisi climatica che si aggrava in modo sempre più inquietante, mi permetto di aggiungere che lo è anche di più. Com’è fondamentale stare nelle scuole, vicino ai ragazzi, mentre si va diffondendo – dopo l’intervento di Greta alla COP24 di Katowice – lo straordinario movimento civico dei «Friday for future» promosso e alimentato in proprio dagli studenti di mezzo mondo» ha spiegato Fausto Ferruzza presidente Legambiente Toscana.

Il progetto

Percorso ludico didattico per le scuole primarie e secondarie di I grado

Attraverso lezioni interattive, quiz e giochi online, i ragazzi delle ultime due classi delle scuole primarie ed a tutte le classi delle scuole secondarie di primo grado, sono invitati a scoprire come usare meglio l’energia nella vita quotidiana, sfruttare le tecnologie smart per rendere più vivibili le città, disegnare un futuro più sostenibile parlando anche di mobilità alternativa e fonti rinnovabili.

Quest’anno si parlerà anche di cucina sostenibile con la sezione EstraKitchen a disposizione di insegnanti, studenti e famiglie. Dalla spesa, alla conservazione, fino alla cottura, sono importanti le scelte che si compiono quando si prepara un piatto, in termini di risparmio, salute e innovazione energetica. Grazie alla collaborazione con lo chef Gabriele Costantino, Energicamente presenta alcune ricette sostenibili, arricchite da piccoli approfondimenti e spunti di attività per affrontare l’argomento in classe e a casa.

Alle prime tre classi delle primarie è invece dedicato uno specifico progetto Roarr! Risparmia, ricicla…ruggisci!, ideato da Estra e Straligut Teatro, con la partecipazione di numerosi partner in cui le classi sono invitate a una appassionante caccia al tesoro ecologica: con l’aiuto di insegnanti e famiglie, le classi devono cercare 50 eco-azioni amiche dell’ambiente da fotografare e incollare sul proprio album on-line sul sito www.roarr.it.

  • concorso Energia in Squadra

Le classi accedono al percorso registrandosi come team nella EstraCommunity e, oltre a sviluppare i contenuti presentati da simpatici personaggi animati, possono partecipare al concorso di merito Energia in Squadra (scadenza 14 marzo 2019), che premierà il miglior progetto multidisciplinare dedicato all’energia con la possibilità di ospitare un EstraDay, ovvero una giornata speciale per l’intera scuola, durante la quale poter divertirsi e mettere in pratica i contenuti di Energicamente.

  • Concorso La Ricetta dell’energia

Le famiglie possono competere nel creare, con i propri figli, una ricetta sostenibile e partecipare al concorso (scadenza 30 aprile 2019) che premia il risparmio energetico e la limitazione degli sprechi anche in cucina. I premi del concorso consistono in un kit di prodotti KitchenAid e in apparecchi per il risparmio energetico (termostati e climatizzatori intelligenti, lampade a LED);

Formazione degli insegnanti

Il corso di aggiornamento “Energicamente” (riconosciuto dal MIUR come formazione di 25 ore complessive) sta coinvolgendo 118 docenti delle Scuole Primarie e Secondarie di primo grado ed è pensato per fornire strumenti metodologici per arricchire il progetto stesso, promuovere attività educative nel territorio e favorire l’acquisizione di competenze di cittadinanza per favorire lo scambio di esperienze e progetti didattici. Sono possibili due percorsi di sperimentazione nel territorio:

1. Laboratori per Cittadini Smart, incentrati su esperienze e attività legate ai temi energetici, al risparmio e alla riduzione degli sprechi

2. Ricominciamo dalla A: Agricoltura, Ambiente, Alimentazione, percorso che approfondisce il tema dell’ecologia, della filiera alimentare, degli sprechi alimentari e del risparmio delle risorse attraverso attività divertenti e stimolanti e si ricollega alla sezione EstraKitchen.

Il corso si svolge online, attraverso la piattaforma Moodle di Legambiente Scuola e Formazione in modalità e-learning, e prevede un incontro in presenza in 11 aree (Toscana, Marche, Campania, Calabria, Sicilia, Puglia, Lazio, Abruzzo, Umbria, Molise).

Alternanza scuola-lavoro per le secondarie di II grado

Alla sua seconda edizione, il progetto inserito nei protocolli di Alternanza Scuola-Lavoro, rappresenta un’occasione importante per valorizzare le competenze e orientare gli studenti nelle scelte per il futuro. Estra ha inoltre aderito a un progetto nazionale di Alternanza Scuola Lavoro (con la nuova legge di Bilancio 2018 “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”) promosso da Utilitalia la federazione nazionale che riunisce le aziende che operano nei servizi pubblici, attraverso un’area web dedicata, sulla piattaforma YOUtilities. Il progetto, che ha come target gli studenti delle scuole secondarie di II grado, vuol contribuire al processo di innovazione digitale della scuola e ai percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento. Il progetto si divide in due fasi: “Formazione Online” e “Formazione Smart Working”.

La Formazione Online prevede, nell’area web dedicata a Estra, un percorso all’interno di una classe virtuale dove si svolgono sessioni formative online con possibilità di attingere a documentazioni per lo studio individuale. Le lezioni sono costituite da video e questionari di valutazione finale. Dopo alcune lezioni sui temi più generali, riferiti all’energia e all’ambiente, due lezioni specifiche riguardano il mondo di Estra. L’attività di Smart Working, è da intendere come strumento trasformativo per condurre i ragazzi dal campo del sapere a quello del fare. Le attività si concludono con un output che i ragazzi sottopongono alla validazione dei tutor aziendali.

Estra riapre i termini per la selezione di un impiegato

Avviso di selezione per un impiegato nell’area trading e logistica: riaperti i termini. Per la domanda c’è tempo fino al primo febbraio 2019

Sono stati riaperti i termini per la selezione di un impiegato da inserire nell’area trading e logistica di Estra. Per la presentazione delle domande di partecipazione c’è tempo fino al primo febbraio 2019.

Questi i requisiti richiesti:

  • laurea triennale/magistrale in una delle seguenti materie: ingegneria gestionale, ingegneria energetica, informatica, economia/finanza, matematica, statistica

  • gestione di applicativi in ambiente SO Windows, eccellente conoscenza del pacchetto Office, in particolare Excel, conoscenza di strumenti di analisi statistica (Costituisce preferenza la conoscenza di SQL e software per analisi dei dati (R, Matlab))

  • buona conoscenza della lingua inglese e, preferibilmente, tedesca

  • ottime doti organizzative, relazionali e predisposizione all’analisi statistica e finanziaria, autonomia

  • cittadinanza italiana ovvero cittadinanza di altri paesi appartenenti all’Unione Europea, ovvero cittadino di Paesi terzi (extracomunitari) purché in possesso di permesso di soggiorno

  • idoneità fisica alle mansioni prevista dal profilo da accertarsi preventivamente all’instaurazione del rapporto di lavoro tramite la competente Autorità Sanitaria

  • buona conoscenza della lingua italiana

  • patente di guida tipo B o superiore

  • non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di sicurezza e di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa; non avere procedimenti penali in corso; non essere stato destituito o dispensato dal alcun precedente impiego o licenziato a seguito di procedimenti disciplinari.

Il rapporto instaurato sarà a tempo determinato con possibilità di conferma a tempo indeterminato.

L’inquadramento contrattuale sarà al livello 3° CCNL Gas-Acqua 18.5.2017. La sede di lavoro sarà Prato.

La domanda di ammissione alla selezione deve essere redatta in carta semplice utilizzando il modello reperibile nel sito aziendale (https://www.estra.it/lavora-con-noi) ed inoltrata esclusivamente tramite e-mail, entro e non oltre il 01 Febbraio 2019, al seguente indirizzo: estratradinglogistica@ifoamanagement.it

La graduatoria potrà essere utilizzata per sopperire a eventuali ulteriori esigenze che dovessero insorgere nei 18 mesi successivi alla conclusione delle procedure selettive. L’elenco potrà essere utilizzato anche dalle altre società del gruppo Estra, nelle loro diverse sedi.

Ecco “Roarr!”: il progetto di Estra per insegnare l’educazione ambientale agli studenti delle primarie

 

Presentata stamani nella sede di Estra la seconda edizione di Roarr!, un progetto che coinvolgerà gli alunni delle scuole primarie della provincia di Siena

Sono oltre 3.200 gli alunni delle scuole primarie delle province di Ancona, Arezzo, Prato e Siena che stanno partecipando alla seconda edizione di Roarr! Risparmia, ricicla…ruggisci!, progetto dedicato all’educazione ambientale -con un’attenzione particolare al tema del risparmio energetico- ideato da Straligut Teatro e Estra e con la partecipazione di una ricca filiera di partner istituzionali e non.

Presso la sede di Estra questa mattina si è svolta la conferenza stampa di presentazione del progetto, alla presenza di Fabrizio Trisciani di Straligut Teatro, del Presidente di Estra Francesco Macrì, di Gabriele Berni Sindaco di Monteroni d’Arbia e di Clio Biondi Santi Assessore ai servizi all’infanzia e istruzione Comune di Siena.

Roarr! è un’appassionante caccia al tesoro ecologica. Le classi hanno 60 giorni di tempo per cercare, con l’aiuto di insegnanti e famiglie, 50 eco-azioni amiche dell’ambiente da fotografare e incollare sul proprio album on-line sul sito www.roarr.it.

Una seconda edizione che porta con sé, dopo il successo della prima, una importante novità: Roarr! cresce e diventa un progetto interregionale, andando a coinvolgere la provincia del capoluogo marchigiano: Ancona. Complessivamente oltre 3.200 alunni di 127 classi ruggiranno in difesa dell’ambiente insieme al simpatico leoncino. Alunni e famiglie si stanno dando battaglia all’ultima foto con grande entusiasmo e sano spirito competitivo: c’è tempo fino al 31 gennaio per caricare le eco-figurine.

 

I numeri del progetto sono impressionanti: 18.132 le foto fino ad ora caricate, oltre 290.000 le visualizzazioni di pagina del sito e, altra importante novità di quest’anno, 62.000 le condivisioni delle figurine sui social. 500 punti a figurina, 50 a “doppione” e 10 a condivisione: il punteggio raggiunto dalle varie classi darà accesso ad un ricco catalogo di premi teatrali e ambientali che verranno erogati tra febbraio e giugno 2019.

 

« Un successo confermato per il secondo anno consecutivo – ha detto il Presidente di Estra, Francesco Macrì – quello di Roarr! raccontare ai bambini più piccoli l’importanza del risparmio energetico e del rispetto per l’ambiente con un approccio ludico, coniugando il teatro come valore aggiunto, sono aspetti educativi fondamentali che, se appresi in tenera età, lasciano il segno anche negli anni a venire. Con Roarr! grazie alla partnership con Straligut Teatro ed “Energicamente”, il nostro storico progetto di educazione ambientale rivolto ai temi dell’energia, si allarga la platea dell’impegno di Estra sul fronte scolastico. Un progetto che abbraccia temi a noi cari, come quelli del risparmio energetico, e che accoglie anche spunti e contenuti tipici di Estra estendendosi per la prima volta, dopo Siena, Prato e Arezzo, anche su Ancona».

 

«Roarr! può rappresentare un modello davvero innovativo, efficace e replicabile per far conoscere in primo luogo ai bambini e poi alle loro famiglie le complesse problematiche ambientali: la chiave ludico-didattica della gara è una sfida impegnativa e divertente insieme, basata sulla partecipazione in prima persona – è Fabrizio Trisciani, direttore artistico di Straligut, a parlare- l’obiettivo è quello, sempre più improcrastinabile, di impegnarsi attivamente nella tutela del mondo nel quale viviamo e di cui siamo ospiti».

 

In palio 1.000 biglietti gratuiti per andare a vedere una selezione dei più interessanti spettacoli di teatro ragazzi del panorama nazionale, grazie alle partnership con In-Box dal Vivo, Rete Teatrale Aretina e Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata di Jesi (AN).

Ma non solo teatro, grazie alla collaborazione con Legambiente Arezzo, Marche e Prato in palio anche tanti laboratori a tematica ambientale.

E premi extra arriveranno anche grazie ad Estraclick, il concorso fotografico che premia le figurine più originali con buoni acquisto di materiale didattico e la pubblicazione della foto sui canali social del progetto.

 

«Come sempre ci piace tenere a battesimo un progetto di Straligut Teatro -ha detto Gabriele Berni sindaco di Monteroni d’Arbia- , che intelligentemente unisce, ogni volta, l’impegno civico ed ambientale all’amore per l’arte ed il teatro. Roarr! riesce a rendere i più piccoli non soltanto sentinelle dell’ambiente ma veri e propri soggetti attivi, motivati non soltanto al risparmio energetico e al riciclo ma in generale a tutte le buone pratiche che il nostro pianeta ci richiede. Io come amministratore ho sempre pensato che una delle sfide del futuro derivasse proprio dal cambio rotta verso la sostenibilità ambientale ed ecologica, questo progetto è un passo importante, proprio perché agisce sulle generazioni che domani agiranno per il bene dei nostri ecosistemi».

 

Sulla stessa linea l’assessore ai servizi all’infanzia e l’istruzione Clio Biondi Santi del Comune di Siena: “È molto importante avere nelle scuole programmi di educazione ambientale come Roarr!. Sono infatti le giovani generazioni che più di tutte devono nascere e crescere all’interno di questa nuova e più sostenibile visione del mondo. Avere una nuova coscienza ambientale avrà come diretta conseguenza quello di creare una cittadinanza più consapevole e rispettosa degli altri e dell’ambiente in cui si trova.

Questo può sembrare secondario ma una delle istanze principali che viene rivolta a questa amministrazione è quella di un ritorno all’educazione civica. Tale dato, ci fa chiaramente intendere come alcuni valori fondamentali e fondanti della nostra vita comune si stiano in qualche modo perdendo”.

 

Oltre a Estra, capofila con Straligut, Roarr! ha il sostegno di Comune di Siena, Comune di Monteroni d’Arbia, Regione Toscana e Ministero dei beni e delle attività culturali, il patrocinio dei Comuni di Ancona Arezzo e Prato, la collaborazione con Legambiente Arezzo, Marche e Prato, con la Rete Teatrale Aretina e con Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata.

 

Estra, modifiche al regolamento del prestito obbligazionario 2015

Tra le finalità delle modifiche: più flessibilità alla struttura finanziaria del gruppo e maggiori investimenti per sviluppo e crescita

L’assemblea degli obbligazionisti di Estra S.p.A., in continuità con quanto deliberato dal consiglio di amministrazione della società, ha approvato oggi alcune modifiche al regolamento del prestito obbligazionario unsecured e non convertibile di ammontare pari a euro 100 milioni emesso in data 13 luglio 2015, quotato sul sistema multilaterale di negoziazione irlandese Global Exchange Market (“GEM”).

Tali modifiche, volte a fornire maggiore flessibilità alla struttura finanziaria di Estra S.p.A. e a consentire più elevati investimenti per lo sviluppo e la crescita del gruppo, hanno riguardato la clausola di limitazione dell’indebitamento di cui alla Condition 5(a) del regolamento al fine di eliminare ogni riferimento al parametro derivante da rapporto Net Financial Debt – Aggregated Regulatory Asset Base e al relativo covenant finanziario.

La clausola limitava, per l’intera durata del prestito obbligazionario, la possibilità di indebitamento finanziario netto del gruppo (“Net financial Debt”) rapportandola all’ammontare del capitale netto investito nelle attività di distribuzione e misura gas del gruppo, così come determinato e/o approvato dalla competente Autorità di regolazione sulla base dei criteri, delle formule e dei metodi di calcolo di volta in volta da essa stessa stabiliti in attuazione dell’articolo 14 del Decreto Legislativo n. 164 del 23 maggio 2000 e successive modifiche e integrazioni (“Aggregated Regulatory Asset Base”).

Conseguentemente, è stata modificata la definizione di “Compliance Certificate” contenuta nel regolamento al fine di dare atto che la Società sarà tenuta ad attestare il parametro Net Financial Debt – Aggregated Regulatory Asset Base solo a scopo informativo

Estra promotore del Progetto PMIR per la sostenibilità

L’azienda è promotrice del Progetto PMIR per la formazione della nuova figura di project manager del report di sostenibilità

Estra S.p.A. dà il via in Italia alla formazione della nuova figura professionale del project manager del report di sostenibilità con il Progetto PMIR (Project Manager for Sustainability Report/Integrated Report).

Il progetto, definito e promosso da Estra, è finanziato dal Programma Erasmus+ 2014/2020 Azione KA2 “Progetti di cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche” e prevede un percorso strutturato di formazione-lavoro rivolto a 60 futuri project manager del report di sostenibilità provenienti da Italia, Germania, Spagna, Belgio e Norvegia.

Il percorso formativo, aperto in Italia a 20 candidati selezionati a livello nazionale, è stato progettato secondo la metodologia ECVET (Sistema europeo di crediti per l’istruzione e la formazione professionale) e si compone di una prima parte teorica di 6 mesi con video MOOC e webinar inerenti temi quali la responsabilità sociale d’impresa, il report di sostenibilità, la comunicazione, il data e project management, seguita da un test finale di verifica delle conoscenze apprese. Per i 10 allievi con i risultati più brillanti è previsto l’accesso al secondo step di formazione on-the-job di dieci giorni presso un’azienda europea, partner del progetto, con expertise nella reportistica di sostenibilità al termine della quale verrà rilasciato il certificato di Mobilità Europass.

Estra, partner promotore del progetto, è l’unica realtà energetica coinvolta nell’iniziativa, impegnata in attività strutturate di selezione e formazione dei candidati. Il gruppo è affiancato da partner internazionali di primo livello: Università degli Studi di Siena (Italia), Euromasc (Norvegia), BXL Europe (Belgio), Camera di Commercio Italiana per la Germania (Germania), Camera di Commercio di Badajoz (Spagna) e OpenCom (Italia).

 «Il ruolo promotore di Estra nel Progetto e l’esperienza acquisita con la presentazione dei bilanci di sostenibilità confermano l’attenzione di primo piano del nostro Gruppo nei confronti del valore dello sviluppo sostenibile e della corretta comunicazione delle pratiche di sustainability – ha dichiarato Francesco Macrì, presidente di Estra – Siamo orgogliosi di offrire il nostro contributo alla crescita dell’innovativa figura del Project Manager del Report di Sostenibilità mediante un percorso mirato di formazione-lavoro di alto profilo e di standing internazionale. Grazie al Progetto PMIR sarà possibile consolidare competenze ed expertise specifiche per la sostenibilità delle aziende e aprire nuove opportunità professionali e occupazionali».

 I candidati interessati al Progetto PMIR possono presentare la domanda entro il 28 febbraio 2019 accedendo al link http://www.pmir.it/index.php/get-involved/ Tra i requisiti richiesti per la candidatura, la laurea di primo livello (EQF 6) in Economia, Ingegneria, Legge e Scienze Politiche e la conoscenza di livello B2 CEFR della lingua inglese.

Al via un network per i processi inclusivi

Nasce “ALL in for ALL: un Network in Prospettiva Inclusiva”, un contenitore per promuovere e sviluppare processi inclusivi a partire dalla scuola e dall’Università

Prende il via ALL in for ALL: un Network in Prospettiva Inclusiva un progetto nato dall’idea e dalla volontà di realtà delle Province di Arezzo e Prato, che tende a raccogliere, condividere e sviluppare processi inclusivi in ambito scolastico, universitario ed extrascolastico.

Un progetto ambizioso che inizierà a muovere i suoi primi passi nella due giorni del 2 e 3 di dicembre prevista alla Fondazione Spazio Reale di Campi Bisenzio (FI), con un fitto programma di interventi ed iniziative, che si concluderanno con un congresso internazionale. Un progetto dove si articoleranno attività culturali con finalità educative; formazione scolastica ed extra-scolastica finalizzate a promuovere la ricchezza educativa; formazione universitaria e post-universitaria, con particolare attenzione alla ricerca sui processi inclusivi, in ambito nazionale ed internazionale; organizzazione e gestione di attività ludiche, motorie e sportive in prospettiva inclusiva, con dimensioni e visioni locali, nazionali ed internazionali; potenzialità e ruoli delle comunicazioni nella diffusione delle culture inclusive; promozione del service-learning tra le giovani generazioni attraverso l’organizzazione e la gestione di attività culturali e ricreative.

Grazie alla collaborazione tra Scuola di Ingegneria, Corsi di Laurea in Scienze Motorie e Dipartimento SCIFOPSI, l’iniziativa ha ottenuto il patrocinio dell’Università di Firenze. La partecipazione dell’Università andrà a tradursi in presenza formativa, funzionale ed operativa di studentesse e studenti (per un totale di 100), insieme a professoresse e professori, durante eventi pratici e culturali presenti all’interno dell’iniziativa. Oltre alla collaborazione dell’Università di Firenze, l’iniziativa vedrà la partecipazione delle Università di Cagliari, “Foro Italico” di Roma, LUMSA, Modena e Reggio Emilia, Molise, Palermo, Pisa e Siena. A livello internazionale, vi sarà la partecipazione del professor Marcelo Ducart della Universidad Nacional de Río Cuarto, Argentina.

L’iniziativa ospiterà il percorso formativo progettazione di attività, contesti ed eventi in prospettiva inclusiva ideato per esser proposto ad operatori della Scuola e dell’extrascuola (in particolare operatrici ed operatori impegnate/i nel socio-educativo, nel socio-sanitario e nello sport), con la presenza di studentesse e studenti delle Università (in particolare Corsi di Laurea in Scienze Motorie e in Scienze dell’Educazione e della Formazione). Percorso che nasce con l’obiettivo di rappresentare un luogo dove approfondire, conoscere, studiare ed utilizzare attività ludiche, motorie e sportive orientate a favorire processi inclusivi (Baskin, Calcio Sociale, Orienteering, Special Olympics Young Athletes, Special Olympics Motor Activity Training Program, Special Olympics Unified Sports, Tchoukball), i contesti dove si praticano tali attività e gli eventi che le ospitano.

La partecipazione della scuola, non si limiterà ai docenti ma si estenderà alla partecipazione di bambine, bambini, adolescenti e giovani adulti che verranno coinvolte/i nelle differenti proposte pratiche così come durante momenti ricreativi. Nello specifico parteciperanno l’Istituto Comprensivo “Galileo Ferraris” di Spello (PG), il Liceo Scientifico “Francesco REDI” di Arezzo, l’Istituto “Leonardo da Vinci” Liceo Scientifico Paritario di Prato, l’Istituto Statale d’Istruzione Superiore “Niccolò Machiavelli” di Firenze, insieme ad una numerosa rappresentanza delle Scuole del Comune di Campi Bisenzio (Scuole dell’Infanzia “Andersen”, “Gandhi” e “Riccardo Valerio”, Scuole Primarie “Frà Ristoro”, “La Villa-Pablo Neruda” e “Vamba”, Scuole Secondarie di primo grado “S.M.S. Garibaldi”, “Sms Matteucci” e “Verga”) per un totale di 400 tra bambine e bambini, alunne ed alunni.

L’iniziativa è patrocinata dal Senato della Repubblica, dalla Regione Toscana, da ANCI Toscana, dall’Azienda USL Toscana centro, da ASIR Toscana, dalla FIP Toscana e dalla Federazione Nazionale Associazioni Trauma Cranico.

«L’inclusione è un valore sociale importante – ha dichiarato Francesco Macrì, presidente di Estra SpA – che abbatte barriere e pregiudizi: ogni individuo ha valore, è parte di una comunità che accoglie anziché respingere, una comunità in cui ogni differenza diventa un più invece di un meno, un elemento di ricchezza e pluralità. L’inclusione va insegnata, praticata e sviluppata a partire dalla scuola in poi e a tutti i livelli, come questo progetto insegna. È per questo che Estra si è fatta promotrice di un progetto di inclusione nell’ambito di Estra Sport Club, un progetto ambizioso che promuove un concetto di responsabilità sociale di impresa proprio nelle associazioni sportive del nostro circuito territoriale, in cui la partnership con Estra si rinsalda attraverso valori condivisi‘.

Estra entra in Aisa, nel capitale di Sei Toscana

Estra si aggiudica le quote del Comune di Monte San Savino in Aisa, che detiene il 6,81% di Sei Toscana

Estra è risultata vincitrice della gara indetta dal Comune di Monte San Savino per la cessione delle quote detenute dall’amministrazione comunale in AISA Spa. Estra si è dunque aggiudicata l’1,16% del capitale sociale di AISA Spa, che ha come attività la gestione amministrativa contabile della partecipazione del 6,81, detenuta dalla stessa, in SEI Toscana.

L’acquisizione è conforme e coerente alla scelta di Estra di entrare nell’attività di gestione del ciclo integrato dei rifiuti, importante per la crescita ed il rafforzamento del Gruppo nell’ottica di svolgere in misura crescente il ruolo di multiutility.

Premiato il miglior lavoro in sicurezza sul gas

A Siena premiato il miglior lavoro in sicurezza sul gas. Il protocollo garantirà più sicurezza per i cittadini e per gli operatori di Centria

Si compie oggi l’ultimo atto del primo Campionato per la formazione del personale interno tecnico-operativo, sulla salute e sicurezza sul lavoro organizzato da Centria s.r.l.Società del gruppo Estra attiva nella distribuzione di gas naturale e nella distribuzione e commercializzazione di GPL – con la proclamazione dei vincitori e con una giornata di discussione sul valore della sicurezza nei servizi erogati e del know how di eccellenza sviluppato da Centria con nomi prestigiosi della formazione nel campo della sicurezza sul gas in Italia.

Ad aprire i lavori Marco Nencini, Project Manager e Resp. impianti Centria, uno dei quattro del gruppo project che hanno organizzato i due eventi: quello aretino del 4 ottobre e quello odierno di Siena.

Hanno portato il loro contributo Cristiano Fiameni, direttore tecnico CIG; Luigi Giglioni, ispettore Accredia;  Davide Maccioni, dirigente della Direzione territoriale INAIL di Arezzo/Siena; Fabrizio Moscariello, direttore commerciale dell’ente di certificazione ICIM.

L’iniziativa si inserisce nel percorso intrapreso dalla società per implementare il framework sulla tutela della salute sicurezza sul lavoro, sviluppato dall’Associazione Premio Qualità Italia (APQI) e validato da Confindustria, Inail e Accredia, volto all’applicazione del modello europeo di eccellenza EFQM (European Foundation for Quality Management).

Al termine della giornata sono state premiate le tre squadre che si sono distinte per le migliori performance nelle prove in campo nei Campionati per la sicurezza. La loro performance diverrà il modello al quale attenersi nell’espletamento delle attività tecnico-operative sulle reti gas da parte di tutto il personale.

Si è trattato del primo evento in Italia mirato a sviluppare la sicurezza nell’effettuazione di attività in presenza di gas, sicurezza sia per gli utenti che per il personale che effettua i lavori, svolto in un “campo prova” appositamente costruito e unico in Italia per la sua struttura, per la sua completezza e sicurezza. L’evento, progettato dai project manager aziendali secondo le direttive previste dal Project Manager International (PMI), ha visto coinvolto tutto il personale operativo e di coordinamento tecnico in una intera giornata, valutando anche le competenze trasversali degli assistenti delle squadre operative.

La formazione così intesa non solo diventa permanente ma attrezza tutto il personale a lavorare con alti standard di sicurezza passando da un approccio tipicamente di aula ad uno esperienziale di tipo situazionale (learning by doing).

Presente alla giornata Siliano Stanganini, amministratore delegato di Centria e tutto il Consiglio di Amministrazione di Estra, il cui portavoce è stato lo stesso amminstratore delegato, Alessandro Piazzi, che ha dichiarato: «Investiamo in formazione puntando all’eccellenza. Quando si lavora sul gas non possiamo accontentarci di fissare buoni standard, dobbiamo puntare al top. Centria ha fatto della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori un baluardo della propria attività. Il miglioramento continuo e in sicurezza applicato all’esecuzione dei lavori e delle prestazioni secondo le procedure aziendali, riproduce sicurezza non soltanto per i lavoratori ma anche per i cittadini utenti».

Durante le premiazioni che si sono svolte nel pomeriggio alla presenza del presidente di Estra, Francesco Macrì, lo stesso ha dichiarato: «Siamo orgogliosi quest’oggi di premiare i nostri campioni di Centria, squadre che si sono contraddistinte nelle prove in campo sul gas dimostrando capacità, professionalità e coesione in sicurezza. La formazione e l’addestramento rappresentano percorsi necessari per la riduzione dei rischi e la sicurezza del personale e che permettono di acquisire quelle regole e metodologie che fanno parte del sistema portante della prevenzione».

Estra: inaugurata prima colonnina per ricarica veicoli elettrici

Stamani avvenuto il taglio del nastro. l’azienda ha deciso di investire in progetti nel segno dell’eco-sostenibilità ambientale.

Viene inaugurata oggi nella sede Estra di Siena, alla presenza dell’Amministratore Delegato Alessandro Piazzi, la prima colonnina pubblica per la ricarica di veicoli elettrici  ESTRA. Posizionata nel parcheggio della sede in Viale Toselli 9/A.

Un progetto fortemente voluto da Estra, che sta muovendo i primi passi nel settore della mobilità elettrica per rispondere alle esigenze di un trasporto sempre più evoluto e a basso impatto ambientale.

“Un investimento – afferma  Alessandro Piazzi – che conferma l’impegno del Gruppo a sostegno dei principi dell’efficienza energetica e dell’ecosostenibilità. La mobilità elettrica rappresenta un tema cruciale per il nostro futuro, su cui l’azienda, da sempre attenta all’ambiente, ha deciso di puntare”.

La stazione di ricarica sarà accessibile a tutti negli orari di apertura della sede ed è dotata di 2 prese di tipo 2 a 22 kW (ricarica accelerata). Ricaricare un veicolo è molto più semplice di come si possa pensare: per fare il “pieno” sono infatti sufficienti una carta di credito e un tocco sul display del proprio smartphone. Un sistema di ricarica veloce ed innovativo, reso possibile da Estra attraverso la app dedicata “e-ricaricati”, disponibile per IOS e Android. Per attivare e gestire ricarica e pagamento con il telefonino, è sufficiente scaricare la app “e-ricaricati”, registrarsi e avviare la procedura di ricarica. Più d’una le funzioni della app, che permette anche di visualizzare tutte le stazioni su mappa interattiva. Per usufruire del servizio non è necessario essere clienti Estra.

Quella di Siena è l’ottava colonnina attiva in Toscana. Attualmente le colonnine attive nelle regioni servite dalla multiutility sono 9. Altre 6 saranno attivate entro la fine dell’anno.
Fino al 31 dicembre il “pieno” sarà gratuito in tutte le stazioni di ricarica Estra.

Questa mattina Estra ha ospitato un convegno sulla mobilità elettrica promosso dall’associazione Man.Tra. (associazione Manutenzione e Trasporti) dal titolo “E-mobility: da suggestione a prassi”. Al Presidente di Estra, Francesco Macrì il gradito compito di porgere i saluti di benvenuto e aprire i lavori.

Secondo il primo rapporto nazionale sulla mobilità sostenibile, realizzato da Lorien Consulting in collaborazione con La Nuova Ecologia, un italiano su cinque si affida alla sharing mobility e uno su tre è propenso all’uso dell’auto elettrica. Dal sondaggio risulta che cresce la propensione nei confronti dell’auto elettrica, considerata la forma di alimentazione più sostenibile (33%). Gli italiani si dichiarano decisamente favorevoli (72%) a estendere all’Europa e all’Italia la proposta olandese di vietare la vendita delle auto a benzina o diesel entro il 2025. Il 23% lo è addirittura “molto”. Il 78% afferma di essere disponibile a spendere l’11% in più per un’auto elettrica rispetto a un’auto inquinante. C’è poi un 32% disposto a spendere ancora di più. Il 73% pensa che un costo inferiore della ricarica o incentivi fiscali potrebbero aiutare nell’acquisto dell’auto elettrica. Per il 65% aiuterebbe anche facilitare il rifornimento, con punti di ricarica diffusi e la possibilità di ricaricare la propria auto da casa.

Scroll to top