inchiesta

David Rossi, oggi l’anniversario della sua morte

Sono passati 6 lunghi anni dalla tragica scomparsa del capo area comunicazione del Monte dei Paschi.

Era il 6 Marzo 2013 quando tutta la città di Siena si svegliò improvvisamente con una notizia che lasciò tutti i senesi con un colpo allo stomaco. La verità per David è da allora un tormentone che si rincorre con un tam tam che ha rimbalzato nei processi del tribunale e nelle tv locali e nazionali che hanno parlato del caso. Una verità che al momento sembra lontana da ciò che davvero accadde quella sera nelle stanze del suo ufficio. Verità per David è ancora oggi una frase che è stata scritta in questa giornata di anniversario della sua morte, in un dipinto di strada a pochi passi da Rocca Salimbeni. La mamma di David ha commissionato quest’opera ad un artista di strada che nella giornata del 6 Marzo ha riacceso nel cuore dei senesi rabbia e senso di smarrimento.

Proprio in questi giorni si è anche tornati a parlare di una possibile riapertura del caso.

Con nuovi elementi e dettagli finora trascurati o poco considerati nell’inchiesta. Un tecnico, incaricato dal fratello Ranieri Rossi e da tutta la famiglia di David , starebbe ancora lavorando ai dati contenuti nell’hard disk del computer del manager e da cui potrebbero emergere nuovi indizi.

 

 

Caso Rossi, la procura apre due nuovi fascicoli

I due fascicoli modello 45, usati per i fatti non costituenti notizia di reato, sono stati aperti per accertare se esistono elementi concreti per la riapertura dell’inchiesta sulla morte di David Rossi

La procura di Siena ha aperto due fascicoli modello 45, ovvero quello relativo a fatti non costituenti notizia di reato, a seguito di nuovi elementi e testimonianze riportati da stampa e tv in relazione alla morte di David Rossi, l’ex capo comunicazione di banca Mps, morto il 6 marzo 2013 dopo essere precipitato dalla finestra del suo ufficio a Siena. I due fascicoli sono finalizzati ad accertare se esistono elementi concreti che possano portare alla riapertura dell’inchiesta sulla morte di Rossi, archiviata per due volte come suicidio.

(fonte ANSA).

Scroll to top