Luigi De Mossi

Brindisi di auguri Comune di Siena

Durante la serata, interviste di Franco Masoni al Sindaco del Comune di Siena Luigi De Mossi e al Rettore del Magistrato delle Contrade Claudio Rossi

Intervista al Sindaco Luigi De Mossi sul viaggio in Cina

Franco Masoni ha intervistato il Sindaco di Siena Luigi De Mossi, che ha parlato della sua ultima visita istituzionale a Nantong in Cina

Intervista al Sindaco di Siena Luigi De Mossi

Franco Masoni ha intervistato il sindaco del Comune di Siena Luigi De Mossi che ha fatto il punto della situazione dei danni verificatisi durante il maltempo della giornata di ieri 17 novembre 2019 che ha colpito Siena e provincia

Primo piano – Convegno cultura Italiae a Siena

Durante la giornata al Santa Maria della Scala sono stati intervistati:

  • Mauro Rosati, presidente di Qualivita
  • Simone Guerrini, direttore ufficio segreteria del Presidente della Repubblica
  • Stefano Boeri, Presidente Triennale di Milano
  • Luigi De Mossi, Sindaco Comune di Siena
  • Angelo Argento, Presidente associazione culturale Italiae
  • Fiona May, ex campionessa di salto in lungo
  • Margherita Granbassi, ex campionessa di scherma

Interviste presentazione drappellone – Palio 2 luglio 2019

Interviste all’autore del drappellone Massimo Stecchi e al Sindaco di Siena Luigi De Mossi

IN COMUNE – Luigi De Mossi

intervista al Sindaco di Siena Luigi De Mossi

Il sindaco De Mossi fischiato durante le celebrazioni del 25 Aprile

25 Aprile movimentato in Piazza del Campo quando nel momento del discorso ufficiale tenuto dal sindaco Luigi De Mossi sono partiti i fischi da parte di alcuni cittadini presenti in Piazza.
“Quando fischiava il vento sareste scappati come lepri”, ha replicato subito il primo cittadino di Siena. “Offese senza senso”, il suo commento serale sul profilo Facebook:

“Credo che certe offese siano nell’ambito di una dialettica politica che in questo giorno non hanno senso.
Se è la cifra di alcuni per fare confusione, il significato del 25 aprile è stato svilito, è stato tutto molto pretestuoso. Non ho mai dato luogo ad osservazioni particolari, ho fatto tantissime battaglie professionali per la #libertà di stampa e di informazione che in questa città non esistevano. La libertà di critica esiste, ma quella di offendere no”.

Residenza artistica onoraria all’Ateneo della Danza

Nelle prossime tournée, la compagnia dell’Ateneo della Danza potrà utilizzare il logo del Comune di Siena

La giunta comunale di Siena ha concesso la residenza artistica onoraria all’Ateneo della Danza, centro di formazione senese di eccellenza delle arti coreutiche.

«L’amministrazione ha riconosciuto nell’attività dell’associazione importanti finalità di valorizzazione dell’arte, della cultura e dell’immagine di Siena – ha evidenziato il sindaco Luigi De Mossi. – Attraverso il “Balletto di Siena”, nato nel 2012 con la collaborazione del Comune, l’Ateneo della Danza offre ai giovani la possibilità di iniziare a lavorare con contratti regolari e al tempo stesso, con il costante insegnamento di professionisti affermati e coreografi di fama internazionale, accrescere la qualità della propria formazione».

La residenza artistica onoraria consentirà alla compagnia di poter utilizzare il logo del Comune di Siena all’interno del proprio materiale promozionale, in occasione delle tournée che terrà in Italia, Europa, America e Giappone.

«Attraverso i loro spettacoli – ha concluso il Sindaco – porteranno il nome di Siena nel mondo, facendo conoscere l’arte della danza che è parte integrante della cultura e della storia della nostra città».

Emergenza neve in attenuazione, domani scuole aperte

Il sindaco di Siena Luigi De Mossi ha annunciato che domani le scuole e i centri diurni comunali saranno aperti

Domani, venerdì 1 febbraio, i plessi scolastici di ogni ordine e grado di Siena, e i centri diurni per anziani e disabili del territorio comunale gestiti dalla Società per la Salute Senese: Villa Rubini -Manenti, La Mimosa, Villa le Rose e Santa Petronilla saranno regolarmente aperti. A comunicarlo è il sindaco Luigi De Mossi.

Due giornate di incontri per i 18 anni di Qualivita

Per festeggiare il diciottesimo anno di attività, la Fondazione Qualivita organizza al Santa Maria della Scala due giornate dedicate alle Indicazioni Geografiche agroalimentari e vitivinicole

La Fondazione Qualivita festeggia 18 anni di attività nel settore della tutela e della valorizzazione delle Indicazioni Geografiche agroalimentari e vitivinicole.

Una storia iniziata a Siena e che proprio in questa città organizza, il 4 e il 5 febbraio, con il patrocinio del Comune di Siena, due giornate dedicate alle Indicazioni Geografiche agroalimentari e vitivinicole alle quali parteciperanno anche la Provincia di Siena, la Regione Toscana, la Fondazione MPS e la Fondazione PRIMA.

Il Santa Maria della Scala è il luogo scelto per questi due importanti appuntamenti; le eccellenze della Toscana e tutte le Indicazioni Geografiche nazionali diventano così un vero e proprio patrimonio del territorio, valorizzato in uno spazio importante come il complesso museale senese, luogo ideale dove coniugare turismo, arte, cultura ed enogastronomia.

Luigi De Mossi sindaco del Comune di Siena

«La nostra fisiocrazia, ciò che può aiutare a risollevare le sorti finanziare del nostro territorio -fra le tante cose che abbiamo – sarà proprio l’agroalimentare. Questa è una sfida che come Amministrazione abbiamo accettato e vogliamo incentivare. Il senso di giornate come quelle del 4 e 5 febbraio al Santa Maria della Scala è quello di proseguire un percorso che metta al centro dei nostri valori, insieme alla nostra arte, proprio l’agroalimentare, la nostra cultura enogastronomica».

Mauro Rosati direttore generale Fondazione Qualivita

«Abbiamo scelto di organizzare questi due importanti appuntamenti a Siena perché questa città ha tutte le caratteristiche per essere la capitale della cultura della qualità. Uomini ed esperienze nate in questa provincia, hanno dato un contributo fondamentale all’affermazione del Made in Italy agroalimentare e vitivinicolo nel mondo e credo che Siena possa essere il luogo ideale per far conoscere la storia e le caratteristiche dei prodotti di eccellenza della Toscana, il valore della sostenibilità e delle certificazioni, ma anche per appuntamenti di confronto internazionale».

Scroll to top