polizia di Stato

Picchia la convivente da due anni ma interviene la Polizia di Stato, 30enne straniero residente a Siena sottoposto a misura cautelare

La Polizia di Stato di Siena ha eseguito una misura cautelare per maltrattamenti in famiglia, emessa dal GIP del locale Tribunale, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di un trentenne di origini colombiane, residente a Siena. Read More

Aggrediscono un loro coetaneo in Piazza del Mercato, arrestati 3 minorenni

Alle 17.15 circa di oggi a seguito di una chiamata al 113 la Polizia di Stato è intervenuta in piazza del mercato, dove il padre di un minorenne (15enne) senese ha indicato agli agenti delle volanti della questura i probabili autori di una rapina nei confronti del figlio. Read More

Litiga con la ragazza dando in escandescenze. Interviene la Polizia di Stato, sanzionato per ubriachezza un 19enne residente in provincia di Siena.

Ha litigato con la ragazza, dando in escandescenze, urlando e piangendo, tanto da far pensare ad una rissa a chi ha chiamato la Polizia di Stato.

Così, ieri sera, alle 21.30 circa, gli agenti delle Volanti della Questura di Siena sono intervenuti in Piazza del Mercato, dove hanno trovato un giovane che, palesemente ubriaco, veniva trattenuto da un altro coetaneo, in preda ad una crisi di pianto. Read More

Perde di vista il figlio autistico e chiede aiuto alla Polizia di Stato: gli agenti lo ritrovano dopo 5 minuti sano e salvo.

Una storia a lieto fine quella di ieri, grazie alla prontezza della Polizia di Stato.

Erano le 16.25 circa quando alla Sala operativa della Questura di Siena è arrivata la chiamata disperata di una donna, straniera, madre di un bambino di 4 anni, che diceva di aver perso di vista il figlio mentre si trovava nella vicina Piazza Jacopo della Quercia. Read More

Tratta di esseri umani, schiavitù e prostituzione: 6 arresti in maxi operazione della Polizia

Nell’Operazione Agadez della Polizia di Stato ha partecipato la Squadra Mobile della Questura di Siena

Sono state eseguite 7 misure cautelari delle 12 emesse dal Gip del Tribunale di Firenze, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia all’esito delle indagini condotte dalla Polizia di Stato, con l’operazione Agadez. Read More

Primo piano – Operazione “Bella Vita”

Due arresti e due denunce, perquisizioni e sequestri nel centro di Siena. Read More

Siena, arresti, denunce, perquisizioni e sequestri nel centro storico nell’operazione della Polizia di Stato contro lo sfruttamento e il favoreggiamento della prostituzione e lo spaccio di stupefacenti

Due arresti e due denunce, perquisizioni e sequestri nel centro di Siena.

Questo l’esito dell’operazione della Polizia di Stato, chiamata “Bella Vita”, contro lo sfruttamento e il favoreggiamento della prostituzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Le serrate indagini condotte dalla Squadra Mobile della Questura e coordinate dal Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Siena Silvia Benetti, sono scattate nella primavera dello scorso anno, a seguito di alcune segnalazioni, giunte agli investigatori, di continui e sospetti andirivieni di persone in due appartamenti.

Appostamenti e attività di capillare osservazione, anche con l’ausilio di supporti tecnici, hanno portato i poliziotti a dare un volto ed un nome a due uomini, L.R. 39 anni e M. B. di 27, entrambi italiani e residenti nella città del Palio, nei confronti dei quali hanno eseguito, all’alba, le misure cautelari degli arresti domiciliari disposte dal GIP presso il Tribunale di Siena.

Due i denunciati: una donna A.M.R 35 anni di origini rumene, anch’ella prostituta coinvolta nella cessione di narcotici, sottoposta anche alla misura dell’obbligo di presentazione alla PG, al momento ancora ricercata, e G.S, italiano di 54 anni.

Dalle indagini è emerso che i due arrestati destinavano i due appartamenti, uno dei quali di proprietà del 39enne e l’altro preso in affitto, ad uso del meretricio di donne di varie nazionalità, che venivano indotte a lasciare i propri annunci su alcune riviste e/o siti internet per adulti per farsi contattare dai clienti.

I due avevano organizzato un vero e proprio sodalizio criminale dedito anche al traffico di sostanze stupefacenti, principalmente cocaina, sfruttando l’uso degli immobili in questione, uno nel centro storico e l’altro nell’immediata periferia, dove avveniva l’attività di spaccio, oltre a pretendere una parte del ricavato dall’attività delle prostitute.

Gli investigatori hanno appurato, inoltre, che la cessione della droga, che avveniva all’interno degli appartamenti, si svolgeva anche in altri punti della città ed in particolare all’interno di un bar del centro storico, all’epoca di proprietà di uno degli indagati.

Nel corso delle perquisizioni, eseguite dai poliziotti della Squadra Mobile anche con le Unità cinofile antidroga, in uno degli appartamenti sono stati rinvenuti 10 grammi circa di marijuana, 2 grammi circa di cocaina, due bilancine di precisione e diverso materiale per il confezionamento delle dosi di stupefacente, oltre a 1080 euro in contanti, probabile provento dell’attività di spaccio.

Tutto il materiale trovato e gli appartamenti sono stati sottoposti a sequestro.

La Polizia di Stato avvisa gli utenti: uffici amministrativi della Questura di Siena ricevono su appuntamento

A causa dell’emergenza sanitaria legata al Coronavirus si potrà accedere agli uffici della Polizia Amministrativa della Questura di Siena solo tramite appuntamento telefonico. La Polizia di Stato sta, infatti, rimodulando i servizi rivolti al pubblico, per poter svolgere in sicurezza il proprio lavoro, a tutela dei cittadini e dei poliziotti.

Gli uffici potranno essere contattati nella fascia oraria compresa tra le 9 e le 11.30 di tutti i giorni, dal lunedì al sabato, ai numeri sotto indicati:

  • Ufficio Licenze, via delle Sperandie 43, telefono 0577228451
  • Ufficio Passaporti, piazza Jacopo della Quercia, telefono 0577201625
  • Ufficio Armi, via del Castoro 6, telefono 0577201633

Ubriaco ruba cellulare a passeggero del bus, che dorme, e si allontana alla prima fermata: rintracciato e denunciato dalla Polizia di Stato uno straniero.  

Ha rubato il cellulare, sfilandolo dalla tasca di un passeggero che si era addormentato sull’autobus e si è dato alla fuga alla prima fermata, ma è stato rintracciato dalla Polizia di Stato che lo ha denunciato.

E’ accaduto ieri, a Siena, quando, intorno alle ore 01.30, alla Sala Operativa della Questura è giunta una chiamata per un diverbio tra il conducente di un pullman, della linea Empoli- Siena, e un passeggero.

I poliziotti delle Volanti sono intervenuti in Piazzale Rosselli, dove hanno appurato che la lite era nata per il sospetto che l’autista avesse rubato il cellulare dell’unico giovane presente al momento.

Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che a bordo del bus c’erano anche altre due persone, tra cui un uomo palesemente ubriaco, a dire del conducente, che era seduto nelle vicinanze del ragazzo. L’uomo, una volta arrestata la marcia, si era dileguato in direzione del sottopassaggio della vicina stazione ferroviaria.

Gli agenti, raccolte le informazioni utili, si sono messi sulle tracce del probabile autore del furto, che hanno notato poco dopo all’ultimo pianerottolo delle scale che portano al terminal degli autobus.

Lo straniero, resosi conto dell’arrivo della polizia, è scappato verso viale Lombardi ma è stato raggiunto e fermato dagli agenti.

E’ stato identificato per un 21enne di origini pakistane, ed è apparso subito in forte stato di ebbrezza, tanto da non riuscire a stare in piedi.

Il giovane è stato poi controllato e perquisito e, nella tasca anteriore dei suoi pantaloni, i poliziotti hanno trovato il cellulare, che effettivamente apparteneva al derubato, dato che, tra l’altro, il proprietario ha digitato il codice di sblocco senza esitazione.

Al termine degli accertamenti di rito lo straniero è stato, pertanto, denunciato per furto con destrezza e sanzionato, sia per la violazione della normativa per il contrasto alla diffusione del Coronavirus che per l’ubriachezza molesta.

Violente liti e risse in una via del centro tra due gruppi di commercianti egiziani, interviene La Polizia di Stato

Da diversi giorni oramai, gli agenti della Polizia di Stato sono costretti ad intervenire in via dei Rossi, nel centro di Siena dove due gruppi familiari di origine egiziana, esercenti di due attività commerciali in tale strada, Read More

Scroll to top