rifiuti

Fa tappa a Siena “RiArtEco”

La mostra d’arte realizzata attraverso il recupero di materiali di scarto. Riarteco, nato nel 2005 a Firenze, è un movimento di idee e ideali che nel 2013 ha dato vita a una mostra itinerante che ha toccato numerose città in tutta Italia. L’obiettivo è quello di coinvolgere le persone, grazie alla bellezza dell’arte, alla ricerca e al raggiungimento della sostenibilità, alla differenziazione e riutilizzo dei rifiuti, e al risparmio delle risorse. Quest’anno è già stata a Genova e, dopo Siena, si sposterà a Roma e Napoli.

<<Quando osserviamo attentamente le opere in mostra – spiega il fondatore e curatore della mostra per Siena, Marco Pasqualin – scopriamo che sono realizzate con i nostri rifiuti. Attraverso l’arte vogliamo, dunque, lanciare il messaggio che possiamo trovare soluzioni per produrne meno o che è possibile non farne proprio>>.

L’esposizione, inserita nel calendario della rassegna ArteSiena, sarà inaugurata venerdì prossimo 26 aprile alle ore 18 alla Galleria Olmastroni di Palazzo Patrizi (via di Città, 75) e sarà visitabile fino al 12 maggio 2019, a ingresso libero, tutti i giorni con orario 15.30-18.30.

Riorganizzazione dei rifiuti, Sei Toscana e Comune di Siena incontrano i cittadini

In vista della riorganizzazione del servizio di raccolta rifiuti con l’introduzione dei cassonetti ad accesso controllato, l’Amministrazione comunale di Siena e Sei Toscana hanno organizzato una serie incontri pubblici con i cittadini. Il primo incontro è in programma per domani, 4 aprile, alle 21 al circolo di Sant’Andrea. L’assessore all’Ambiente e Decoro Urbano Silvia Buzzichelli e i tecnici di Sei Toscana saranno a disposizione dei cittadini per illustrare il funzionamento dei nuovi contenitori, e per rispondere a tutte le domande sulle modalità di svolgimento del servizio.

Gli altri incontri si terranno lunedì 8 aprile, alle 18.30, al Circolo della Coroncina e giovedì 11 aprile, alle 18 e alle 21, nei locali della Parrocchia di Taverne.

Comune di Siena e Sei Toscana insieme in difesa dell’ambiente

L’assessore all’ambiente Silvia Buzzichelli e il direttore tecnico di Sei Toscana, Giuseppe Tabani hanno presentato tutte le novità previste dalla riorganizzazione dei servizi di raccolta dei rifiuti in tutto il territorio comunale. L’obiettivo è duplice: da un lato incrementare quantità e qualità della raccolta differenziata, dall’altro migliorare il decoro urbano e garantire una migliore vivibilità e fruibilità della città.

La primissima azione ha riguardato i residenti del centro storico serviti dal porta a porta e ha previsto una revisione degli orari per il conferimento dei rifiuti, anticipando di mezz’ora il conferimento dei sacchetti.  Questo primo intervento anticipa di qualche mese l’attività di completa riorganizzazione dei servizi del centro storico che, in autunno, vedrà una riorganizzazione dei calendari, delle modalità di raccolta e delle frequenze del porta a porta. L’obiettivo principale è quello di un incremento dei materiali da avviare a riciclo e verrà, tra le altre cose, estesa a tutte le utenze domestiche la raccolta dell’organico ad oggi attiva solo nel Terzo di Camollia.

Ma la vera e propria “rivoluzione” si avrà a partire dalle prossime settimane e riguarderà circa 6500 utenti residenti nelle zone di Taverne, Via Aretina, Coroncina, Volte Basse. Si tratta dell’installazione di circa 170 nuove postazioni di cassonetti ad accesso controllato, che introducono anche nel comune di Siena quella che viene definita la raccolta “intelligente” dei rifiuti. Ogni contenitore per la raccolta dei rifiuti potrà essere utilizzato solo dai possessori della 6Card, una tessera associata all’utenza Tari che servirà a registrare, per ciascun utente, il numero dei conferimenti per ciascuna tipologia di rifiuto. In questo modo, quando il servizio sarà a pieno regime su tutto il territorio comunale, sarà possibile iniziare ad introdurre una modalità incentivante legata alla corretta separazione dei rifiuti e all’effettivo conferimento.

Riapre il centro di raccolta rifiuti “Ferrovia” di Montepulciano Stazione, in via Forlì.

A partire da giovedì 21 marzo, la struttura tornerà a disposizione dei cittadini dopo la fine dei lavori che hanno consentito di ristrutturare il centro e renderlo più funzionale.

Il centro di raccolta è un’area appositamente attrezzata e custodita dove i cittadini possono effettuare la raccolta differenziata di materiali recuperabili, come grandi e piccoli elettrodomestici, mobilio, olio alimentare esausto, pneumatici fuori uso, legno e metallo. Una soluzione pratica e veloce che permette a tutte le utenze domestiche residenti nel Comune di Montepulciano di provvedere personalmente al conferimento dei rifiuti, con particolare riferimento a quelli voluminosi e ingombranti, contribuendo così ad una gestione virtuosa.

Come cambia la raccolta rifiuti a Siena

L’Amministrazione comunale di Siena ha intrapreso un percorso dedicato alla riorganizzazione dei servizi di raccolta dei rifiuti in tutto il territorio comunale, con l’obiettivo di incrementare le quantità di raccolta differenziata e, al contempo migliorare il decoro urbano, così da  garantire una migliore vivibilità e fruibilità della città.

“In collaborazione con Ato Toscana Sud e con il gestore SEI Toscana – informa l’assessore all’Ambiente Silvia Buzzichelli – abbiamo lavorato per mettere a punto un programma di interventi al fine di dotare il Comune di sistemi e attrezzature di raccolta moderni e innovativi. Allo stesso tempo stiamo per avviare una campagna informativa rivolta ai cittadini per far sì che tutti abbiano la possibilità di intraprendere una gestione dei rifiuti consapevole e attiva, limitando il reiterarsi di quei comportamenti scorretti che comportano danni economici a svantaggio dell’intera comunità”.Il primo step della riorganizzazione, riguarda i residenti del centro storico, ovvero gli utenti dei servizi di raccolta domiciliare e prevede una revisione, a partire dal mese di marzo, degli orari previsti per il conferimento dei rifiuti sul suolo pubblico. Dal 18 marzo, infatti, i rifiuti potranno essere lasciati fuori dai portoni dalle ore 6 alle ore 8,30, e non più alle 9, in modo da poter ripulire le strade nel minor tempo possibile.

“Ma la rivoluzione vera e propria – specifica l’assessore – arriverà dopo Pasqua, quando il gestore inizierà ad istallare, in alcune porzioni di territorio comunale, i cosiddetti “cassonetti intelligenti” ad accesso controllato, in linea con quanto stanno facendo altri comuni in provincia di Siena e non solo”.

Sei Toscana: possibili disagi nella raccolta rifiuti per la neve

Sei Toscana: «Possibilità di disagi nello svolgimento dei servizi di raccolta e trasporto rifiuti per le precipitazioni nevose»

Sei Toscana comunica che, viste le abbondanti precipitazioni nevose di queste ultime ore e i conseguenti disagi alla viabilità che stanno interessando diverse zone del territorio servito, nella giornata di ieri si sono verificati alcuni disagi nei servizi di raccolta rifiuti. Anche per la giornata odierna, giovedì 31 gennaio e per domani, venerdì 1 febbraio, potrebbero verificarsi disagi per la circolazione dei mezzi dedicati alla raccolta e al trasporto dei rifiuti ed al ritiro degli ingombranti. Il personale di Sei Toscana è a lavoro per gestire al meglio le possibili emergenze, cercando di assicurare il servizio compatibilmente con le diverse condizioni in essere nei comuni del territorio servito. Nelle prossime ore Sei Toscana monitorerà la situazione insieme alle autorità preposte per evitare per quanto possibile disagi ai cittadini.

Impianto delle Cortine, ripartono le visite ludiche

Sono ripartite stamani le visite agli impianti delle Cortine per scoprire i benefici del riciclo e dell’economia circolare

Negli impianti di Sienambiente tornano le visite ludico/emozionali, il nuovo format ideato per spiegare in modo chiaro e divertente ai bambini i benefici del riciclo, dell’economia circolare e il ruolo degli impianti nella gestione dei rifiuti. A inaugurare la seconda stagione di questa nuova tipologia di visita sono stati, questa mattina, i bambini dell’International School of Siena che sono arrivati nell’impianto delle Cortine dove confluiscono tutte le raccolte differenziate della provincia di Siena.

Dopo una breve lezione in aula durante la quale sono state illustrate le principali caratteristiche dell’impianto, i bambini hanno incontrato tre personaggi che anche quest’anno arricchiranno il percorso di visita. Tornano in impianto: la simpatica ma un po’ distratta signora che pensa che tutti i rifiuti finiscono in discarica salvo poi ricredersi dopo aver visto il lavoro nell’impianto; l’esuberante contadina, utilizzatrice del compost di Sienambiente, di cui loda le caratteristiche e le proprietà nutritive; un’’”oggetto parlante” (una bottiglia di plastica), il quale racconta il suo viaggio da oggetto a nuovo oggetto, verso una nuova vita, quella permessa appunto dal riciclo. Realizzato in collaborazione l’associazione Straligut teatro, il nuovo format viene “messo in scena” durante tutte visite nell’impianto delle Cortine rivolte agli studenti delle scuole elementari e medie.

Al termine del percorso, ai docenti, viene consegnato kit didattico con informazioni, curiosità e quiz da utilizzare come strumento di verifica dell’acquisizione delle informazioni fornite. Sul sito web di Sienambiente, sono invece a disposizione delle schede che illustrano il modo in cui grazie all’impianto delle Cortine i rifiuti possono ritrovare valore come nuova materia prima per produrre nuovi oggetti, realizzando in questo modo una parte importante della filiera dell’economia circolare.

Da sapere che per prenotare una visita, è necessario contattare gli uffici di Sienambiente al numero 0577/248011 o scrivere a comunicazione@sienambiente.it.

Monteroni, oggi i primi incontri sui cassonetti ad accesso controllato

A Monteroni d’Arbia arrivano i nuovi cassonetti ad accesso controllato. Stasera i primi due incontri pubblici con i cittadini

Tutto pronto per il servizio di raccolta differenziata con i nuovi cassonetti ad accesso controllato nel comune di Monteroni d’Arbia. L’Amministrazione comunale, in collaborazione con il gestore Sei Toscana, ha dato avvio ad una importante riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani con l’obiettivo di aumentare la percentuale di raccolta differenziata delle varie frazioni merceologiche, assicurando così una migliore gestione dei rifiuti finalizzata al recupero di materia, secondo quanto previsto dalle normative sull’Economia Circolare europee, nazionali nonché dalla programmazione regionale.

La riorganizzazione del servizio prevede nelle prossime settimane la sostituzione degli attuali cassonetti stradali con altri contenitori, sempre stradali, ad accesso controllato. Tutti i nuovi contenitori saranno infatti dotati di sistemi informatizzati che, a regime, consentiranno di associare ogni conferimento alla singola utenza e, in futuro, calibrare la tariffa sulla base dei rifiuti effettivamente prodotti e sulla concreta volontà dei cittadini di effettuare la raccolta differenziata (tariffa puntuale).

Per conferire i rifiuti, dopo una iniziale sperimentazione, sarà obbligatorio per tutti l’utilizzo della 6Card, la tessera magnetica personale che permetterà la tracciabilità dei conferimenti associandoli ad ogni singola utenza.

Le 6Card saranno in consegna a partire dal prossimo 28 gennaio seguendo un preciso calendario che è stato già indicato ai cittadini nelle lettere che sono state recapitate in questi giorni direttamente a domicilio e che è pubblicato anche sul sito del Comune e del Gestore.

Le postazioni oggetto di sostituzione saranno complete delle quattro principali tipologie di contenitori di raccolta (organico, carta e cartone, multimateriale e indifferenziato) per agevolare il corretto conferimento e differenziazione del rifiuto da parte degli utenti. In particolare, per limitare i conferimenti non corretti, il cassonetto dell’indifferenziato sarà dotato di una calotta volumetrica di accesso di ridotte dimensioni (volumetria massima di 22 litri a sacchetto).

Per illustrare a tutti le novità in arrivo, l’Amministrazione comunale, assieme a Sei Toscana, ha organizzato una serie di incontri pubblici che si terranno: oggi, giovedì 24 gennaio, alle 18 alla Casa del popolo a Ponte d’Arbia e alle 21 presso il Supercinema di MonteroniLunedì 28 gennaio, alle 18 presso il Circolo Colibrì a Villa di Corsano e alle 21 presso la Sala della zona fieristica gestita dalla Cooperativa di Ponte a Tressa.

Sei Toscana, le variazioni dei servizi per Capodanno

L’elenco delle variazioni ai servizi di Sei Toscana nei Comuni della provincia di Siena in occasione di Capodanno

A Capodanno alcuni servizi che Sei Toscana svolge nei Comuni dell’Ato Toscana Sud, subiranno delle modifiche. Tutte le variazioni sono state concordate dal Gestore con le singole amministrazioni comunali con l’intento di offrire, anche durante i giorni di festa, servizi rispondenti alle esigenze dei cittadini.

Il primo gennaio resteranno chiusi i centri di raccolta e le stazioni ecologiche e anche il numero verde non sarà attivo.

In alcuni casi altre modifiche saranno apportate ai servizi di raccolta porta a porta.

Nello specifico, a Siena le raccolte dei rifiuti porta a porta alle utenze domestiche previste per martedì 1 gennaio non saranno effettuate, mentre saranno regolarmente svolte le raccolte alle Utenze non domestiche così come previsto per i giorni festivi.

Rapolano Terme la raccolta porta a porta di carta e cartone prevista per martedì 1 gennaio verrà anticipate a lunedì 31 dicembre, con le solite modalità di conferimento e di prelievo.

ChiusiColle val d’ElsaMontalcinoPienzaPoggibonsi e San Gimignano le raccolte porta a porta previste da calendario il 1 gennaio verranno tutte posticipate al giorno successivo, mercoledì 2 gennaio.

Sei Toscana raccomanda sempre il rispetto degli orari e dei giorni di conferimento previsti dai vari regolamenti comunali.

Per informazioni è possibile contattare il numero verde 800127484 o consultare il sito www.seitoscana.it.

Nuova campagna social per stimolare il riciclo dei rifiuti

“Rifiuti: una storia continua”: una nuova campagna social su raccolta e riciclo dei rifiuti. Dal 30 novembre on line la prima serie “C.S.I. Toscana”

“Rifiuti: una storia continua” è la terza campagna di comunicazione realizzata dal gruppo di lavoro Toscana Ricicla in collaborazione con i Consorzi nazionali di filiera, facenti parte del sistema Conai, Cial (alluminio), Comieco (carta e cartone), Corepla (plastiche), Coreve (vetro) e Ricrea (acciaio). La squadra toscana, con capofila Revet, composta dalle aziende che si occupano di igiene ambientale (Aer, Alia, Ascit, Ersu, Geofor, Rea Spa, Sei Toscana, Sienambiente) e Confservizi Cispel Toscana (l’associazione regionale delle imprese di servizio pubblico che operano nel territorio), ha sviluppato un nuovo progetto di sensibilizzazione ad una corretta raccolta differenziata dei rifiuti con l’obiettivo di coinvolgere target diversi con nuove forme di comunicazione. La campagna è stata presentata questa mattina a Firenze in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il direttore di Revet, Alessandro Canovai, in rappresentanza del gruppo di aziende partecipanti al progetto “Toscana Ricicla”; il direttore di Ricrea, Federico Fusari, in rappresentanza dei Consorzi di filiera; il presidente di Confservizi Cispel Toscana, Alfredo De Girolamo. Presenti in sala anche i rappresentanti di tutte le aziende e dei consorzi coinvolti nella campagna.

Il progetto, ideato e realizzato dallo Studio A&C Comunicazione di Firenze, prevede quattro serial, composti da 8 puntate ciascuno della durata di circa 2 minuti, che  scimmiottano’ le fiction tv più note – dedicate a “crimine” e “situation comedy” – in modo che la parodia, la riconoscibilità dei contesti e il taglio ironico abbiano l’appeal necessario per coinvolgere il pubblico, favorire la visualizzazione e la “viralizzazione”. La diffusione avverrà principalmente sui social network, in linea con quello che è il trend contemporaneo, che privilegia l’engagement attraverso la creazione di elementi animati, come i video, i cui contenuti – divertenti, interessanti, curiosi – hanno l’obiettivo di mantenere alta l’attenzione. La veicolazione è prevista anche nei circuiti tradizionali, come tv e sale cinematografiche. Ogni serial racconta comportamenti corretti in materia di raccolta differenziata, con personaggi e altri elementi ricorrenti, con più episodi autoconclusivi. Ogni microstoria, nel finale, prevede un pannello raccontato da voce fuori campo in cui sono riportate sinteticamente le istruzioni/conclusioni della puntata rispetto alla gestione dei rifiuti.

Se la prima campagna, “La materia è per sempre”, richiamava alla memoria una storica pubblicità con l’intento di valorizzare la materia di cui sono composti i rifiuti, con questo nuovo progetto il gruppo Toscana Ricicla ha scelto di affrontare le tematiche non fermandosi ad identificare i colori delle raccolte piuttosto che le specificità locali, ma svelando curiosità, stimolando l’attenzione sulla seconda vita dei rifiuti (prodotti derivanti da riciclo di materia).

A partire dal prossimo 30 novembre sarà on line la prima serie, C.S.I. Toscana, dove la squadra investigativa indaga per chiarire ai cittadini la necessità di riconoscere e suddividere i rifiuti (“non è un crimine!”), eliminarne parti estranee (i banditi!), “falsi amici” ed avanzi di cibo, le modalità (piega, compatta, svuota, etc..) per il corretto conferimento.

Alla prima serie seguirà la pubblicazione e condivisione di “Trash & The City” dove sarà la volta di nuove Carrie, Miranda, Samantha e Charlotte, un gruppo di donne, dai caratteri diversi, che affrontano e discutono in ogni puntata di un problema relativo ai rifiuti e su come debbano essere conferiti secondo le regole.

Nel 2019 il progetto proseguirà con la terza serie, “Cassonetti da incubo”, liberamente tratto da “Cucine da incubo”, dove una telecamera posizionata all’interno dei diversi  cassonetti inquadra le persone che conferiscono i vari rifiuti, commentando le loro azioni, consigliando quali cose mettere e non mettere, sottolineando gli errori e ringraziando per le “buone azioni”.

La conclusione del progetto è affidata al “Trono di spazzatura” che, prendendo spunto dalla serie di genere fantasy statunitense, invece di raccontare la lotta per la conquista del potere tra nobili e potenti inquadra un trono in materiali riciclati decorato con una spalliera di “scope”, dove personaggi, anche celebrità ed amministratori, “impongono” ironicamente il loro punto di vista sui rifiuti e sulla corretta raccolta differenziata.

In rappresentanza dei consorzi nazionali di filiera per il riciclo degli imballaggi ha parlato Federico Fusari, direttore del Consorzio Ricrea: «I consorzi di Filiera del riciclo degli imballaggi in Acciaio (Ricrea) Alluminio (CiAl) Carta e Cartone (Comieco) Plastica (Corepla) e Vetro (Coreve) facenti parte del sistema Conai, sono da sempre impegnati a sostenere campagne locali di comunicazione volte alla sensibilizzazione alla raccolta differenziata degli imballaggi come mezzo indispensabile per realizzarne il relativo riciclo. Gli ottimi risultati, in termini di quantità raccolte, raggiunti dal gruppo di aziende facenti parte di Toscana Ricicla, ci spingono  ad incentivare ulteriormente una comunicazione più capillare per migliorare anche la qualità degli imballaggi raccolti dai cittadini toscani».

Alfredo De Girolamo, presidente di Confservizi Cispel Toscana: «La campagna di comunicazione che  presentiamo oggi è un altro passo di un’azione avviata ormai molto tempo fa, ma anche l’inizio di una nuova fase, di uno stile diverso. Comunicare con cittadini ed imprese nel settore dei rifiuti urbani è un elemento centrale, fondamentale del servizio. Compito dei gestori è organizzare al meglio il servizio e dare corrette informazioni agli utenti su cosa differenziare, come farlo, come non sbagliare e come usare al meglio i servizi offerti. Il compito dell’Associazione è invece parlare all’opinione pubblica, informando che siamo tutti sulla buona strada, che gli sforzi di ciascuno in questi anni hanno già prodotto un buon risultato: ricicliamo circa il 50% dei rifiuti urbani e il 65% di quelli industriali, siamo il secondo paese per riciclo in Europa, il primo per industria, e la Toscana è il principale distretto industriale italiano del riciclo con una storia secolare alle spalle. La campagna si inserisce in questo contesto, e vuole dimostrare come un settore centrale per l’economia regionale sia in grado di mantenere i suoi livelli di qualità anche con una comunicazione al passo coi tempi».

«Il percorso di efficientamento delle filiere industriali del riciclo, che già oggi sono un punto di riferimento nella nostra regione, deve essere accompagnato da un miglioramento sostenibile della qualità delle raccolte, finalizzate a un riciclo effettivo dei materiali. Per questo le aziende toscane del ciclo dei rifiuti – spiega il direttore generale di Revet, Alessandro Canovai – hanno investito in questo nuovo progetto, che facendo leva sui canali di comunicazione più moderni e coinvolgenti, punta a rendere il cittadino più informato e consapevole, al fine di ridurre gli errori e migliorando la qualità delle raccolte differenziate».

La prima serie sarà on line a partire dal 30 novembre; secondo la programmazione prevista verrà pubblicata sul web una puntata a settimana, e dopo il primo mese verranno diffuse in contemporanea due serie con le stesse cadenze, fino all’esaurimento delle 8 puntate ciascuna. I video saranno, inoltre, pubblicati sul canale YouTube, sulla pagina Facebook di Toscana Ricicla, su Instagram, Twitter e sui siti e sulle piattaforme social dei Consorzi di filiera e delle aziende con l’obiettivo di realizzare una “viralità” virtuosa in tema di rifiuti.

Scroll to top