Siena

Quando Il Campo era Piazza Vittorio Emanuele II

L’intitolazione a Vittorio Emanuele II è solo uno dei cambiamenti avvenuti nella toponomastica per il Risorgimento. Giovedì 14 ne parleranno Maura Martellucci e Roberto Cresti, autori de “La patria in strada”

Dopo aver raccontato la storia, le curiosità e le stranezze nei toponimi di Siena, conducendo il lettore per mano tra le strade cittadine, alla ricerca delle origini dei loro nomi nello “Stradario/StraNario” (Betti Editrice, 2004), Roberto Cresti e Maura Martellucci tornano a parlare della città attraverso le sue strade, con uno studio accurato sui cambiamenti nella toponomastica avvenuti dopo l’Unità d’Italia, “La patria in strada”. A presentare il libro la giornalista Katiuscia Vaselli e  Francesco Ricci, docente di lettere al Liceo Classico “E. S. Piccolomini”. Coordina Luigi Oliveto, membro del CDA della Biblioteca.

In settant’anni l’Italia, da “espressione geografica” diventa una nazione, per farla tale ci sono volute tre guerre  d’Indipendenza e una Guerra Mondiale, con personaggi e storie che entrano a far parte della memoria collettiva del Paese e della quotidianità dei suoi cittadini. Nessun vissuto quotidiano poteva elaborare e mantenere costantemente la memoria di questi eventi e di chi ne era stato protagonista come l’intitolazione delle strade a battaglie, sovrani, eroi che avevano fatto l’Italia.

Siena non fu immune da questo cambiamento epocale. Anche qui si assistette all’irruzione massiccia di nomi di personaggi ed episodi che cancellarono il funzionalismo che aveva contraddistinto fino ad allora l’odonomastica. Le strade del centro persero le storiche denominazioni per intitolarsi a martiri, eroi e battaglie con scelte non sempre condivise. Tra trasformazioni e ripensamenti, questo libro racconta le continue riscritture della memoria urbana, dal Risorgimento alla riscoperta degli antichi nomi del Medioevo.

Nasce il Progetto Civico Senese e candida Massimo Sportelli

Il “listone civico” diventa Progetto Civico Senese e propone la candidatura a sindaco dell’avvocato Massimo Sportelli

Il cosiddetto “listone civico” si trasforma in Progetto Civico Senese e candida a sindaco l’avvocato Massimo Sportelli. Il passo in avanti del raggruppamento politico è stato reso noto in un comunicato stampa:

“La situazione in cui versa la città, non solo economica, impone una  reale e tangibile svolta che metta in discussione i costumi ed i metodi che hanno caratterizzato il recente passato, che non archivi la ricerca delle responsabilità, ma neppure che questo resti il solo impegno di domani, che ricerchi una trasparenza di obiettivi e l’impegno diretto e senza deleghe in bianco, da parte dei cittadini.

Il sentimento di antipolitica deve essere contrastato con l’impegno diretto alla vita amministrativa di una collettività. Perché i partiti, a cui si riconosce una importanza fondamentale per la vita democratica di uno Stato, a Siena non hanno caratteristiche di adeguatezza per continuare  a gestire il  bene comune. Per questo ci rivolgiamo ai senesi tutti affinché siano oltre che amministrati anche amministratori e forza trainante della rinascita della città.

Dobbiamo tutti dire basta a logiche condizionanti o interessi extraterritoriali. La storia insegna che si può ancora essere grandi rendendo forte la partecipazione e impostando progetti realizzabili che producano ricchezza ed occupazione. Le risorse ci sono, basta amministrarle con saggezza.

Per questo, il percorso del c.d. Listone prosegue e da vita al  “Progetto Civico Senese”. I movimenti politici che hanno dato vita a questo progetto, hanno scelto di non assoggettarsi ai partiti politici, condividono proposte e finalità e stanno lavorando per elaborare un’offerta politica innovativa e lungimirante per Siena. Le  “attuali” quattro liste civiche che compongono  l’alleanza, confidano in un ulteriore allargamento della compagine a quelle forze civiche disponibili a condividere un progetto comune.

Insieme hanno individuato nell’avvocato Massimo Sportelli il candidato a sindaco, che può rappresentare professionalità, novità, amore per la città e le sue tradizioni ed esprime appieno l’anima popolare senese e la smisurata voglia di cambiamento. Un cambiamento che sappia armonizzare la necessità di crescita di una nuova classe politica di amministratori con esperienze e professionalità già presenti.

Il comune percorso politico che è stato intrapreso, sarà oggetto di presentazioni pubbliche nonché di confronti e verifiche con la cittadinanza, che sarà chiamata a condividere anche sistemi di rappresentanza inusuali per i copioni politici cui le persone sono abituate.

Sarà lo stesso avvocato Massimo Sportelli a rendere note le prerogative su cui si basa la sua accettazione di candidatura, nel corso di una conferenza stampa che convocherà nei prossimi giorni”.

 

N.C.C., otto verbali per irregolarità a Siena

Controlli mirati della Polizia di Stato sui veicoli a noleggio con conducente “N.C.C.”

Otto verbali per violazioni al codice della strada, un fermo amministrativo e un ritiro della carta di circolazione e sanzioni per un totale di circa un migliaio di euro.

Questo l’esito di una serie di controlli mirati sul trasporto di persone, effettuati ieri a Porta Romana, Porta San Marco e Porta Tufi, a Siena su 12 veicoli adibiti a noleggio con conducente “N.C.C.”

Il trasporto di persone con noleggio del conducente è, infatti, disciplinato da precise norme che prescrivono le modalità di trasporto di persone al fine di preservare la sicurezza dei trasportati e non solo.

Le violazioni hanno riguardato la guida con autorizzazioni scadute, l’assenza di taluni documenti e altre infrazioni che hanno portato al ritiro della carta di circolazione e in casi più gravi al fermo amministrativo del veicolo.

Non è mancato inoltre chi era alla guida intento a telefonare.

La Giornata Nazionale del Trekking Urbano a Siena

Quattro giorni di eventi, da sabato 28 ottobre a mercoledì 1 novembre, tra visite guidate e itinerari per bambini

Alla scoperta delle leggende di Siena a passo di trekking. Da sabato 28 ottobre a mercoledì 1 novembre Siena, comune capofila della Giornata Nazionale del Trekking Urbano che quest’anno andrà in scena in 62 città del Bel Paese, celebra la festa del turismo sostenibile con un percorso a piedi dedicato ai misteri e alle leggende che animano le strade e i vicoli della città. Per la prima volta il trekking urbano, in programma martedì 31 ottobre, sarà animato da speciali performance teatrali che vedranno “apparire” lungo il percorso personaggi che sono stati nei secoli protagonisti della storia senese. Oltre al percorso a piedi, Siena sarà protagonista di un lungo weekend con tante proposte per tutta la famiglia, tra itinerari a misura di bambino, divertenti laboratori, visite guidate ai luoghi più suggestivi di Siena e tanto buon cibo. Giunta alla sua XIV edizione, la festa del turismo sostenibile fa parte degli eventi del 2017 International Year of Sustainable Tourism for Development” promossi dall’Agenzia turismo dell’Onu, per sensibilizzare le persone a diffondere consapevolezza del grande patrimonio delle diverse culture e per ribadire l’esigenza di un turismo attento, consapevole e rispettoso del patrimonio culturale e ambientale. Il percorso del trekking urbano e il calendario degli eventi di Siena è stato presentato oggi nel corso di una conferenza stampa a cui hanno preso parte: Bruno Valentini, sindaco del Comune di Siena; Sonia Pallai, assessore al turismo del Comune di Siena; Mauro Tigli, Presidente Provinciale Ristoratori Confesercenti Siena; Marco Cioni, Consigliere delegato Confcommercio Fipe Siena; Roberta Poggesi dell’Associazione Centro Guide – AGT – Siena e Martina Dei di Federagit Siena.

Le tappe del percorso teatralizzato tra misteri, leggende e apparizioni. L’itinerario di Siena, con partenza martedì 31 ottobre ogni 15 minuti dalle 17 in poi da Piazza del Campo, si snoderà tra arte, storia e bellezza alla ricerca degli angoli più suggestivi del centro storico di Siena. Il percorso, per la prima volta, si ‘tinge di mistero’ grazie alle speciali apparizioni lungo il percorso dei personaggi protagonisti della storia della città. Il tour partirà a ritmo di musica sulle note di Radio e della Banda Città del Palio che per l’occasione intratterranno i trekker dalle 15. Il percorso partirà dal cuore della città, Piazza del Campo, per raccontare la storia dei gemelli Senio e Aschio e delle origini ancora misteriose di Siena. Tappa successiva sarà Palazzo Chigi Saracini per parlare di Cerreto Ceccolini, tamburino e leggendario cronista della battaglia di Montaperti del 1260. Il trekking proseguirà alla ricerca della Diana, mitico fiume sotterraneo ricercato per secoli dai senesi, per approfondire la conoscenza della Bella Marsilia, donna di polso, capace, si dice, di piegare perfino un sultano al suo volere. Seguendo le leggende senesi si arriverà al pozzo del Convento del Carmine che si racconta avrebbe permesso di sentire le acque di questo fiume, ma che tante vite ha misteriosamente interrotto. Fantasmi e sirene accompagneranno i trekker tra l’Orto Botanico e Via del Porrione fino all’incontro con un vero lupo mannaro, che farà capolino in uno dei vicoli più sorprendenti della città, il Vicolo degli Orefici. Il tour guidato si concluderà con il racconto delle leggende legate alla battaglia di Montaperti e al campanile della Chiesa di San Giorgio, per terminare nell’antico Castellare degli Ugurgieri, a colloquio con Cecco Angiolieri.

Sabato formato kids con le baby passeggiate, i giochi e la favola di Pinocchio. Il lungo week dedicato al trekking urbano si aprirà sabato 28 ottobre alle o10 dai Giardini della Lizza con la ‘fasceggiata’ tra i rioni con i bimbi in fascia delle Mamme di Marghe: passeggiata tra i rioni della città e con arrivo in Piazza del Campo, rivolta ai genitori in compagnia dei loro bambini portati in fascia o in passeggino. Un divertente tour, con possibilità di noleggiare gratuitamente le fasce, per imparare divertendosi il corretto e sicuro supporto per portare il proprio bambino a spasso. La giornata di sabato 28 ottobre sarà interamente dedicata ai più piccoli che avranno la possibilità di conoscere da vicino il lavoro degli artigiani e scoprire come nascono oggetti e giochi di legno in compagnia del simpatico Geppetto. Dalle 10 alle 18, infatti, la magia della favola di Pinocchio rivive all’interno del Cortile del Podestà che, per l’occasione, ospiterà il laboratorio creativo dedicato alla famosa favola di Collodi con il buon Geppetto, che pedalando su una bici, metterà in funzione il tornio con cui si lavora il legno per trasformare dei semplici pezzetti in tanti oggetti per giocare. Ancora tanto divertimento formato famiglia nel pomeriggio in Piazza del Campo con la partenza dell’itinerario dedicato alle origini e all’evoluzione dello sport, dei giochi e dei passatempi senesi per scoprire la storia delle discipline sportive praticate ancora oggi nel mondo attraverso le tracce lasciate nel centro storico.

Alla scoperta della città con i tour di ‘Siena Classica’ e la ‘Camminata tra gli olivi’. Per tutto il weekend e in occasione della Festa di Ognissanti appuntamento imperdibile con le bellezze di Siena con il tour guidato alla scoperta della Cripta del Duomo e della Cattedrale di Siena. Il percorso partirà, da sabato 28 ottobre a mercoledì 1 novembre sempre alle 11, dal Santa Maria della Scala per snodarsi lungo la Via Francigena, arteria fondamentale nella storia della città e asse viario lungo il quale si ammirano i più importanti palazzi e monumenti cittadini. Tra le tappe del tour anche le speciali visite guidate alla Cattedrale e alla Cripta del Duomo. In occasione della festa del turismo sostenibile Siena mostra il suo volto green aderendo alla prima giornata nazionale della Camminata tra gli olivi’. Appuntamento domenica 29 ottobre alle 15 all’Orto de’ Pecci con la passeggiata alla scoperta degli olivi nel territorio urbano della città. L’evento, promosso dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio con il Comune di Siena e realizzato con la collaborazione del Gruppo Trekking Senese, prevede un trekking cittadino fra gli spazi verdi situati all’interno delle mura, accompagnati da guide esperte. Al termine del percorso è prevista una degustazione di pane e olio IGP Toscano di Rete Qualità Toscana.

Domenica 29 ottobre Siena si scopre anche a piccoli passi. Appuntamento alle 11 con l’anteprima degli itinerari a misura di bambino per conoscere, riconoscere ed esplorare la città. Per l’occasione le guide Federagit, Centro Guide e AGT presenteranno i calendari delle visite guidate dedicate a bambini, ragazzi e genitori. I percorsi diSCOPRILARTE’ e ‘BIMBInGIRO’ inaugureranno la stagione 2017 di ‘Siena for Kids’, il programma di eventi promosso dal Comune di Siena che, fino a marzo 2018, proporrà visite guidate, itinerari, laboratori, spettacoli, giochi e racconti per tutta la famiglia. Il divertimento formato baby proseguirà nel pomeriggio, dalle 15 e fino alle 18.30, ai Giardini de La Lizza all’interno dello spazio che ricostruisce una vera e propria città in miniatura dove i bambini potranno conoscere, attraverso un divertente gioco di ruolo, le più importanti strutture di una città moderna con i suoi laboratori artigianali, l’ufficio del lavoro, il Comune, la banca, il mercato, l’ospedale, la scuola, il teatro, la biblioteca e tante altre sorprese pensate per diffondere le buone pratiche della cittadinanza attiva. All’intero della città in miniatura sarà allestito anche un piccolo angolo dedicato alla merenda che, per l’occasione sarà offerta da McDonald’s, con uno speciale e genuino menù che prevede: frutta di stagione, carote, Parmigiano Reggiano e acqua.

Halloween a tutto food con i sapori d’autunno. Per i più golosi appuntamento martedì 31 ottobre per festeggiare la notte di Halloween in compagnia delle stuzzicanti proposte di ‘Strade Gialle’. Dalle 18 e fino alle 22 sarà possibile scoprire i sapori d’autunno per le strade del centro storico di Siena grazie all’iniziativa organizzata da Confesercenti e Confcommercio, per gustare i piatti tipici e le ricette più famose della città. Si lega alla tradizione enogastronomica senese anche la passeggiata in programma mercoledì 1 novembre all’interno delle aree verdi dentro le mura di Siena. Un evento che unisce una sana attività motoria alla scoperta del patrimonio culturale e alimentare della città, organizzato da Libertas Provinciale Siena in collaborazione con SiNutriWells, l’Associazione Si.Va Siena Nordic Walking e le Guide Federagit Siena.

Info Giornata Nazionale del Trekking Urbano. La XIV Giornata Nazionale del Trekking Urbano rientra tra gli eventi dell’Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo, promosso dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Per informazioni è possibile contattare l’assessorato al turismo del Comune di Siena al numero 0577 – 292128/78 oppure inviare un’e-mail a trekkingurbano@comune.siena.it. Per conoscere gli itinerari proposti delle 62 città che partecipano all’edizione 2017 è possibile consultare il sito www.trekkingurbano.info, la Pagina Facebook, il Profilo Twitter e Instagram del Trekking Urbano. Tutto il programma di Siena è disponibile su www.enjoysiena.it

Edizione record: le città del Trekking urbano 2017. Le 62 città che, con Siena capofila, partecipano alla XIV Giornata Nazionale del Trekking Urbano sono: Acquapendente, Acqui Terme; Albisola Superiore; Amelia; Ancona; Arezzo; Asciano; Ascoli Piceno; Biella; Bologna; Buccheri; Cagliari; Castelfranco Veneto; Catania; Ceglie Messapica; Cividale del Friuli; Conegliano; Correggio; Feltre; Fermo; Follina; Forlì; Grosseto; Lentini; Lucca; Macerata; Mantova; Massa Marittima; Montalbano Jonico; Monteriggioni; Murlo; Napoli; Narni; Novara; Oderzo; Oristano; Padova; Palermo; Palmanova; Pavia Perugia; Pistoia; Ravenna; Rieti; Rocca Imperiale; Salerno; Salsomaggiore Terme; San Giustino; Siena; Spoleto; Susa; Tempio Pausania; Terracina; Torino; Trento; Treviso; Urbino; Valdobbiadene; Vasto; Viadana, Vittorio Veneto e Volpago del Montello.

DICHIARAZIONI

«Siena capofila di un ambizioso ed apprezzato progetto – ha detto il sindaco di Siena, Bruno Valentini – che quest’anno arriva a coinvolgere oltre 60 città italiane: un risultato concreto dello straordinario lavoro di squadra portato avanti dal Comune di Siena. Importante la collocazione del Trekking Urbano tra gli eventi del 2017 International Year of Sustainable Tourism for Development promossi dall’Agenzia turismo dell’Onu. Un altro modo di pensare il turismo, sostenibile e di qualità, ma anche di scoprire i misteri della nostra città e di valorizzare il grande patrimonio che abbiamo, con un programma rivolto a grandi e piccini e pieno di sorprese».

«La XIV edizione della Giornata Nazionale del Trekking Urbano – ha spiegato Sonia Pallai, assessore al turismo del Comune di Siena – ha fatto registrare il numero più alto e mai raggiunto prima di adesioni su scala nazionale, arrivando a toccare quota 62 città. Una giornata che, al di là del dato quantitativo, è diventata uno degli appuntamenti fissi nei calendari autunnali di tante città da nord a sud, isole comprese, del nostro Paese. Negli anni il trekking urbano è cresciuto soprattutto grazie al prezioso lavoro dell’ufficio dell’assessorato al turismo e alla volontà di questa amministrazione comunale. Un progetto che ha permesso alla nostra città di accreditarsi, anche a livello internazionale, come capitale del turismo sostenibile, capace di esportare un vero e proprio modello. In questi anni, inoltre, siamo riusciti a mettere a disposizione degli ospiti della nostra e degli altri comuni tantissime proposte di percorsi a piedi, sempre consultabili online, capaci di offrire esperienze uniche di visita, a contatto con la parte più autentica delle città».

120 km lungo l’antico itinerario di Sigerico da Siena ad Acquapendente

Sabato 21 e domenica 22 ottobre ci sarà la partenza dei 700 camminatori della “World Francigena Ultra Marathon” che si misureranno con i 4 itinerari slow alla scoperta delle bellezze di Toscana e Lazio

Tutto pronto a Siena per la “World Francigena Ultra Marathon“: la prima maratona per camminatori che tocca i borghi più belli della Toscana e del Lazio. Sabato 21 e domenica 22 ottobre con partenza da Siena sarà possibile vivere un’esperienza unica lunga120 km per scoprire a passo lento panorami mozzafiato, strade bianche e sentieri lungo la Via Francigena. La prima ultramaratona europea lungo l’antico itinerario di Sigerico, a passo di trekking e nordic walking, prevede quattro percorsi con la possibilità di partecipare alla prima marcia non stop lunga 120 Km da Siena ad Acquapendente. La manifestazione è stata presentata oggi, martedì 17 ottobre, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno preso parte Bruno Valentini, sindaco del Comune di Siena; Sonia Pallai, assessore al turismo del Comune di Siena e Riccardo Crisanti, assessore politiche giovanili, eventi, Francigena del Comune di Acquapendente

 L’identikit del ‘pellegrino moderno’. Ai ‘nastri di partenza’ della prima edizione della ‘World Francigena Ultra Marathon’ ci saranno 700 partecipanti, di cui 370 uomini e 330 donne. A preferire il cammino slow tra le bellezze di Toscana e Lazio ci sono i ‘camminatori over 50’ che nella fascia d’età 51-60 anni sono 247, pari al 35 per cento dei partecipanti. Seguono gli ‘adulti’, dai 41 ai 50 anni, che saranno 228 (32 per cento). Il cammino affascina anche i più giovani, che rappresentano il 12 per cento degli iscritti. Prenderanno parte alla prima maratona a piedi anche 11 over 70, pronti a misurarsi con uno dei 4 itinerari slow. Guardando alla provenienza dei moderni pellegrini, Siena guadagna la prima posizione nella top 10 delle province coinvolte con 150 partecipanti. Seguono Roma e Viterbo con quasi 100 camminatori a testa. Tanti anche i toscani in arrivo da Arezzo, Lucca, Firenze e Pisa. La Via Francigena piace anche al nord con ben 15 trekker che da Milano si cimenteranno nell’impresa di scoprire uno dei tratti più suggestivi della Via di Sigerico. A essere preferita la tappa da Siena a Buoncovento, che fa registrare 250 iscrizioni. Molto apprezzati anche i 32 chilometri da Radicofani ad Acquapendente, mentre ben 136 sono i viandanti che si misureranno nella tappa più impegnativa: i 120 chilometri no stop da Siena ad Acquapendente.

 La Via Francigena dà spettacolo con il talkshow di Gene Gnocchi al Teatro dei Rozzi. La prima edizione della ‘World Francigena Ultra Marathon’ si aprirà venerdì 20 ottobre con la consegna dei pettorali, dalle ore 16 alle ore 20, presso il Servizio turismo e comunicazione di Vicolo San Girolamo. Il programma del pre-cammino proseguirà a teatro in compagnia di Gene Gnocchi che, dalle ore 18.15, sarà protagonista sul palco del Teatro dei Rozzi con ‘Via Franci-Gene’. La performance sarà l’occasione per raccontare il cammino attraverso un divertente talk-show condito da tutto l’umorismo del comico parmigiano. L’evento, organizzato in collaborazione con l’Associazione Europea delle Vie Francigene, sarà offerto in omaggio a tutti i partecipanti della maratona. I biglietti, al costo di 5 euro interi e 3 euro ridotto per residenti, studenti e under 26, sono disponibili presso la biglietteria del Teatro dei Rozzi dalle ore 17 di venerdì 20 ottobre. La giornata di venerdì 20 ottobre si chiuderà a tavola con la ‘Cena Francigena’ che riunirà all’Orto de’ Pecci tutti i camminatori e gli appassionati della Via Francigena. La cena, a pagamento e su prenotazione, chiamando il numero 0577222201 (entro mercoledì 18 ottobre).

Sabato 21 ottobre a sorpresa sulle tracce della Via Francigena a Siena. Le tracce della Via Francigena in città si potranno scoprire, sempre al ritmo dei passi, sabato 21 ottobre in occasione della StraSiena, itinerario non competitivo da percorrere a piedi, con partenza alle ore 10.15 di fronte al Complesso museale Santa Maria della Scala. L’itinerario di 5 km, pensato anche per i bambini, permetterà di scoprire il centro storico di Siena, patrimonio Unesco che fin dal Medioevo era attraversato dai pellegrini in viaggio verso Roma. Per iscriversi alla manifestazione organizzata da il Maratoneta Sport e Siena Urban Running & Walking, è possibile chiamare il numero 0577 44277 o recarsi direttamente in Via Camollia, entro il giorno 20 ottobre alle ore 20 o presso il Servizio Turismo e Comunicazione, in vicolo di San Girolamo, 4 (dalle ore 8 alle ore 10 del 21 ottobre).

I quattro percorsi a piedi. La prima edizione della ‘World Francigena Ultramarathon’ tocca alcuni dei borghi più suggestivi della Via Francigena tra Toscana e Alto Lazio: da Monteroni D’Arbia a Buonconvento per arrivare poi a Torrenieri, frazione di Montalcino; San Quirico d’Orcia e Bagno Vignoni, costeggiando Gallina, frazione di Castiglion d’Orcia fino a Radicofani, scendendo a Ponte a Rigo, frazione di San Casciano Dei Bagni e Proceno. I partecipanti avranno la possibilità di fare, passo dopo passo, un vero e proprio tuffo nella storia, attraversando borghi antichi, paesaggi rurali e aree naturali incontaminate per vivere un’esperienza unica in Europa. La prima ultramaratona, riservata esclusivamente ai camminatori, prevede quattro percorsi: quello non stop di 120 Km da Siena ad Acquapendente, con partenza sabato 21 ottobre alle ore 10; la tappa di 32 Km da Siena a Buonconvento, con partenza sabato 21 ottobre alle ore 10; l’itinerario di 65 Km da San Quirico d’Orcia ad Acquapendente, con partenza sabato 21 ottobre in notturna (alle ore 22) e quello di 32 Km da Radicofani ad Acquapendente, con partenza domenica 22 ottobre, alle ore 9.

Il percorso di 120 km da Siena a Acquapendente. Il primo percorso da Siena ad Acquapendente è lungo 120 Km, con partenza sabato 21 ottobre alle ore 10 da Piazza del Duomo. Il sentiero toccherà le strade bianche della Val d’Arbia, dove gli sconfinati panorami toscani accompagneranno i camminatori chilometro dopo chilometro. A guidare i ‘moderni pellegrini’ sarà il dolce profilo di Siena, che cederà il passo al paesaggio dominato dalle colline erose dallo scorrere del tempo, aspre e spoglie delle Crete senesi, verso Monteroni fino ad arrivare a Quinciano dove si trova il borgo fortificato di Lucignano d’Arbia, con la pieve romanica di San Giovanni Battista. Tra salite e discese, dopo un tratto lungo la linea ferroviaria, il percorso passerà da Ponte d’Arbia e successivamente da Buonconvento. L’itinerario continuerà lungo le dolci colline della Val d’Orcia, passando per il piccolo borgo fortificato di Vignoni, fino a Bagno Vignoni, famoso per la vasca termale monumentale posta al centro del piccolo centro. Un lungo tratto in saliscendi nelle valli dei fiumi Orcia e Paglia porterà i trekker all’antico ospitale Le Briccole. Da qui inizierà la dura salita verso Radicofani, con vista sulle valli che si allungano verso il Lazio. Dalla Piazza del Comune di Radicofani, si proseguirà verso Acquapendente, passando da Ponte a Rigo per poi entrare nel Lazio. La discesa verso Ponte Gregoriano indicherà ai viandanti che il percorso è quasi terminato, prima di affrontare l’ultima ripida salita verso la Ripa, la porta d’ingresso ad Acquapendente e arrivare al traguardo della Ultramarathon in Piazza del Comune.

 I 32 km da Siena a Buonconvento. Sabato 21 ottobre, alle ore 10, partirà da Siena, in Piazza del Duomo, la tappa di 32 km con arrivo a Buonconvento, sede di arrivo del percorso. L’itinerario attraverserà Via Roma e continuerà toccando la zona di Cerchiaia, Colle Malamerenda, Isola d’Arbia, Ponte a Tressa e More di Cuna, per poi proseguire lungo le strade bianche della Val d’Arbia nel cuore delle Crete senesi fino a Monteroni, per arrivare a Quinciano. Nel cammino sarà toccato anche il borgo fortificato di Lucignano d’Arbia, dove si trova la pieve romanica di San Giovanni Battista. Dopo il passaggio da Ponte d’Arbia e Serravalle, i panorami mozzafiato, con il profilo di Siena in lontananza, accompagneranno i trekker fino all’ultimo tratto, che toccherà Grancia di Cuna, un’antica fattoria fortificata di proprietà dell’ospitale di Santa Maria della Scala, per arrivare poi a Buonconvento.

I 65 km da San Quirico d’Orcia a Acquapendente. Da San Quirico d’Orcia, sabato 21 ottobre, alle ore 22, partirà il terzo percorso della Ultramarathon. La tappa sarà in notturna, con un primo tratto di 32,7 km lungo le dolci colline della Val d’Orcia che toccherà alcuni dei luoghi più belli del territorio. Tra salite e discese si raggiungerà il piccolo borgo fortificato di Vignoni, per scendere poi fino a Bagno Vignoni, dove si trova la caratteristica vasca termale nella piazza del paese. Un lungo tratto in saliscendi nelle valli dei fiumi Orcia e Paglia porterà i trekker all’antico ospitale Le Briccole, dove si trova la piccola chiesa romanica dedicata a San Pellegrino, tappa di pellegrinaggio di Sigerico, arcivescovo di Canterbury, di ritorno da Roma. Da qui inizierà la dura salita verso Radicofani. Il cammino andrà avanti con una discesa di 8 km lungo il crinale, con la vista sulle valli che si allungano verso il Lazio. Il paesaggio sarà caratterizzato dalle verdi colline a perdita d’occhio e dietro la Rocca di Radicofani si potrà intravedere il Monte Amiata. Giunti a Ponte a Rigo si percorreranno pochi chilometri prima di entrare nel Lazio, e scendere lungo una strada sterrata con panorami sulla valle del fiume Paglia, fino a Proceno. La discesa verso Ponte Gregoriano sarà la tappa successiva, prima di affrontare l’ultima ripida salita verso la porta della Ripa, porta d’ingresso della Città di Acquapendente, chiamata anche la Gerusalemme d’Europa.

La tappa di 31,8 km da Radicofani a Acquapendente. Da Radicofani si partirà domenica 22 ottobre, alle ore 9, per un’altra tappa impegnativa di 31,8 km verso Acquapendente. La Val d’Orcia continuerà a fare da sfondo ai camminatori, che partiranno percorrendo una discesa di 8 km lungo il crinale, con la vista sulle valli che si allungano verso il Lazio. Sullo scenario naturale della valle i trekker rimarranno a bocca aperta scorgendo le colline a perdita d’occhio e il Monte Amiata, dietro la Rocca di Radicofani. Giunti a Ponte a Rigo si percorrerà qualche chilometro prima di entrare nel Lazio, e poi si andrà avanti lungo una strada sterrata con panorami sulla valle del fiume Paglia, fino a Proceno. Da qui il cammino si snoderà fino a Ponte Gregoriano, prima di affrontare l’ultima ripida salita verso la porta della Ripa, porta d’ingresso della Città di Acquapendente, soprannominata anche la Gerusalemme D’Europa, e con arrivo della Ultramarathon nella Piazza del Comune.

Info utili. Per conoscere tutti i percorsi e le informazioni utili della ‘World Francigena Ultra Marathon’ è possibile consultare il sito www.francigenaultramarathon. L’evento è organizzato dai Comuni di Siena e Acquapendente con il patrocinio dell’Associazione Europea delle Vie Francigene e la collaborazione dei Comuni di Monteroni d’Arbia, Buonconvento, Montalcino, San Quirico D’Orcia, Castiglione D’Orcia, Radicofani, San Casciano dei Bagni e Proceno. Per informazioni è possibile contattare i numeri 0763 7309206 e 339 2680840 o scrivere una email all’indirizzo turismo@comuneacquapendente.it. Sui social segui fracigenaultramarathon su Facebook e Instagram e i profili EnjoySiena su Facebook, Twitter, Google+, Tumblr, Instagram, Pinterest, YouTube.

DICHIARAZIONI

«Esattamente dieci anni fa, nell’ottobre del 2007, posai il primo cartello in Europa della via Francigena con Romano Prodi, allora Presidente del Consiglio. In molti non ci credevano – ricorda il sindaco di Siena, Bruno Valentini – ma vincendo le diffidenze siamo andati avanti convinti che sarebbe stato l’inizio di una grande storia di successo, con ricadute positive sul territorio sia economiche che culturali. Con la prima World Francigena Ultramarathon la riscoperta dell’antica via di Sigerico compie un ulteriore passo in avanti, con un grande evento internazionale che coinvolge dieci comuni e due regioni. Siena è ancora una volta faro in Italia per le proposte innovative di turismo sostenibile, benessere e valorizzazione del patrimonio storico e paesaggistico».

«La World Francigena Ultra Marathon – ha detto Sonia Pallai, assessore al turismo del Comune di Siena – dà nuovo slancio ai progetti di valorizzazione e alla promozione della Via Romea di cui ci siamo occupati in questi anni. Dopo aver chiuso l’edizione 2017 di #Sienafrancigena: il primo trekking dedicato al tratto urbano della Via Romea, abbiamo pensato e lavorato a un progetto integrato che lega i tratti toscano e laziale dell’antica via che fin dal Medioevo era attraversata dai viandanti in viaggio verso Roma. Sarà una vera e propria festa per tutti gli amanti e gli appassionati del cammino che in città abbiamo deciso di accogliere fin dalla vigilia con il sorriso, grazie allo spettacolo di Gene Gnocchi. Una performance ricca di testimonianze aperta a tutta la città. Sarà un weekend ricco di opportunità anche per le famiglie che potranno cimentarsi nel percorso cittadino. L’augurio è che per tutti i partecipanti possa essere una vera e propria esperienza di viaggio che li avvicina alle persone, alla cultura, alle tradizioni locali, alla natura e ai prodotti tipici dei luoghi che saranno attraversati dal percorso».

«Siamo molto felici – ha detto Riccardo Crisanti, assessore alle politiche giovanili, eventi, francigena del Comune di Acquapendente – di essere riusciti, insieme al Comune di Siena, a lanciare una sfida grande come la 120 km a piedi per scoprire le bellezze di Toscana e Lazio. Un ringraziamento va a tutte le associazioni di volontariato e ai Comuni che saranno attraversati dai quattro percorsi che con grande impegno ci hanno aiutato a realizzare un evento che speriamo possa gettare nuovi ponti tra le istituzioni e le comunità».

«Questa iniziativa della World Francigena Ultra Marathon – ha detto Angelo Ghinassi, Sindaco di Acquapendente – ha già prodotto un grande risultato: la fattiva collaborazione di tanti comuni che si sono uniti nell’organizzazione di questo grande evento, unico nel suo genere.  La Francigena è una grande risorsa per il nostro territorio che, emarginato dalle vie di grande comunicazione, vede oggi una rinascita nel turismo spirituale e non solo, rappresentato dal passaggio di migliaia di pellegrini diretti a Roma lungo la Via di Sigerico. Per Acquapendente, la Gerusalemme d’Europa, che custodisce la copia più antica del Santo Sepolcro, questa manifestazione rappresenta anche una grande prova di capacità organizzativa, nonché un’occasione per promuovere le sue tante potenzialità turistiche».

Individuato l’autore di tre rapine fra Siena e San Gimignano

L’uomo, individuato grazie alla comparazione di due impronte digitali, è stato sottoposto a una misura cautelare nel Comune di Lecce

L’autore di tre rapine in banca compiute fra gennaio 2015 e luglio 2016, fra Siena e San Gimignano, è stato individuato dai Carabinieri e sottoposto a una misura cautelare limitativa della libertà personale.

La prima rapina era stata compiuta all’allora filiale della Banca Toscana di piazza Amendola a Siena, bottino poco più di 22.000 euro. Il primo aprile 2015 un’altra rapina sempre nello stesso sito di piazza Amendola dove nel frattempo la filiale era stata sostituita da una del Monte dei Paschi. Anche in questo caso il bottino era stato ragguardevole: ben quindicimila euro. In soli quattro mesi, col semplice uso di un taglierino, l’uomo aveva messo assieme, con assoluta facilità, una cifra davvero notevole.

L’Aliquota Rilievi Tecnici del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Siena anche in questa occasione è riuscita a operare in maniera perentoria.

Un’unica impronta digitale lasciata dal pur prudente rapinatore era stata inviata al RIS di Roma. Era questo lo spunto per intraprendere un’indagine molto accurata, condotta sotto la direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena.

Le indagini, delegate ai Carabinieri del Nucleo Investigativo dal procuratore dottor Filippo Vitello e dal sostituto dottor Antonino Nastasi, avevano condotto all’idea che il rapinatore venisse dal lontano, se non altro perché egli aveva agito in parte a volto scoperto, senza considerare troppo la collocazione delle telecamere di sorveglianza.

Il 19 luglio 2016, durante l’assalto alla filiale MPS di Piazza della Cisterna in San Gimignano, un rapinatore era stato bloccato da alcuni coraggiosi e, dopo una breve ma intensa colluttazione, avevano recuperato i 10.000 euro di refurtiva appena sottratti, consegnando poi il rapinatore e il denaro ai Carabinieri prontamente intervenuti.

Restituito il maltolto, i militari dell’Arma avevano prelevato le impronte digitali dell’arrestato, un uomo di ventinove anni, nativo di Lecce e le avevano inviate al RIS di Roma che, in sede di comparazione dattiloscopica, aveva individuato ben 22 punti di corrispondenza fra l’impronta del dito medio sinistro del rapinatore e quella rilevata oltre un anno prima. Per la certezza dell’oggettiva corrispondenza ne sarebbero bastati 17.

Le indagini comunque erano proseguite allo scopo di comparare i video della rapina con la figura fisica dell’arrestato e per monitorare con strumenti elettronici la storia degli spostamenti dell’uomo nei periodi delle rapine.

Tali riscontri hanno richiesto del tempo ma hanno fornito ulteriori elementi per raggiungere l’evidenza che le tre rapine fossero state opera della medesima persona. Così, il Tribunale del Riesame di Firenze, a prima conclusione del percorso giudiziario intrapreso dalla Magistratura senese, irrogava la prima misura cautelare personale, limitativa della libertà personale della persona indagata. Dopo la condanna a due anni per la terza rapina, ed in attesa del processo per le altre due, il rapinatore non potrà allontanarsi dal territorio del Comune di Lecce e dovrà andare tutte le sere ad apporre una firma presso una Stazione Carabinieri del luogo. La misura è stata notificata ieri dai militari dell’Arma nella città pugliese.

Arrestata a Colle una rapinatrice

La donna marocchina, da tempo residente in Colle Val d’Elsa,  è la responsabile di una rapina a  Siena

I carabinieri di Colle Val d’Elsa hanno arrestato una cittadina marocchina W.A. di 50 anni, nulla facente, in quanto colpita da ordine di esecuzione di pena, dovendo la stessa espiare un anno e 3 mesi di reclusione.

L’arrestata, da tempo residente in Colle Val d’Elsa,  è la responsabile di una rapina a  Siena, commessa alcuni mesi fa.

La donna è stata associata alla casa circondariale di Firenze-Sollicciano, a disposizione dell’autorità giudiziaria senese.

Scroll to top