Via ai laboratori del Siena Art Institute: sono 7 le borse di studio per gli studenti universitari

Borse di studio per spingere i giovani a imparare gli antichi mestieri e tramandare la tradizione artigiana insita nella memoria della città: è questo il cuore del progetto Space To Make (StM),ideato da Siena Art Institute insieme a molte altre realtà del territorio e finanziato grazie a un contributo della Fondazione Monte dei Paschi.

Con la di crisi del settore artigianale e la progressiva perdita delle botteghe, le comunità locali subiscono un grave impoverimento della propria identità che si ripercuote anche sulla memoria storica del territorio. Obiettivo del progetto è, dunque, riaffermare il ruolo di collante sociale delle botteghe rendendole luoghi di formazione e diffusione del patrimonio culturalee delle pratiche artigianali e, per questo, riaffermandole come nuove protagoniste della vita culturale della città. Dove i giovani possono imparare a creare gioielli con le loro mani o a plasmare la ceramica o perfino a coltivare un orto sostenibile.

È questo il contesto in cui si inseriscono i City Arts, workshop e laboratori organizzati dal Siena Art Institute e dedicati alla ceramica, l’artigianato orafo, l’orto e la sostenibilità. Il progetto Space To Make (StM) – finanziato da Fondazione MPS nel contesto del bando SIENAindiveniremette a disposizione 7 borse di studio per gli studenti dell’Università di Siena e dell’Università per Stranieri interessati a partecipare: tutti i corsi si svolgono tra ottobre e dicembre, durano 25 ore distribuite su 10 incontri settimanali e riconoscono crediti formativi nel percorso universitario.

Il programma completo dei City Arts [laboratori rivolti a tutta la cittadinanza senese e dedicati anche a fotografia, scrittura creativa, acquarello, disegno e pittura a olio] sarà presentato domenica 29 settembre durante l’Open Day del Siena Art Institute, in via E. S. Piccolomini 2 (presso Porta Romana).

 

Per iscrizioni e informazioni sulle borse di studio 0577 573086 – office@sienaart.org

—-

IL PROGETTO “Space to Make” (StM)

StM – presentato da Siena Art Institute in partenariato con le associazioni Culture Attive, TVSpenta, Coro Polifonici Senesi, Art Photo Travel, più l’IIS A. Volta, i Comuni di Siena, Rapolano Terme e San Gimignano, Pratt Institute, e con l’adesione informale di altre realtà locali – crea una rete di 26 “luoghi identitari delle pratiche tradizionali”, custodi della cultura materiale e immateriale della comunità locale sull’asse San Gimignano-Siena-Rapolano Terme. Gli spazi del fare, dalle botteghe agli spazi verdi urbani, sono così valorizzati da un’offerta culturale e di formazione rivolta in primis ai giovani che – tra artigianato, musica popolare, poesia e improvvisazione – rileggono il patrimonio culturale legato alle pratiche locali attraverso gli occhi e gli strumenti del contemporaneo.

Scroll to top